1.     Mi trovi su: Homepage #1796999
    w. blake:
    preso oggi il primo lavoro di Abbath con il chitarrista degli Enslaved e il primo drummer degli Immortal,Armagedda...che ne pensate?
    per quanto mi riguarda,ancora nessun commento;devo ascoltarlo più volte..

    [Modificato da w. blake - 15/12/2006 0:56]

    ...anche io l'ho ascoltato poco, ma imho, mi sebra una "nuova" interpretazione delle atmosfrere glaciali presenti in "At The Heart Of Winter", con il giusto sano spitiro Hard Rock e anche Groovy come ad esempio accade in "The Storm I Ride", in puro stile Motorhead. Il drumming di Armagedda poi mi è parso perfetto con i riffing di Ice Dale belli epici. Da notare infatti anche l'omaggio a Quorthon in "Far Beyond The Quiet". Comunque bello! Molto originale, denota l'amore per la musica di Abbath e soci. I testi di Demonaz poi sono sempre ispirati.
    Il vecchio John è al lavoro. "Lui aspetta(o spera) solo lo psico e l'apostolo!"
    O)))
  2. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #1797000
    w. blake:
    preso oggi il primo lavoro di Abbath con il chitarrista degli Enslaved e il primo drummer degli Immortal,Armagedda...che ne pensate?
    per quanto mi riguarda,ancora nessun commento;devo ascoltarlo più volte..

    [Modificato da w. blake - 15/12/2006 0:56]

    Disco fantastico, uno dei migliori usciti quest'anno.
  3.     Mi trovi su: Homepage #1797001
    Gordon Freeman:
    ...anche io l'ho ascoltato poco, ma imho, mi sebra una "nuova" interpretazione delle atmosfrere glaciali presenti in "At The Heart Of Winter", con il giusto sano spitiro Hard Rock e anche Groovy come ad esempio accade in "The Storm I Ride", in puro stile Motorhead. Il drumming di Armagedda poi mi è parso perfetto con i riffing di Ice Dale belli epici. Da notare infatti anche l'omaggio a Quorthon in "Far Beyond The Quiet". Comunque bello! Molto originale, denota l'amore per la musica di Abbath e soci. I testi di Demonaz poi sono sempre ispirati.
    mi sento di condividere,è l'idea che mi son fatto del disco.
    ultimi Immortal,qualcosina degli ultimi Enslaved (soprattutto ultimo disco) e qualche riffone thrash...d'accordo con l'influenza Motorhead in "Storm I Ride".finalmente Abbath ha compreso di non saper suonare e si limita alla ritmica...omaggio a Quorthon?in che senso?non ho ancora letto il testo di "Far Beyond The Quiet"...e,comunque non mi fermerei solo a una song:tutti i testi sono chiaramente ispirati agli ultimi Bathory.
    unica pecca,per me,la produzione delle chitarre in alcuni frangenti:registrate troppo in alto e troppo pulite in qualche passaggio.d'accordo che se suoni bene e la produzione è sporca,non si capisce una mazza ma questo effetto "Abyss Studios" proprio non lo reggo.quando abbandoneranno quella maledetta sala?
    vedendo questo disco,l'ultimo Darkthrone,l'ultimo Satyricon (anche se loro si sono allontanati da un pezzo) e mettiamoci anche gli ultimi Emperor (pur con le differenze del caso) noto che i gruppi black storici piano piano si allontanano da questo sound per approdare a lidi thrash/hard rock/punk/sperimentale a seconda dei casi...secondo voi il motivo qual'è?evoluzione naturale?ritorno alle origini?scassamento di palle?

    [Modificato da w. blake - 16/12/2006 1:23]
  4.     Mi trovi su: Homepage #1797002
    w. blake:
    mi sento di condividere,è l'idea che mi son fatto del disco.
    ultimi Immortal,qualcosina degli ultimi Enslaved (soprattutto ultimo disco) e qualche riffone thrash...d'accordo con l'influenza Motorhead in "Storm I Ride".finalmente Abbath ha compreso di non saper suonare e si limita alla ritmica...omaggio a Quorthon?in che senso?non ho ancora letto il testo di "Far Beyond The Quiet"...e,comunque non mi fermerei solo a una song:tutti i testi sono chiaramente ispirati agli ultimi Bathory.
    unica pecca,per me,la produzione delle chitarre in alcuni frangenti:registrate troppo in alto e troppo pulite in qualche passaggio.d'accordo che se suoni bene e la produzione è sporca,non si capisce una mazza ma questo effetto "Abyss Studios" proprio non lo reggo.quando abbandoneranno quella maledetta sala?
    vedendo questo disco,l'ultimo Darkthrone,l'ultimo Satyricon (anche se loro si sono allontanati da un pezzo) e mettiamoci anche gli ultimi Emperor (pur con le differenze del caso) noto che i gruppi black storici piano piano si allontanano da questo sound per approdare a lidi thrash/hard rock/punk/sperimentale a seconda dei casi...secondo voi il motivo qual'è?evoluzione naturale?ritorno alle origini?scassamento di palle?

    [Modificato da w. blake - 16/12/2006 1:23]

    Si Abbath non è mai stato un mostro di tecnica, ma come diceva Demonaz, in una vecchia intervista, Abbath riesce come pochi a stimolare l'inventiva del gruppo con la giusta dose di ispirazione e serietà(o qualcosa del genere, ma il sunto della discussione in parole povere era questo).
    Per l'omaggio a Quorthon "Far Beyond The Quiet" è proprio un tributo "ufficiale", poi condivido il fatto che questi echeggi epici di Bathory si avvertono in moltissimi pezzi dell'album, ma soprattutto nei testi di Demonaz(grande estimatore di Quorthon tra l'altro).

    Per la mano di Peter Tagtgren, si, a volte si sente parecchio. Le chitarre sono sempre belle ruvide direi, ma quoto per i momenti troppo puliti.
    Comunque in questo progetto Abbath e soci hanno almeno appoggiato uno stile preciso, perchè se noti ad esempio l'ultimo dei Satyricon si trova una direzione musicale molto contorta, forse un pelo ruffiana e con una direzione non molto precisa(soprattutto ispirazione). In questo "Between Two Worlds" invece si adotta uno stile unico, spunto Motorhead in partenza con riffoni epici dopo, per tutta la durata dell'album. In "Now Diabolical" invece il Black n'roll di Satyr e Frost è assai troppo diretto e spontaneo, anche se quest'ultimo album è forse il più degno
    dell'ultimo periodo.

    Riprendendo il discorso con gli ultimi Emperor e Darkthrone qui invece c'è un abisso. Ovviamente non si può parlare di Black n'roll e contaminazioni Hard Rock personali con vari tributi di fonfo, qui il vecchio sano spirito Black si sente e si è sentito benissimo(più in "Prometheus..." magari che nell'ultimo periodo Darkthrone). In questo caso il thrash contaminato è anche sinonimo di evoluzione naturale(perfetta definizione direi).

    [Modificato da Gordon Freeman - 16/12/2006 20:57]
    Il vecchio John è al lavoro. "Lui aspetta(o spera) solo lo psico e l'apostolo!"
    O)))
  5.     Mi trovi su: Homepage #1797003
    se noti ad esempio l'ultimo dei Satyricon si trova una direzione musicale molto contorta, forse un pelo ruffiana e con una direzione non molto precisa(soprattutto ispirazione)
    oserei dire quasi alla Wasp/Twisted Sister...ovviamente questi ultimi sono 10 spanne sopra,nemmeno a dirlo.
    una curiosità:chi può postare la tracklist completa dell'album?possiedo la versione limitata con 11 tracce ma ci sono solo i titoli di 10 song (classico).
    Abbath riesce come pochi a stimolare l'inventiva del gruppo con la giusta dose di ispirazione e serietà
    ah,serietà sicuramente...:-\
    te ne posso raccontare di belle su di lui...

    [Modificato da w. blake - 30/12/2006 2:48]

  I-Between Two Worlds

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina