Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
3/2/2012

Final Fantasy XIII-2

Final Fantasy XIII-2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Square Enix
Genere
Gioco di Ruolo
Data di uscita
3/2/2012
Data di uscita americana
31/1/2012
Data di uscita giapponese
15/12/2011

Link

Intervista

Un fantasista purosangue

Intervista a Yoshinori Kitase, producer di Final Fantasy XIII-2.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

Classe 1966, quest’anno oltre a 45 candeline all’anagrafe Yoshinori Kitase ne spegne 20 al servizio di Squaresoft (da qualche anno Square Enix). Tra le sue mani, sotto ruoli di responsabilità sono passati capolavori come Chrono Trigger e Final Fantasy VI e VII, nonché una lunga sfilza di titoli di primissimo piano del catalogo di uno dei più grandi colossi dell’industria dell’intrattenimento giapponese e mondiale. Di Kitase ci piace ricordare anche alcune delle sperimentazioni particolarmente azzardate per la sua compagnia, come quella nel mondo dei beat’em up a incontri di Ergheiz, quella sulla carta al limite dell’inconciliabile contrasto culturale fatta in collaborazione con Disney di Kingdom Hearts e il delicato compito di tentare una seconda volta nel mondo dell’animazione, dopo il disastro finanziario di The Spirit Whitin, con Final Fantasy VII Advent Children. Kitase è anche produttore degli ultimi “pezzi grossi” prodotti da Square, Final Fantasy XIII e Final Fantasy XIII-2. Ed è in questa veste che abbiamo avuto l’onore di incontrarlo, qualche giorno fa, a Milano, e di poter avere un botta e risposta con lui, a seguito di una nostra lunga prova sul campo di Final Fantasy XIII-2.

Videogame.it: Giocando abbiamo notato i Paradigm Pack, che permettono di creare delle formazioni composte da mostri, che ora possono dunque affiancarci come alleati. Abbiamo anche visto che si possono sviluppare, come personaggi, ma in maniera diversa rispetto a quelli principali. Ci puoi parlare delle differenze?

Yoshinori Kitase: Al pari dei membri del party umani, anche i mostri vanno sviluppati attraverso il Crystarium. Ma mentre per migliorare i primi occorre accumulare Crystal Point, per i mostri servono oggetti più comuni, del tipo di quelli che si ottengono anche come bottino di una battaglia.

Senza voler mancare di rispetto a Kitase-san: sui mostri da sviluppare nel Crystarium tramite oggetti c'eravamo arrivati anche noi... - Final Fantasy XIII-2
Senza voler mancare di rispetto a Kitase-san: sui mostri da sviluppare nel Crystarium tramite oggetti c'eravamo arrivati anche noi...

Videogame.it: Nell’introduzione abbiamo visto Lightining evocare Odin. Questo vuol dire che tornerà il sistema di Summon/Edolon di Final Fantasy XIII, compreso magari di Gestalt Mode?

Yoshinori Kitase: Il sistema è molto diverso in questo episodio. Se ricordate, in Final Fantasy XIII c’erano i L'Cie che potevano evocare tutte queste creature poderose, ma alla fine della storia tutti gli L’Cie sono stati liberati o comunque non esistono più. Essendo una continuazione diretta di quegli eventi, in Final Fantasy XIII-2 non possiamo proporre la stessa struttura, per cui abbiamo questa nuova possibilità di gioco, ovvero quella di schierare mostri come alleati (da uno a cinquanta), di cui ci appena avete chiesto e che di fatto sostituisce gli Edolon.

Videogame.it: Nel terzo episodio del gioco, ambientato a Yaschas Massif, abbiamo visto che il Paradox aveva generato un’eclissi di sole, che influenzava il comportamento dei nemici: più aggressivi al buio, ma anche fotosensibili, per cui si potevano evitare i combattimenti o ci si poteva aiutare nella lotta con loro tramite fonti di luce. Negli altri livelli di gioco troveremo altre implicazioni similmente particolari?

Yoshinori Kitase: Ogni ambientazione o linea temporale in cui ci si trova in Final Fantasy X-III offre modi specifici di giocare. L’eclisse di cui avete parlato è un effetto confinato a Yaschas Massif, più avanti nell’avventura troverete cose diverse.

Videogame.it: Quindi possiamo aspettarci sorprese?

Yoshinori Kitase: Certamente. Tra quelle che ci piacciono di più ce ne sono alcune dal taglio puzzle, dove occorre trovare la propria strada e l’accesso a risorse particolari muovendosi all’interno di veri e propri rompicapo.

Le sezioni di stampo puzzle che abbiamo giocato ci sono piaciute, nonostante la semplicità di fondo. Stando alle parole del producer del gioco saranno una costante, che ci auguriamo di vedere ben sviluppata - Final Fantasy XIII-2
Le sezioni di stampo puzzle che abbiamo giocato ci sono piaciute, nonostante la semplicità di fondo. Stando alle parole del producer del gioco saranno una costante, che ci auguriamo di vedere ben sviluppata

Videogame.it: Chi ha iniziato a giocare ai primi Final Fantasy, ed è cresciuto giocando a Final Fantasy, ora ha circa 40 anni, a differenza di Final Fantasy che invece crescendo è diventata sempre più giovane. Non è che puntando su protagonisti sempre più giovani si rischia di perdere i fan storici e più vecchi?

Yoshinori Kitase: Perfino nell’ultimo Final Fantasy, il XIII, ci sono dei personaggi molto maturi come Sahz, e allo stesso modo in Final Fantasy XIII-2 ci sarà un vasto ventaglio di personaggi di tutti i tipi e le età, e se i protagonisti sono Serah e Noel, che sono indubbiamente due figure molto giovani, questi saranno affiancati da soggetti più maturi, anche se non necessariamente nel party. È un tipo di discorso che abbiamo continuamente provato a fare, nel corso della serie, di generazione in generazione: qualsiasi sia la vostra età, troverete sicuramente qualcuno con cui identificarvi. Cerchiamo insomma di pensare sempre a tutti i giocatori del nostro pubblico potenziale.

Videogame.it: Per molta gente, Xenoblade è il miglior JRPG degli ultimi anni. Lo avete provato? Cosa ne pensate? Ritenete che avete forse qualcosa da imparare dal titolo Monolith?

Yoshinori Kitase: No, non l’ho ancora giocato. Però su Nintendo Wii ho giocato un titolo secondo me molto simile, che si chiama The Last Story, e mi è piaciuto davvero molto.


Commenti

  1. wzer0

     
    #1
    vi siete dimenticati una domanda: a quando un final fintasy decente?
  2. stepkanevra

     
    #2
    wzer0vi siete dimenticati una domanda: a quando un final fintasy decente?

    :asd:
    Per farlo ci vuole il trio delle meraviglie:
    Sakaguchi, Amano, Uematsu.
  3. Nick_Storm

     
    #3
    wzer0vi siete dimenticati una domanda: a quando un final fintasy decente?


    lol, c'è sempre skyrim se si schifa la roba jappo, ne.
  4. Solidino

     
    #4
    cmq i personaggi emo o giu di li FF li ha sempre avuti












    Immaginateveli nella versione poligonale. LOL
  5. stepkanevra

     
    #5
    Solidì tu ce l'hai con Nomura ma l'ultimo problema di FFXIII è il chara design.
    I VERI problemi sono i "corridoi" e un sistema di potenziamento dell'equipaggiamento incomprensibile ed inutile.
    Da lì bisogna partire.
  6. Gidus

     
    #6
    No no uno dei grandi problemi di FF è proprio il chara (e la storyline in generale). Il bs con una ritocattina funziona alla grande e i corridoi si potrebbero sopportare visto che il gioco è molto "tramacentrico".

    Ma quei cosi non si possono vedere : /
  7. Godot

     
    #7
    Nick_Stormlol, c'è sempre skyrim se si schifa la roba jappo, ne.

    E' proprio perché ci piace la roba jappo che si fa quella domanda.
  8. Avrel

     
    #8
    bella l'intervista :)
  9. sona

     
    #9
    stepkanevra :asd:
    Per farlo ci vuole il trio delle meraviglie:
    Sakaguchi, Amano, Uematsu.
    sakaguchi chi? quello che appena è uscito dalla protezione di squaresoft è non ha saputo fare più nulla di rilevante, nonostante avesse uno studio tutto suo?
    :|3
  10. Nick_Storm

     
    #10
    GodotE' proprio perché ci piace la roba jappo che si fa quella domanda.


    fatti vostri, a me va bene così, quindi non mi pongo il problema. :D
Continua sul forum (64)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!