Genere
MMORPG
Lingua
Inglese
PEGI
12+
Prezzo
Gratuito
Data di uscita
30/9/2010

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Square Enix
Sviluppatore
Square Enix
Genere
MMORPG
PEGI
12+
Data di uscita
30/9/2010
Data di uscita americana
22/9/2010
Lingua
Inglese
Prezzo
Gratuito

Lati Positivi

  • Lato artistico pregevole
  • Buona gestione delle classi
  • Il nuovo team di sviluppo che sta cercando di migliorare il migliorabile

Lati Negativi

  • La scarsa varietà delle Levequest
  • La mancanza di tutorial
  • L'interfaccia
  • L'assenza dell'asta
  • Il copia e incolla dei paesaggi
  • Il sito per la gestione di account e pagamenti

Hardware

I requisiti minimi richiesti per far girare il gioco prevedono un PC che abbia come Sistema Operativo Windwos XP (Vista o 7), monti un processore Intel Pentium III a 800 MHz o più veloce, con 128 MB di RAM, mentre le schede grafiche supportate sono sia NVIDIA GeForce con 32 MB di VRAM sia schede ATI RADEON serie 9000 (AGP) o superiori. Per installare il gioco occorrono inoltre 6 GB di spazio libero su hard disc. Essendo un MMORPG necessita di una connessione Internet veloce. Il PC su cui abbiamo provato il gioco ha un processore Intel Core 2 Quad con CPU Q9400 a 2.66 GHz e 4 GB di RAM, monta scheda grafica Ati Radeon HD serie 4800.

Multiplayer

Essendo un MMORPG la sua natura è di gioco in multiplayer esclusivamente online, con contenuti affrontabili anche in solo. I server di gioco sono internazionali e sono situati in Giappone, le lingue supportate sono inglese, francese e tedesco. Al momento il gioco è gratuito e non richiede un abbonamento mensile, ma per giocarci è necessario creare un account e fornire i dati di una carta di credito o pre-pagata.

Modus Operandi

Abbiamo partecipato alle diverse fasi di beta e continuato a giocare nei mesi successivi al lancio più che altro per monitorare come si evolveva la situazione, non però con l'assiduità che avremmo voluto, dato lo stato cui versava il gioco alla sua pubblicazione che rendeva il giocarci un'esperienza tutt'altro che apprezzabile. Lo stile di gioco e l'approccio quindi è da casual gamer, alternando alle fasi in solo, momenti di gioco in party.

Link

Recensione

Potrà Yoshida salvare Eorzea?

Analizziamo le speranze per il futuro di Final Fantasy XIV.

di Tatiana Saggioro, pubblicato il

Di positivo c'è che finalmente han migliorato il sistema di puntamento, invece che, qui cito l'illustrissimo regista Renè Ferretti protagonista di Boris, ”alla cazzo di cane” stavolta si riesce a prendere il target scelto con più precisione, sia chiaro non è perfetto ma è un passo avanti. Quello che invece non è sembrato migliorare è la calibrazione della difficoltà: per quale logica un giocatore che sceglie la difficoltà "solo" di una quest si ritrova a fronteggiare tre mostri contemporaneamente (forse un problema di IA o del pattern di movimento)? Almeno però ora si può abbandonare la missione se non la si trova alla propria portata, mentre prima toccava attendere 30 minuti per farla fallire. C'è poi un timido tentativo di rimpolpare i contenuti grazie all'aggiunta di sidequest, missioni secondarie affidate da NPC distinguibili dalla classica icona con il punto esclamativo sulla testa.

I chocobo ci sono... ma non si possono usare! - Final Fantasy XIV: A Realm Reborn
I chocobo ci sono... ma non si possono usare!

Ovviamente l'interfaccia è ancora inadeguata per questo, per sapere quanti item si sono raccolti, si deve controllare il “Journal”, uno dei “Quest-log” peggio congegnati cui ci siamo imbattuti. Nel frattempo però anche l'inventario è stato ingrandito, si possono immagazzinare stock di 99 oggetti (anziché gli iniziali 12), ma soprattutto le classi magiche possono finalmente rigenerare mana fuori dai combattimenti, come accade per i punti salute. In pratica, ci sono voluti sei mesi e un cambio di team per avere elementi che, in genere, si danno per scontati esserci ed esser funzionali in qualsiasi MMORPG moderno. L'8 marzo poi è stato anche lanciato il forum ufficiale del gioco mentre Yoshida non manca di tener aggiornati i giocatori sullo stato dei lavori e le novità cui stanno lavorando, promettendo anche radicali cambiamenti, come l'introduzione di dungeon e raid nonché la possibilità - tenetevi forte - di saltare! Insomma, al di là di facili ironie, qualche spiraglio di luce sembra esserci, ma va a rasserenare ormai un deserto, poiché la popolazione di giocatori nel frattempo è ulteriormente calata, causa anche la forzata ma doverosa chiusura dei server, dopo i drammatici eventi dell'11 marzo in Giappone.

QUALE FUTURO PER IL QUATTORDICESIMO CAPITOLO?

Final Fantasy XIV è un MMORPG nato sotto una cattiva stella, non si tratta però di sfortuna, ma di poca competenza sul genere, di tempi e budget forse non adeguati. Anche se al nuovo team di sviluppo le idee per migliorare il gioco sembrano non mancare, i tempi per "aggiustare" un titolo di questo genere sono lunghi e per ora Final Fantasy XIV riesce a mantenersi vivo grazie allo zoccolo duro di fan irriducibili ma soprattutto perché è gratuito. Final Fantasy XIV oltretutto è un MMORPG già di per sé atipico, indirizzato ad una nicchia di giocatori, che pesca, ovviamente, dagli elementi caratteristici della serie come l'uso di una sorta di ATB (Active Time Battle), la gran varietà di classi e mestieri fra cui scegliere, quindi fallirne l'avvio significa rischiare di non recuperare più neppure la propria cerchia di fan. Di base però, sin dagli esordi, certe scelte di game design non le avevamo apprezzate, come il dover attendere ogni 10 livelli per poter intraprendere missioni specificatamente legate alla trama del gioco, cosa che la relega così in secondo piano, mostrando la solita inclinazione al grind dei titoli orientali. Poi ci sono state scelte di cui non abbiamo compreso la logica, ma mentre poteva essere interessante il sistema di gestione delle classi e dei mestieri, il quale, volendo, può permettere a un giocatore di dedicarsi esclusivamente a quelli, l'interfaccia, le quest monotone e la lentezza del sistema di combattimento non hanno incontrano i nostri gusti.

I mestieri si presentano come dei mini-game - Final Fantasy XIV: A Realm Reborn
I mestieri si presentano come dei mini-game

Non c'è nessuna legge che imponga a un MMORPG di esser frenetico, ma vedere nel 2010 personaggi incollati a terra, ancorati al target con un non ottimale controllo della telecamera (non c'è neppure l'auto-attack), le statistiche che non si capisce quanto influiscano, senza contare poi le dinamiche in party, con problemi di gestione dell'aggressività dei mostri, interfaccia inadeguata ci han lasciati sgomenti. Final Fantasy XIV, attualmente, può interessare se si cerca qualcosa di completamente diverso dai MMORPG occidentali e si ha la pazienza e l'abnegazione per assistere alla sua evoluzione (si spera in meglio). Ma mentre si può venir a patti con certi difetti, quel che maggiormente irrita è stata la sciatteria con cui sono stati curati gli elementi basilari del genere, quelle funzioni che ormai vengono date per assodate e qui o sono assenti assenti o concepite in modo inutilmente tortuoso. Attualmente è difficile pronosticare quale futuro attende Final Fantasy XIV, potrebbe risorgere dalle sue ceneri come l'araba fenice o finire nell'oblio, certo è che per Square Enix si tratta di un passo falso non indolore. L'eventuale rilancio in occasione della pubblicazione della versione PlayStation 3 potrebbe offrire al gioco una seconda possibilità, ma solo se sapranno scrollargli di dosso la cattiva fama che lo ha ormai bollato.

Voto 2 stelle su 5
Voto dei lettori
Dato il suo stato attuale, è difficile consigliarlo, poiché si tratta di un titolo tutt'altro che finito e rifinito, di cui però monitorare l'evoluzione. Togliersi la curiosità, ora come ora, costa veramente poco.

Commenti

  1. Lagialos95

     
    #1
    ma per ps3 e gratuito? e gia disponibile sul PSN?
  2. Da Hammer

     
    #2
    Non è ancora uscito per PS3.
  3. Lagialos95

     
    #3
    grazie per avermi risposto ma quando uscira???
  4. Lagialos95

     
    #4
    grazie per avermi risposto ma quando uscira???
  5. Tifa Lockheart

     
    #5
    Non si sa ancora nulla sull'eventuale pubblicazione della versione PS3 e in ogni caso, non è detto che il gioco rimanga gratuito. Al momento è gratuito poichè lo stanno "sistemando" ed è assai probabile che il giorno cui riterranno il gioco 2pronto", lo rimettano a pagamento.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!