Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
69,99 Euro
Data di uscita
29/5/2002

Final Fantasy X

Final Fantasy X Aggiungi alla collezione

Datasheet

Genere
Gioco di Ruolo
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
29/5/2002
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
69,99 Euro

Link

Speciale

Final Fantasy X presentato in Italia

Manca quasi un mese alla pubblicazione di Final Fantasy X e per l'occasione Sony e Square hanno organizzato un press-tour. L'11 aprile, presso Sony, sono arrivati dal Giappone alcuni membri del team di sviluppo: il Producer Shinji Hashimoto, il regista Yashinori Kitase, lo Scenario Writer Kazushige Nojima e il celebre compositore Nobuo Uematsu. Cronaca di questo memorabile incontro!

di Tatiana Saggioro, pubblicato il

Quanto sia importante il lancio di questo titolo lo dimostra la presenza sul suolo italico di alcune fra le più eminenti figure che hanno contribuito allo sviluppo di Final Fantasy X, compreso lo stesso Nobuo Uematsu, forse dopo Sakaguchi una fra le personalità più note di Square ed elemento costante all'interno dei diversi team di sviluppo dei vari capitoli della serie.
Prima di iniziare la conferenza stampa, sono state rilasciate da Andrea Cuneo (Software Manager di Sony Computer Entertaiment Italia) alcune fondamentali informazioni sulla pubblicazione del nuovo titolo Square. Innanzi tutto è stata confermata l'uscita del 29 maggio 2002 al prezzo di 59.99 Euro. La confezione del gioco prevede, come già annunciato, l'inserimento di un DVD bonus ricco di extra che abbiamo avuto modi di vedere in anteprima durante l'incontro. Ovviamente girava sui monitor anche una copia PAL del gioco.
Final Fantasy X, come avevamo già avuto modo di notare dalla demo (in merito, vi consigliamo di leggere la nostra preview), è stato convertito a 50 Hz e presenta le solite bande nere che in passato hanno caratterizzato tutte le conversioni PAL della serie, ma che giustamente sono diventate sempre più invise ai giocatori europei. Questa volta la scelta di non ottimizzare il gioco inserendo anche un selettore per i 60 Hz è stata giustificata dalla necessità di sincronizzare la voce dei doppiatori con i movimenti del labile dei personaggi, che non avrebbe consentito di ottenere buoni risultati in tempi relativamente brevi. Andrea Cuneo ha sottolineato inoltre che Sony, per farsi perdonare delle lungaggini dovute ai tempi di localizzazione del gioco e per la presenza delle bande nere, ha deciso di omaggiare i numerosi fan europei con questo disco bonus, senza gravare sul prezzo del prodotto finale. E' un regalo questo che, secondo loro, dovrebbe in qualche modo arginare le prevedibili polemiche che seguiranno alla commercializzazione del gioco in Europa.
L'incontro con i membri di Square è stato moderato da Matteo Bittanti, che ha aperto gli interventi con un'interessante analisi del "fenomeno" Final Fantasy. L'evento si è poi diviso in due momenti distinti: una prima parte con un botta e risposta comune alle diverse testate di settore e non, e una seconda parte in cui Nextgame.it ha avuto modo di intervistare, in un breve tête à tête, Mister Hashimoto, Kitase, Nojima e Uematsu.
Di seguito riportiamo parte della conferenza stampa: molti dei contenuti risentono purtroppo del non perfetto lavoro di traduzione svolto dall'interprete giapponese. Nella seconda parte di questo speciale invece abbiamo voluto inserire anche alcune delle domande e risposte presenti nel press-kit ufficiale dell'evento. "Dulcis in fundo", un prossimo articolo di imminente pubblicazione sarà totalmente dedicato all'intervista che abbiamo realizzato per voi.

Domanda: Si assite sempre più a una contaminazione fra cinema e videogiochi. Non temete che con l'inserimento di filmati in Full Motion Video, si perda il coinvolgimento del videogiocatore?

Yoshinori Kitase: L'inserimento delle sequenze in FMV consente di proiettare l'identità del giocatore verso il videogioco stesso. Ne aumentano il coinvolgimento.

Domanda: Il tema apocalittico è una tematica che ritroviamo spesso in tutta la serie di Final Fantasy e ricorre anche nell'opera di Miyazaki.

Kazushige Nojima: La sceneggiatura prevede che il protagonista debba "rigenerare" una situazione. Gli eventi vengono sconvolti e sarà compito del protagonista portarli alla normalità, quasi come se si assistesse a un percorso di rinascita.

Yoshinori Kitase: Lo scopo che ci proponiamo è quello di creare situazioni che permettano ai videogiocatori di uscire dalla loro quotidianità, proiettandosi nel videogioco.

Domanda: Quali sono le principali innovazioni presenti in Final Fantasy X?

Nobuo Uematsu: Fra le innovazioni più rilevanti vi è l'inserimento della voce e qualitativamente le immagini sono molto migliorate. In questo nuovo episodio ci siamo trovati a gestire il tutto come se fosse una ripresa cinematografica: forse è stato anche uno degli aspetti più difficoltosi da affrontare nella produzione di Final Fantasy X.

Domanda: Le novità che sono state introdotte in Final Fantasy X saranno incluse anche nei prossimi episodi, escluso ovviamente Final Fantasy XI on-line?

Kazushige Nojima: Ogni singolo capitolo ha un suo team di sviluppo e cambia di volta in volta direttore e regista. Le scelte che riguardano le novità da introdurre dipenderanno da chi dirigerà i prossimi capitoli, quindi adesso non possiamo sapere quali saranno le innovazioni che verranno apportate nei prossimi episodi. Il capitolo undici invece sarà totalmente online.

Domanda: Com'è nato questo nuovo episodio di Final Fantasy?

Kazushige Nojima: In Final Fantasy VIII il protagonista era molto introverso, così in questo nuovo episodio abbiamo deciso di cambiare un po' creando un personaggio che esteriorizzasse le sue emozioni. La stesura della sceneggiatura ha richiesto tre o quattro mesi di lavoro. Avevamo inoltre deciso di coinvolgere maggiormente il giocatore, ambientando il gioco in un mondo più realistico e meno fantasy per questo abbiamo deciso di utilizzare uno scenario più asiatico.