Genere
MMOG
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
Dicembre 2011

FireFall

FireFall Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Webzen
Sviluppatore
Red 5 Studios
Genere
MMOG
Data di uscita
Dicembre 2011

Hardware

A dispetto della patina di pessimismo che aveva ammantato il progetto dopo l’abbandono del publisher WebZen, lo sviluppo di FireFall sembra procedere senza intoppi, con l’obiettivo di pubblicare il gioco a dicembre, solo su PC, con una classica formula gratuita più microtransazioni.

Multiplayer

FireFall è un MMO e avrà senso di essere giocato solo con o contro gli altri, in PvE o PvP.

Modus Operandi

Abbiamo provato FireFall in versone beta, per circa venti minuti, alla recente Gamescom 2011.

Link

Hands On

Proiettili color pastello

Provato uno dei MMOFPS più importanti tra quelli in arrivo.

di Stefano F. Brocchieri, pubblicato il

Prendete Borderlands, date ai suoi personaggi la mobilità di quelli di Tribes e mettetelo poi in mano a gente che ha partecipato alla creazione del fenomeno World of Warcraft. E già, perché c’è da un considerare un altro “piccolo” particolare: FireFall è uno sparatutto online massivo. Un progetto che ha alle spalle nientemeno che Mark Kern, team lead della gallina dalle uova d’oro di Blizzard, e fondatore di Red 5 Studios, la software house nata per intraprendere questa sua nuova avventura. Gente tra le cui fila si trovano anche altri veterani dell’industria, come Scott Youngblood, il lead designer dei primi due Tribes (ed ecco che quei jetpack si spiegano un po’ di più) e James Macauley, uno che di gioco in Rete sembra capirne qualcosina, dato che ha lavorato al servizio Xbox Live di Microsoft, disegnandone l’interfaccia e coniando un termine che oggi è entrato nell’uso comune quasi quanto “online”: “gamertag”. Solo che questa volta si trova dall’altra parte di un’ideale barricata, visto che se anni fa contribuiva all’affermarsi del gioco via Internet a pagamento oggi partecipa a quello del giocare gratis, quanto e come vuoi. Sì, perché tra le caratteristiche salienti di FireFall bisogna sicuramente ricordarne un’altra: è un free to play.

Il modello economico scelto da Red 5 Studios non sembra limitare di certo le sue ambizioni. Come ogni MMO che si rispetti, FireFall intende innanzitutto proporre un robusto PvE, sostenuto da una storia scritta nientemeno che da Orson Scott Card, l’autore de Il Gioco di Ender. Come starete immaginando a questo punto, si viene calati in un universo fantascientifico, posto fra circa duecento anni. La razza umana sembra sul punto di una svolta epocale: la scoperta di una fonte di energia pulita, il Crystite. Ma non c’è luce senza ombra. E la Crystite attira sulla Terra una forma di energia negativa, il Melding. Tuttavia, come se non fossero abbastanza impegnati a sopravvivere alle terribili tempeste scatenate da quest’ultima, gli uomini si ritrovano a dover lottare anche contro l’improvvisa comparsata di una sanguinosa razza aliena, i Chosen.
Questo lo sfondo su cui FireFall proporrà una campagna giocabile cooperativamente da centinaia di giocatori, che potranno solcare assieme un universo persistente ricco di quest e puntellato con frequenza da missioni e altri tipi di eventi dinamici. E poi, naturalmente, le classi, anzi i battleframe, come vengono chiamati qui. Assault, Medic, Engineer e Recon, figure ispirate agli archetipi classici dello sparatutto a squadre, ciascuna dotata di un set di armi e di abilità uniche, con tonnellate di nuove da sbloccare XP dopo XP. Suona abbastanza generico e derivativo, ma Red 5 Studios promette un’esperienza dal sapore unico, battaglie enormi in cui l’incastro tra le caratteristiche di ciascuna classe avverrà con modalità inedite, che pescano da logiche proprie degli strategici puri e dei tower defense, senza però perdere di vista una cosa: è uno sparatutto, e dev’essere basato sull'abilità. Il tutto in un’ambientazione che sembra dotata di un bell’appeal, forte di uno stile grafico che, per quanto stia diventando ormai d’uso sempre più comune in ambito shooter, continua a mantenere una certa freschezza.


Commenti

  1. babaz

     
    #1
    qui c'è un casino di polpa, signori
    un BORDELLO di roba

    hype bello sostenuto
  2. Bruce Campbell87

     
    #2
    lo proverò sicuramente, ma poco hype. Troppi giochi, troppi troppi troppi.
  3. babaz

     
    #3
    Bruce Campbell87lo proverò sicuramente, ma poco hype. Troppi giochi, troppi troppi troppi.

    per un appassionato questo è IL problema

    guardo la mia lista Steam e penso che non sto dedicando tempo a chicche splendide lì in mia attesa

    il tempo, ecco la commodity più preziosa. lo vendessero, avrebbe quotazioni alle stelle!
  4. Bruce Campbell87

     
    #4
    io fra un po' compro un gioco al giorno, non me ne parlare :D
  5. babaz

     
    #5
    Bruce Campbell87io fra un po' compro un gioco al giorno, non me ne parlare :D

    e poi dicono che noi giovani non pensiamo a preparare la pensione...
  6. teoKrazia

     
    #6
    babaze poi dicono che noi giovani non pensiamo a preparare la pensione...

    :asd:

    Comunque intrippa anche a me.
    Anche se dal poco che ho visto/provato per il PvE.
    Il PvP, sempre dal poco che ho visto/provato, non mi è parso niente di speciale.
  7. Bruce Campbell87

     
    #7
    teoKrazia:asd:

    Comunque intrippa anche a me.
    Anche se dal poco che ho visto/provato per il PvE.
    Il PvP, sempre dal poco che ho visto/provato, non mi è parso niente di speciale.
    ci giocheremo, forse, due ore. Lo sai benissimo. :lol:
  8. Stefano Castelli

     
    #8
    teoKraziaProvato uno dei MMOFPS più importanti tra quelli in arrivo.

    Lo zombie di Project offset! :D

    Anche se è riduttivo, in effetti.

    Mi pare uno dei MMORPG più "cicciosi" in uscita, senza contare lo stile davvero carino.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!