Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 19,99
Data di uscita
29/4/2011

Faery: Legends of Avalon

Faery: Legends of Avalon Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Focus Home Interactive
Sviluppatore
Spiders
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
12+
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
29/4/2011
Lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 19,99

Hardware

Per essere giocato a una risoluzione di medio livello con ombre ed effetti attivati (le uniche due opzioni grafiche del gioco), Faery: Legends of Avalon richiede un processore a 2,4 GHz, 2 GB di RAM e una scheda grafica con almeno 256 MB di RAM (l’installazione su Hard Disk è invece di circa 800 MB). Si può giocare sia con l’accoppiata mouse-tastiera, sia con un joypad (caldamente consigliato quello per Xbox 360).  

Multiplayer

Non sono presenti modalità di gioco in multiplayer.

Modus Operandi

Abbiamo giocato a Faery: Legends of Avalon grazie a una copia in digital delivery fornitaci da Digital Bros. A livello di difficoltà medio (il secondo su tre) abbiamo terminato il gioco in circa otto ore risolvendo praticamente tutte le quest.

Link

Recensione

Nel magico mondo delle fate

Da Spiders un GdR al delizioso sapore di fiaba.

di Francesco Destri, pubblicato il

Con un cospicuo ritardo rispetto all’uscita autunnale su Xbox Live Arcade, a cui è seguita la versione per PlayStation 3 a inizio anno, Faery: Legends of Avalon è finalmente approdato su PC con tanto di completa localizzazione in italiano dei testi e dei menù di gioco (i dialoghi non sono doppiati). A differenza delle versioni precedenti, il gioco è disponibile sugli scaffali dei negozi grazie alla distribuzione di Halifax a prezzo quasi budget e si tratta di un’uscita piuttosto interessante per gli amanti dei GdR fiabeschi.

nel blu dipinto di blu...

Tutto in Faery: Legends of Avalon trasuda fantasy. Il team francese di Spiders, già autore della conversione Xbox 360 del non malvagio Sherlock Holmes Vs Jack The Ripper e del prossimo Of Orcs And Men, ha infatti riempito il mondo del gioco con tantissimi riferimenti alla tradizione fiabesca europea (soprattutto quella dei paesi nordici), ambientando il tutto nella leggendaria Avalon (ma non solo) e popolando la nostra avventura di creature come unicorni, folletti, centauri, fate, troll, gnomi e altre delizie che non stonerebbero in un libro di favole per bambini. La grafica in cel-shading, che rimane tra le cose migliori del gioco, ha inoltre contribuito a incrementare il look fiabesco e proprio i paesaggi, il design delle creature e i colori pastello fanno entrare il giocatore nell’atmosfera di questo universo fantasy come meglio non si potrebbe.

Faery: Legends of Avalon ci mette nei panni di una fata, che dopo un lungo letargo viene svegliata dal Re di Avalon (l’austero Oberon) per svolgere un’importante e miracolosa missione. All’inizio possiamo scegliere il sesso e l’apparenza estetica del nostro alter ego, che come gli altri personaggi che ci accompagneranno nell’avventura è in grado di volare (anche a grande velocità) ma non di camminare o di mettere piede sulla terraferma. Un primo carattere distintivo che propone in effetti qualcosa di nuovo rispetto a quasi tutti i GdR odierni. Escludendo qualche piccolo intoppo nella visuale dall’alto verso il basso, essere sempre in volo è un’esperienza piacevole e spettacolare, grazie anche alla possibilità di raggiungere altezze notevoli per osservare al meglio l’area di gioco e allo sviluppo verticale dei quattro mondi di gioco, ognuno rappresentato da un elemento centrale (una torre, un albero) dall'altezza notevole.

tutti i poteri della terra

Il gameplay di Faery: Legends of Avalon si basa soprattutto su quest primarie e secondarie da ottenere parlando con i vari abitanti dei quattro mondi (ognuno alle prese con richieste o situazioni da risolvere), ma anche sui combattimenti a turni di scuola nipponica (i nemici sono però sempre ben visibili) e sulla crescita del nostro alter ego. Su questo versante non ci si aspetti nulla di particolarmente approfondito. Al passare dei vari livelli guadagniamo infatti solo punti esperienza da assegnare al miglioramento di skill già acquisite o a nuove abilità da sbloccare, ma per il resto non esiste nessun’altra caratteristica sulla quale agire. Per di più l’aumento di livello interessa solo il protagonista, mentre gli altri membri del party (potremo averne al massimo due contemporaneamente) sono gestiti automaticamente dall’intelligenza del gioco.

Il menù del personaggio non è dei più chiari e comodi da navigare - Faery: Legends of Avalon
Il menù del personaggio non è dei più chiari e comodi da navigare

Per il resto possiamo intervenire sullo sviluppo del nostro alter ego con oggetti di potenziamento trovati nei classici scrigni o ricevuti dai PNG come ricompense. A seconda del tipo di oggetto (fuoco, aria, acqua, terra) possiamo sviluppare un determinato tipo di attitudine offensiva o puntare tutto su potenza, resistenza o difesa a seconda delle nostre preferenze. Non si tratta di un sistema molto sfaccettato o complesso, ma considerando anche il target a cui il gioco è rivolto (principalmente neofiti dei GdR) la carne al fuoco è comunque sufficiente, nonostante l’assenza di un sistema di crafting e di negozi in cui vendere o comprare oggetti si faccia sentire sulla lunga distanza.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!