Genere
Sportivo
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
3+
Prezzo
65,00 Euro
Data di uscita
28/9/2007

FIFA 08

FIFA 08 Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Genere
Sportivo
PEGI
3+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
28/9/2007
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
10
Prezzo
65,00 Euro

Hardware

Per giocare a FIFA 08 nell'edizione qui recensita avrete bisogno di una console Xbox 360 munita di relativo pad e di una confezione originaale del gioco. Sono supportate le HDTV con risoluzioni sino a 1080p, schermo in 16:9 e impianto sonoro Dolby Digital 5.1. Sono presenti diverse visuale di gioco tra cui scegliere e la colonna sonora è una delle migliore sentite in un titolo calcistico.

Multiplayer

Oltre alle classiche sfide offline sino a quattro giocatori, FIFA 08 sfrutta i server Electronic Arts e il network di Xbox Live per proporre una grande quantità di modalità, personalizzazioni e aggiornamenti di rose e formazioni in tempo reale. È possibile entrare in campo per sfide veloci, ma anche organizzare tornei e campionati articolati.

Link

Recensione

Velocità = Fatica

È importante saper gestire il ritmo della gara.

di Andrea Focacci, pubblicato il

FIFA 08 sfoggia un approccio di gioco senz'altro più macchinoso e ragionato rispetto a Pro Evolution Soccer di casa Konami, ma assai vicino alla realtà più di quanto non si possa immaginare: una volta presa dimestichezza con le funzioni addizionali offerte dallo stick analogico destro, che permette di allungarsi la palla in velocità e cambi di direzioni assortiti - anche finte e dribbling vari, ma più efficaci se soli di fronte al portiere che fra i difensori, per la verità - imbastire e concludere con successo diverse azioni è fonte di grande appagamento, non solo visivo. Insomma le partite spettacolari non mancano di certo, pur senza esagerare.

GESTIRE LE FORZE

Un altro particolare che sembra incidere sull'andamento della partita, più che in passato e rispetto a quanto visto in altri prodotti, è la gestione della fatica di ogni calciatore: utilizzare il tasto adibito allo scatto con molta prudenza, infatti, è una condizione necessaria per non sfiancare ali e centrocampisti già alla fine dei primi tempi.
Tanto più che tale "cambio di veocità" non è infinito, ma regolato da una barra dinamica che scende rapidamente verso lo zero: per dire, anche se avete Cristiano Ronaldo, partite pure in velocità dalla vostra area ma, di sicuro, verrete ripresi molto prima di entrare nell'area avversaria. L'unico risultato che otterrete sarà quello di diminuire l'energia del fuoriclasse e, di riflesso, anche il tempo disponibile per lo scatto, dato che i due indicatori procedono di pari passo. Un particolare che rende necessario non solo gestire il ritmo della partita, ma anche monitorare i titolari e, nel caso, provvedere alle dovute sostituzioni.

LA LEGGE DEI GRANDI NUMERI

Lo stesso modulo di gioco riveste un'importanza fondamentale visto che, come nella realtà, giocare con un modulo accorto o un 3-4-3 spregiudicato porta a due differenti risultati, sia dal punto di vista dello spettacolo sia del dispendio energetico. In ogni caso, le scelte di formazione non devono essere dettate dall'approsimazione: per dire, mettere un Di Natale come punta centrale in mezzo a difensori possenti, significa stritolare il giocatore in una brutta figura, dato che per caratteristiche avrebbe bisogno di partire qualche metro più indietro e possibilmente in velocità.
Sono solo alcuni dei molteplici esempi che si potrebbero fare per confermare la bontà simulativa del titolo Electronic Arts, ma che lasciamo alla vostra curiosità di sperimentazione.

I NEI SOPRA UN BEL VISO

Sono invece bene rimarcare un paio degli errori più ricorrenti che si sono evidenziati in fase di recensione e che speriamo verranno corretti e rivisti nelle future edizioni del gioco: i portieri tendono a svenire nelle fasi di mischia in area e, più in generale, ad avere prese poco salde nei tiri da lontano, che troppo spesso innescano frustranti ribattute a rete da parte degli attaccanti.
Proprio le situazioni di mischia sono forse il vero tallone d'Achile del gioco: tra contrasti duri e portieri non sempre completamente affidabili, non è mai facile uscire dall'area senza correre il rischio di incappare in fastidiosi rimpalli o evitabili autogol: con un po' di pratica è possibile ovviare a questi inconvenienti ma, su questi particolari, è bene che Electronic Arts lavori se vuole continuare il proprio cammino lungo la linea immaginaria che conduce dall'eccellenza felicemente inaugurata da questo FIFA 08.