Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Inglese
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
18/4/2004

Final Fantasy XI

Final Fantasy XI Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Square Enix
Sviluppatore
Square Enix
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
12+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
18/4/2004
Lingua
Inglese
Giocatori
Massive Multiplayer

Lati Positivi

  • Buona grafica
  • Valido sistema di missioni
  • Splendido mondo di gioco

Lati Negativi

  • Interfaccia limitata
  • Problemi di telecamera

Hardware

I requisiti minimi per giocare prevedono un PC equipaggiato con un processore Pentium III a 800 MHz, 128 MB di RAM e una scheda video con almeno 32 MB di memoria. La configurazione consigliata comprende invece un processore Pentium 4, 256 MB di RAM e una scheda video compatibile DirectX 8.1 con almeno 64 MB di VRAM. Sono necessari 7,5 GB di spazio libero su hard disk, una scheda sonora compatibile DirectX e un lettore CD-Rom. E' richiesta ovviamente una connessione a Internet piuttosto veloce.

Multiplayer

Il gioco è predisposto unicamente per partite online e come tale coinvolge centinaia di utenti che convivono nello stesso mondo fantasy.

Link

Recensione

Final Fantasy XI Online

Preparate le evocazioni, radunate gli amici e sellate il vostro chocobo: Final Fantasy XI Online è disponibile anche per i fan europei della storica saga di Square-Enix, che ora possono riunirsi online e visitare il mondo di Vana'Diel in cerca avventure e gloria. L'epoca di Cloud Strife e Squall Leonhart è definitivamente tramontata in favore della Grande Rete?

di Stefano Castelli, pubblicato il

E' il grande passo che sempre più serie storiche di videogiochi stanno compiendo: il salto nel vorticoso mondo del gioco online. Iniziò Ultima con l'ormai glorioso Ultima Online, fu seguita da Phantasy Star (primo a proporre il concetto di GdR Online su console) ed ora è la volta di un altro marchio importantissimo e incredibilmente popolare: Final Fantasy. Dopo ben dieci capitoli (e numerosi spin-off) da giocare offline, la saga portante di Squaresoft (ora Square-Enix) approda sulla Grande Rete con questo undicesimo capitolo creato appositamente per il gioco online. A causa della mancata distribuzione dell'hard disk per PlayStation 2 (console che per prima, in Giappone, ha ospitato Final Fantasy XI) i fan europei della storica saga di Giochi di Ruolo Giapponese sono dovuti rimanere lontani da questo capitolo online. Fortunatamente la valida versione PC del gioco è finalmente giunta nei negozi grazie a Ubisoft, portando con se le due espansioni ufficiali e qualche altra sorpresina. Dunque, finalmente i confini di Vana'Diel sono aperti al pubblico italiano.

PLAY ONLINE!

Dopo aver installato i ben sette CD che contengono tutto il software necessario e aver scaricato un centinaio di megabyte di patch e aggiornamenti, eccoci pronti ad entrare nel mondo di Final Fantasy XI Online. Innanzitutto è necessario lanciare un software chiamato PlayOnline Viewer che consente di configurare il proprio account per i servizi online di Square-Enix: eventuali altri giochi pubblicati online dalla stessa società utilizzeranno questa stessa stilosa interfaccia, che include funzionalità interessanti come un completo sistema di messagistica e una lista degli amici. La confezione del gioco include codici seriali per "attivare" Final Fantasy XI Online, le due espansioni, l'abbonamento a PlayOnline e quello al sotto-gioco di carte Tetra Master, direttamente migrato da Final Fantasy IX. L'abbonamento incluso nella confezione consente di giocare per un mese, dopodiché verranno addebitate le quote mensili dei contenuti che ci interessa mantenere sulla carta di credito fornita per l'iscrizione (prassi comune a praticamente tutti i Giochi di Ruolo online a pagamento).
Sbrigate tutte queste formalità "burocratiche" e impostate le opzioni hardware è finalmente il momento di "lanciare" Final Fantasy XI Online ed entrare in Vana'Diel.

IO, EROE

La fase di generazione del personaggio in Final Fantast XI Online è molto semplice rispetto alla media per questo genere di videogiochi. Il giocatore deve innanzitutto selezionare una delle cinque razze disponibili: umani (o meglio, Hume), Elvaan (una sorta di elfi dalla carnagione olivastra), Tarutaru (piccole creature umanoidi), Mithra (stirpe di donne-gatto) e Galka (massicci umanoidi dall'aspetto ferino). Selezionata la razza in base alle caratteristiche richieste è il momento di definire l'aspetto del personaggio scegliendone il volto, le proporzioni del corpo e il colore dei capelli.
Si passa infine a sceglie il mestiere (job) del nostro eroe: inizialmente sono disponibili sei differenti professioni (Guerriero, Monaco, Mago Bianco, Mago Rosso, Mago Nero e Ladro), ciascuna caratterizzata dal proprio set di abilità specifiche. Per esempio, i guerrieri sono molto portati per il combattimento armato mentre i monaci sono maestri di arti marziali e i vari tipi di mago fanno degli incantesimi la propria forza.
La scelta del mestiere non è però drastica come in altri Giochi di Ruolo online: in qualsiasi momento il giocatore può infatti recarsi presso appositi edifici (le case del caro vecchio Mog) per modificare il proprio job, ottenendo così personaggi multi-classe molto versatili. Ai mestieri principali si uniscono inoltre degli Extra Job attivabili dopo aver raggiunto particolari prerequisiti. Ci sarà così la possibilità di diventare bardi, samurai, ranger, evocatori e altri ancora.
Non esiste dunque una particolare gestione dei punteggi tipici di un Gioco di Ruolo (forza, intelligenza e altri), salvo eventuali modifiche apportate dall'equipaggiamento. Analogamente, non esistono particolari specializzazioni all'interno dei mestieri stessi, come può avvenire per esempio in Neverwinter Nights. E' dunque piuttosto facile incontrare personaggi-fotocopia dei propri e i giocatori particolarmente interessati alla personalizzazione del proprio eroe potrebbero rimanere delusi dalla rigidità proposta dal gioco.

DI CHE REAME SEI?

Dopo aver dato vita al proprio personaggio sarà necessario scegliere in quale dei tre reami disponibili trasportarlo per dare inizio all'avventura. Il Reame di San D'Oria è un luogo di stampo tipicamente medievale abitato prevalentemente da Elvaan, con una grande capitale fortificata (San D'Oria, appunto) e una massiccia presenza militare e religiosa. La Republica di Bastok, fondata dagli Hume e rappresenta il fulcro tecnologico di Vana'Diel. Numerosi Galka risiedono in Bastok, dove lavorano come minatori. Infine, la Federazione di Windurst è il regno creato dalle tribu dei Tarutaru, un luogo spiritualmente legato alla natura, nonché cuore culturale e magico di Vana'Diel. In Windurst risiede inoltre la maggior parte dei Mithra, da sempre amici e alleati dei TaruTaru.
Scegliere il reame di appartenenza non rappresenta soltando una scelta logistica, ma anche una sorta di impegno: i tre reami sono infatti impegnati a difendersi da un nemico comune, ma allo stesso tempo risultano in continua competizione tra loro per il possesso dei territori neutrali che li circondano/separano. A differenza della predisposizione maggiormente bellica di giochi come Dark Age Of Camelot, comunque, l'interazione tra reami in Final Fantasy XI avviene secondo ben precise regole. Gli scontri tra avventurieri rappresentanti dei diversi reami sono infatti regolati da un vero e proprio calendario e si basano su eventi noti come "Ballista", una sorta di tornei cavallereschi che rappresentano uno dei più ampi spunti di aggregazione in Final Fantasy XI. Ovviamente per partecipare e contribuire in modo tangibile al progresso del proprio reame (guadagnando così anche fama nella comunità di gioco) bisognerà prima di tutto potenziare in modo sufficiente il nostro alter-ego.

BRUTTI INCONTRI

Il sistema di combattimento implementato nel gioco è davvero molto semplice e facile da utilizzare, ma allo stesso tempo intrigante e impostato in maniera da rendere gli scontri visivamente spettacolari. Una volta selezionato un bersaglio da attaccare, la musica di gioco cambia (come da tradizione della saga) e la visuale si sposta avvicinandosi al nostro personaggio e formando un'interessante inquadratura prospettica che include anche l'avversario. Da questo momento i nostri movimenti diventano relativi al bersaglio: possiamo avvicinarsi, allontanarci e ruotarci attorno, rimanendo sempre voltati verso di lui. Quando il nostro personaggio arriva a portata di un colpo (a seconda delle armi utilizzate) inizia automaticamente a colpire il nemico, come in Dark Age Of Camelot e Shadowbane. Tramite un menu è dunque possibile utilizzare abilità speciali, oggetti e incantesimi. Il risultato appare come la naturale trasposizione del battle-system tipico della saga nel contesto di un Gioco di Ruolo online: anche se in pratica tutto funziona come in molti altri MMORPG, il feeling che si ha con menu e scelte varie è lo stesso che si ha durante una battaglia al fianco di Cloud Strife o Tidus.
Certamente non è sempre conveniente attaccare in nemico: anche Final Fantasy XI include quindi un sistema di valutazione dello scontro che va attivato "osservando" l'avversario. E' inoltre presente un semplice sistema di "priorità" delle battaglie che consentono a un giocatore di "reclamare" come proprio un nemico, evitando così che altri utenti gli "rubino" la vittima prescelta: in ogni caso, basterà chiedere aiuto tramite l'opzione apposita per consentire agli altri di intervenire in proprio aiuto. E' inoltre possibile formare i classici "party", gruppi di giocatori che affrontano assieme le insidie di Vana'Diel dividendosi i preziosi punti esperienza ottenuti durante le loro imprese. La crescita del personaggio è legata a due parametri fondamentali: i già citati punti-esperienza (che consentono di aumentare il livello del nostro eroe) e i punteggi di singole abilità, come l'utilizzo delle armi, la capacità di parare o schivare e via dicendo. Questi ultimi valori vengono potenziati in maniera naturale, semplicemente utilizzando con successo le varie "skill" del personaggio. Un aspetto del sistema di combattimento che non convince pienamente è la particolare gestione della telecamera: se da un lato infatti permette di spettacolarizzare le battaglie grazie alla prospettiva scelta, dall'altro lega la visuale a determinati eventi, lasciando il giocatore piuttosto prigioniero della visuale stessa e senza possibilità di comprendere bene cosa gli accade intorno. Analogamente, durante le esplorazioni la visuale appare leggermente "lenta" nell'adeguarsi agli spostamenti del personaggio, causando così problemi quando si voltano angoli o si aggirano grandi elementi del paesaggio.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Sebbene all'interno di un territorio a lei poco conosciuto, Square-Enix ha creato con Final Fantasy XI Online un Gioco di Ruolo online completo, divertente e longevo, adatto sia ai neofiti del genere sia ai videogiocatori già navigati. Le radici del gioco orientate verso PlayStation 2 (e riscontrabili chiaramente nel sistema di controllo e in parte della realizzazione tecnica) potrebbero far storcere il naso a qualche giocatore, ma sottovalutare Final Fantasy XI Online è un errore che il giocatore esperto non dovrebbe commettere: il gioco è ben strutturato, stimolante e programmato con una competenza tale da non sfigurare rispetto a titoli nati esclusivamente per PC. Maggiore libertà nella creazione dei personaggi, una realizzazione tecnica migliore e qualche ingenuità in meno sarebbero decisamente ben accette in un eventuale seguito: nel frattempo, i patiti dei Giochi di Ruolo online possono concedersi senza timori un soggiorno nel mondo di Vana'Diel.