Genere
Sportivo
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
3+
Prezzo
59,99 Euro
Data di uscita
2/12/2005

FIFA 06 Road to FIFA World Cup

FIFA 06 Road to FIFA World Cup Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Genere
Sportivo
PEGI
3+
Distributore Italiano
DDE
Data di uscita
2/12/2005
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
59,99 Euro

Lati Positivi

  • Impatto grafico generale piuttosto buono
  • Il Widescreen è perfetto per un gioco di calcio
  • Set di comandi identico a Pro Evolution Soccer

Lati Negativi

  • Intelligenza artificiale rivedibile
  • Un passo indietro rispetto alle edizioni precedenti
  • Incompleto rispetto alle versioni Xbox e PS2

Hardware

FIFA 06 Road to FIFA World Cup è disponibile unicamente per Xbox 360.

Multiplayer

È possibile giocare in quattro in locale e sfidare altri utenti attraverso Xbox Live.
Recensione

FIFA 06 Road to FIFA World Cup

"Del Piero si propone tra le linee di difesa e centrocampo della formazione avversaria e si lancia in avanti, sfruttando l'indecisione del suo diretto marcatore. Alza la testa per cercare il movimento di un compagno, lo scatto in profondità di un attaccante, la sovrapposizione di un laterale, la possibilità di uno scambio... e comincia a piangere!"

di Simone Soletta, pubblicato il

Una buona idea, invece, è rappresentata dall'adozione di un menu di scelta rapida tra le formazioni e le tattiche in uso: agendo sul controller digitale dei joypad durante i momenti morti della partita potremo variare al volo le nostre impostazioni tecnico-tattiche, o effettuare sostituzioni rapide senza dover entrare nel menu generale.
L'esperienza giocata di FIFA Road to the FIFA World Cup 06, quindi, presenta limiti piuttosto gravi ai quali si aggiunge l'odiosa scelta di proporre - come già avvenuto in passato - una versione limitatissima del gioco per sfruttare l'anno dei mondiali con una doppia uscita. Le squadre disponibili sono appena 72, tutte nazionali e nemmeno sufficienti a realizzare tutti i gironi di qualificazione del mondiale. Volendo quindi immedesimarsi nella filosofia del gioco - già poco accattivante, in realtà - dovremo obbligatoriamente scegliere una squadra europea per affrontare il cammino di qualificazione così come è stato previsto dalla FIFA per i mondiali di Germania 2006.
Scegliere una squadra nella modalità "Road to the World Cup" significa affrontare amichevoli obbligatorie, tornei fittizi e le partite di qualificazione, senza nemmeno la "carota" finale rappresentata dalla competizione mondiale vera e propria.

OGNI SCARRAFONE È BELLO...

Dal punto di vista tecnico, FIFA Road to the FIFA World Cup 06 si presenta in modo molto altalenante su Xbox 360. Se l'impostazione generale del gioco appare inizialmente esaltante, grazie all'adozione obbligata del formato widescreen che ben si adatta alla rappresentazione del terreno di gioco, il naso comincia a storcersi di fronte a qualche scivolone di troppo nel comparto animazioni (i compagni, talvolta, seguono l'azione con una "mezza corsa" degna del miglior Ridolini). Manca, anche in questi casi, una fisicità credibile, specialmente nei tiri: siluri terra-aria partono con grande e irreale leggerezza, proprio come avveniva nelle peggiori uscite della serie, anche se va detto che in questo caso segnare è più complicato.
La rappresentazione somatica dei giocatori subisce gli stessi alti e bassi, con gli atleti più celebri rappresentati in modo tutto sommato valido (Del Piero, per esempio), ma con altri realizzati in modo eccessivamente caricaturale. Soprattutto, però, colpisce in negativo l'eccessivo utilizzo di effetti speciali sui giocatori durante i replay ravvicinati, con una sorta di "bagliore" che fa apparire i giocatori in maglia bianca come se fossero angeli circondati da aura mistica e che rende i visi più simili a quelli di un museo delle cere con i condizionatori d'aria in avaria che non alle controparti reali. Inoltre, durante i replay o negli intermezzi, il motore grafico mostra molte lacune, presentando scatti molto evidenti. Infine, stonano anche alcuni particolari incomprensibili, come il "42" di Stefano Fiore (assurdo un numero così alto in una nazionale) o la mancanza totale di visi nei giocatori durante la partita.
Gli stadi, se non altro, sono realizzati in modo eccellente, anche se il pubblico - capace di animare gli spalti in modo credibile - è ben poco definito, soprattutto se consideriamo il livello raggiunto dalle ultime versioni del gioco targate PC.

TUTTO DA RIVEDERE

Insomma, poco di FIFA Road to the FIFA World Cup 06 può essere ricordato con piacere: nemmeno il supporto a Xbox Live, più limitato rispetto alla versione Xbox e afflitto da problemi di lag piuttosto evidenti, aiuta a dimenticare difetti congeniti dovuti probabilmente alla necessità di presentarsi ai nastri di partenza in concomitanza con l'uscita di Xbox 360. La speranza è che la prossima versione, attesa insieme all'avvio della kermesse mondiale, sappia proporre un gioco più convincente in tutti i comparti. Fino ad allora crediamo che si possa fare a meno di un gioco di calcio per Xbox 360.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Può bastare un impianto grafico di buon livello e la possibilità di giocherellare durante i caricamenti per fare un buon titolo calcistico? Decisamente no: se FIFA Road to the FIFA World Cup 06 fosse un contenuto scaricabile da Xbox Live potremmo considerarlo una tech demo provvisoria di quello che diventeranno i giochi di calcio della generazione HD su Xbox 360, un po' come <a href="/html/articolo.php?id=5373">Fight Night Round 3</a> della stessa Electronic Arts. Invece è un gioco completo, e questo ci impedisce di apprezzarne appieno anche le caratteristiche meno discutibili. Troppo semplicistico nell'approccio, mancante di qualsiasi opzione manageriale/gestionale, limitato nella scelta delle squadre, poco godibile anche su Xbox Live (dove sono finite le ottime caratteristiche online della versione Xbox?), FIFA 06 Road to FIFA World Cup merita il nostro personalissimo cucchiaio di legno nella line-up attuale di Xbox 360. Tra i giochi che abbiamo provato, questo è senza dubbio quello che ci ha convinti di meno, ed è un vero peccato perché le potenzialità della nuova console di casa Microsoft si meritano ben altri sforzi.