Genere
Sportivo
Lingua
Tutto in Inglese
PEGI
16+
Prezzo
€ 64,99
Data di uscita
4/3/2011

Fight Night Champion

Fight Night Champion Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
EA Sports
Sviluppatore
EA Canada
Genere
Sportivo
PEGI
16+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
4/3/2011
Data di uscita americana
1/3/2011
Lingua
Tutto in Inglese
Giocatori
2
Prezzo
€ 64,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Ottimo come arcade o simulatore
  • Enorme quantità di regolazioni disponibili
  • Controlli via stick o pulsanti dall'inizio
  • Champion Mode molto spettacolare
  • Realizzazione senza eguali nella boxe

Lati Negativi

  • Caricamenti troppo numerosi
  • Assenza dei replay che si fa sentire
  • Completamente in inglese

Hardware

Fight Night Champion è disponibile su Xbox 360 e PlayStation 3 (versione provata nell'articolo).

Multiplayer

Oltre alle classiche sfide sulla stessa TV, troviamo un'intera sezione online con appositi eventi, tornei e match classificati che assegnano punti esperienza da usare successivamente nel gioco in singolo. Come in tutti i giochi di casa Electronic Arts, l'accesso alle funzioni di rete è legato a un "pass" presente nelle copie di lancio o acquistabile online se scegliamo l'usato.

Link

Recensione

Tra film ed evento sportivo

EA Sports va al cinema, con i guantoni.

di Alessandro Martini, pubblicato il

D'altra parte, l'intero sistema Full Spectrum Punch mostra ancora piccole debolezze nella risposta ai comandi (talvolta troppo lenta) e in alcune collisioni non molto puntuali. Capita di andare a vuoto anche con un pugno portato con tempismo quasi perfetto, o di essere colpiti semplicemente perché la nostra schivata è iniziata troppo in ritardo. Situazioni comunque rare, e in ogni caso comandi troppo rapidi avrebbero azzerato il realismo e la componente simulativa del combattimento.

un film che colpisce sotto la cintura

Tornando alla modalità Champion, la storia di Andre Bishop è raccontata allo stesso modo delle più moderne serie TV americane ovvero tramite tagli rapidi di inquadratura, una colonna sonora ben ritmata e una trama ricca di stereotipi. Abbiamo infatti l'impresario-gangster che si vendica del nostro rifiuto a firmare con lui, la bella di turno innamorata del pugile maledetto e tutta una serie di comprimari ispirati a vari classici di Hollywood, iniziando dal nostro allenatore (un trainer anziano con voce rauca). Al di là delle riflessioni sui contenuti dei vari intermezzi, parliamo sempre di un gioco sportivo e in quest'ottica l'attenzione a trama e personaggi resta degna di nota: per quanto tutto sia realizzato con modelli in computer grafica e animazioni digitali, il grado di realismo "visivo" è sempre molto alto, mentre la regia non lascia un attimo di respiro in termini di colpi di scena. Un attimo si ascolta Bishop ricordare i bei tempi andati, e pochi secondi dopo riviviamo un suo vecchio incontro per il titolo (giocandolo direttamente). Anche gli attori scelti per il doppiaggio e i contenuti della trama risultano adatti al contesto, con la giusta percentuale di imprecazioni e scene violente a condire il tutto (ben oltre i limiti del bollino 16+ sulla copertina). Da ricordare, infine, che esistono vari livelli di difficoltà anche nel Champion Mode e che possiamo rivedere i video sbloccati nei menu, riuniti come fossero i vari episodi di una "stagione" televisiva.

più vero del vero in forma digitale

Per quanto arrivi in fondo all'articolo, la realizzazione di Fight Night Champion è di sicuro ciò che colpisce l'osservatore, e ancor più il giocatore, dai primi secondi d'azione sul ring. Riuscendo a migliorare ulteriormente il già ottimo motore grafico dei vecchi episodi, troviamo figure umane di un realismo inatteso, sopratutto nell'ampia gamma di movimenti che caratterizza i colpi e i loro effetti sul corpo di chi li riceve. Proprio per questa ragione si sente forte la mancanza dei replay, che avrebbero aumentato la sensazione di essere davvero in mezzo all'incontro. Altri piccoli fastidi si trovano nei caricamenti, ancora lunghi e numerosi, e in qualche animazione troppo meccanica e "perfetta" per essere attribuita a un atleta. Ma si tratta veramente di piccoli dettagli se guardiamo il sistema di illuminazione, i movimenti e la modellazione dei vari pugili, oltre a un comparto audio di prim'ordine. Non solo la telecronaca in stile TV, ma i commenti dei secondi nelle pause tra i round, che risultano davvero utili a capire l'andamento del match (a patto, ovviamente, di sapere bene l'inglese). Ritroviamo inoltre un'ampia scelta di pugili per tutte le classi di peso principali: dall'ex testimonial Mike Tyson, passando per Lennox Lewis, tornando immancabilmente a George Foreman o Muhammad Alì. Se non volessimo calarci completamente nella carriera single-player con il nostro alter-ego, potremo usarli nelle sfide tra amici sulla stessa TV oppure online, attraverso le varie versioni dell'incontro rapido. Perché il maggior pregio di Fight Night Champion è proprio questo: mostrare la parte cinematografica della boxe senza dimenticare quella prettamente sportiva, e sopratutto senza svilire una serie che finora non ha mai deluso le aspettative.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Fight Night Champion riesce a migliore il già alto profilo dei capitoli precedenti posizionandosi come miglior gioco di boxe attualmente sulla piazza, se non proprio il migliore mai visto nel settore videogame. Oltre all'eccellente realizzazione (la grafica degli incontri si avvicina a un filmato precalcolato in molte situazioni), troviamo due diverse "anime" che coesistono in maniera perfetta: la storia di Andre Bishop più vicina ai giochi arcade, e il Legacy Mode che invece simula in modo realistico la carriera di un pugile alle prime armi. Considerata la componente online, con annessa condivisione e creazione di pugili, e tutte le regolazioni per controlli o difficoltà, c'è veramente poco o nulla da recriminare: giusto i caricamenti e qualche animazione rivedibile. In definitiva, Fight Night Champion è obbligatorio se amate la boxe, e fortemente consigliato a chiunque apprezzi un ottimo titolo sportivo.

Commenti

  1. jpeg

     
    #1
    Bella recensione, lunga, completa... Tra l'altro sei andato ad analizzare un paio di aspetti che ancora mi premeva di vedere investigati (ad altre questioni, c'aveva già pensato la preview).

    Ti chiedo ancora un paio di cose, se hai modo di rispondere:

    - ho appeso i guantoni di Fight Night Round 4 proprio ieri sera, ritirando il mio Tyson col titolo di Greatest of All Time. Non ho praticamente mai giocato online e per questo sono rimasti fuori parecchi Achievement, mentre con FNR3 arrivare ai 1000 era questione di portare a termine (o meno) la Carriera. Questo Champion come si colloca tra i due?
    Di trofei e punti giocatore (di per sè) mi interessa pochissimo, ma in questo genere di simulazioni sportive mi piace sentire che la progressione in single play è premiata a dovere.

    - hai mica avuto modo di provare la versione 360?
    Non tanto per comparazioni di natura tecnica, quanto piuttosto per pesare i caricamenti a gioco installato.
  2. auron2002

     
    #2
    A me dalla demo mi sembrò una copia pari pari del quarto capitolo.
  3. aleZ

     
    #3
    jpeg ha scritto:
    con FNR3 arrivare ai 1000 era questione di portare a termine (o meno) la Carriera. Questo Champion come si colloca tra i due?
     
    Non ho capito la domanda, se parli di come vada completato il legacy mode anche qui ci sono degli obiettivi da raggiungere, tipo vincere il 90% degli incontri come peso massimo per diventare appunto GOAT. In ogni caso il Champion Mode è proprio una carriera separata fatta di video e incontri con tanto di loro livello di difficoltà e così via. Invece non ho provato la versione per Xbox 360 mentre online c'è tutta un'altra serie di opzioni (tornei, sfide rapide, eventi speciali ecc) come spiegato nell'apposito trailer.
    PS
    grazie dei complimenti per l'articolo.
  4. jpeg

     
    #4
    aleZ ha scritto:
    Non ho capito la domanda, se parli di come vada completato il legacy mode anche qui ci sono degli obiettivi da raggiungere, tipo vincere il 90% degli incontri come peso massimo per diventare appunto GOAT. In ogni caso il Champion Mode è proprio una carriera separata fatta di video e incontri con tanto di loro livello di difficoltà e così via. Invece non ho provato la versione per Xbox 360 mentre online c'è tutta un'altra serie di opzioni (tornei, sfide rapide, eventi speciali ecc) come spiegato nell'apposito trailer.
    PS
    grazie dei complimenti per l'articolo.
    In effetti non sono stato chiarissimo... ^_^
    Mi interessa sapere se i trofei/obiettivi ti sembrano concentrati sul Single Play (vista la caterva di modalità) oppure più o meno 50-50 come nel caso di Round 4.
  5. aleZ

     
    #5
    jpeg ha scritto:
    Mi interessa sapere se i trofei/obiettivi ti sembrano concentrati sul Single Play (vista la caterva di modalità) oppure più o meno 50-50 come nel caso di Round 4.
     
    Non posso saperlo dato che non essendo ancora uscito (il gioco) online non c'è praticamente nessuno però guardando tra legacy mode e champion mode direi 50-50.
  6. jpeg

     
    #6
    aleZ ha scritto:
    Non posso saperlo dato che non essendo ancora uscito (il gioco) online non c'è praticamente nessuno...
    E c'hai anche ragione, in effetti non ho considerato l'anticipo... :))
  7. Kaya

     
    #7
    auron2002 ha scritto:
    A me dalla demo mi sembrò una copia pari pari del quarto capitolo.
     assolutamente no, a partire dai controlli, passando per la velocità, per la possibilità di uscire in attacco direttamente dalla guardia, che non è più direzionabile. io lo aspetto con ansia, ho visto qualche filmato che parlava delle modalità online, per quanto ho capito addirittura simili alla modalità club di fifa, carriera online con la possibilità di avere una palestra con roster di pugili; insomma, di carne al fuoco ce n'è.
  8. utente_deiscritto_5167

     
    #8
    aleZ ha scritto: 
    Se infatti non volete vivere il nuovo "film interattivo" (tra l'altro completamente in Inglese, come tutto il gioco, senza sottotitoli)
     Che miti, eh. Io l'inglese lo so bene, ma nemmeno i sottotitoli. E andate "a quel paese".
  9. Appomatox

     
    #9
    Dato che non ho ancora scaricato la demo (in questi giorni la mia 360 è impegnata con Dragon Age II e Bulletstorm :D)
    Voleve delle precisazione per quanto riguarda l'argomento "Velocità"
    Perchè dove vedere Pacman vs Cotto che si tirano 10.000 pugni a 120km all'ora non è qualcosa di molto distante dalla realtà, lo stesso non si può dire di un Foreman vs Frazier.
    L'unico punto debole di FNR4 era questo per me e vorrei sapere se c'è stato un sensibile cambio in Champion.
    Grazie
  10. Kaya

     
    #10
    Appomatox ha scritto:
    Dato che non ho ancora scaricato la demo (in questi giorni la mia 360 è impegnata con Dragon Age II e Bulletstorm :D)
    Voleve delle precisazione per quanto riguarda l'argomento "Velocità"
    Perchè dove vedere Pacman vs Cotto che si tirano 10.000 pugni a 120km all'ora non è qualcosa di molto distante dalla realtà, lo stesso non si può dire di un Foreman vs Frazier.
    L'unico punto debole di FNR4 era questo per me e vorrei sapere se c'è stato un sensibile cambio in Champion.
    Grazie
     sensibile cambio direi di no, ma la stazza e il peso del pugile si fa sentire, c'è una bella differenza tra un paquiao-cotto e un tyson-alì, in termini di velocità e potenza dei colpi.
Continua sul forum (48)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!