1.     Mi trovi su: Homepage #304286
     E' già esaurito un pò ovunque (per fortuna!), comunque ve lo segnalo.

     Quindici anni dopo la strage di via D'Amelio. Cosa conteneva l'agenda privata di Paolo Borsellino? La ricostruzione di un documento sparito nel nulla. "Mio marito non si separava mai da quell'agenda, vi annotava tutti i suoi incontri. Sono sicura che l'avesse con sè anche il giorno in cui fu ucciso". Un'agenda rossa, larga e rettangolare. Con la copertina in pelle. Borsellino la usava per annotare le considerazioni più private sulle sue indagini. Anche l'ultima domenica della sua vita l'aveva con sè. Peccato che a via D'Amelio furono ritrovate nella borsa solo le chiavi, le sigarette e poco altro. L'agenda no. Sparita. Questo libro per la prima volta la ricostruisce attraverso le testimonianze dirette dei familiari, dei colleghi, degli investigatori, delle carte giudiziarie, dei pentiti. E dell'agenda nera, quella di casa dove Borsellino segnava spese e appuntamenti 
     Chi ha rubato l'agenda rossa di Paolo Borsellino? Chi se ne serve, da quindici anni, probabilmente a scopo di ricatto? Se non cerchiamo di rispondere a queste domande, non possiamo dirci cittadini italiani consapevoli, ma soprattutto non possiamo illuderci di aver onorato la memoria di Paolo Borsellino e dei cinque agenti della sua scorta assassinati 15 anni fa in via D'Amelio con l'ennesima esplosione stragista della storia repubblicana... Molti giovani, oggi, non sanno neppure cosa sono state le stragi del '92 e del '93 in Italia, perché ci sono state, da chi siano state volute, chi siano stati gli esecutori, chi possano essere i "mandanti occulti'' ....
    Noi non ci stanchiamo di ripetere che dietro le stragi del 1992 e del 1993, 1000 chili di tritolo stragista confezionato con composti militari, oltre venti morti, cento feriti, eseguite da Cosa nostra e dai soliti ignoti committenti, c'è la coscienza sporca del nostro presente, perché dietro quelle stragi c'è la genesi della nostra Seconda Repubblica che, come ripete da anni il pm Antonio Ingroia, ex allievo prediletto di Paolo Borsellino, "affonda i suoi pilastri nel sangue''.
    Non ci stanchiamo di ripetere che quelle stragi sono state il folle rilancio di una partita (che qualcuno ha definito "trattativa'') giocata da raffinatissime menti criminali, che hanno messo lo Stato italiano sotto scacco per occupare le istituzioni, traballanti dopo Tangentopoli e il crollo dei partiti tradizionali, e conquistare una posta tutta politica: l'abolizione del 41 bis, l'abolizione dell'ergastolo, l'abolizione della confisca dei beni, la revisione dei processi, leggi più favorevoli al rientro dall' estero e alla gestione di ingenti capitali di provenienza oscura.
    Il guaio è che, cessate di colpo le stragi, con la nascita della Seconda Repubblica, poco alla volta, una botta da destra e una da sinistra, queste richieste sono diventate materia di riforme, di autentiche concessioni, ovvero leggi dello Stato, in nome di un garantismo ipertrofico che non si capisce a chi debba servire se non agli stessi manovratori occulti della strategia della tensione, alle stesse centrali del potere criminale. Perché?
    Quale eredità hanno lasciato le stragi del '92 e del ‘93 nelle stanze del potere in Italia?
    La paura di un nuovo Novantadue, oggi, torna ad agitare il paese: dai veleni del caso Bnl-Unipol, alla nuova contrapposizione tra politica e magistratura, tra ceto politico e informazione, fino all' allarme lanciato recentemente sul ritorno all' operatività di una "nuova P2'', o meglio di un ''agglomerato oscuro'' che si muove in una logica di ricatto, un "network di potere'' in possesso di un disegno strategico per indebolire i partiti, per minare la loro credibilità, proprio come avvenne quindici anni fa, con Tangentopoli, in un clima di destabilizzazione sempre più forte culminato poi nella stagione delle stragi. Pensiamo al caso Visco-Speciale, allo spionaggio militare, alla ''control room'' di Telecom, al dossieraggio diffuso, alle campagne di discredito contro Prodi prima delle elezioni 2006. Lo stesso Ingroia, recentemente, in un'intervista tv, ha giudicato la politica italiana una politica ''debole'', sottolineando la necessità della massima vigilanza democratica, per evitare il pericolo di una ''spallata'' alle istituzioni, nuovamente e tristemente attuale nel paese.. Come mai l'indifferenza, l'ostruzionismo, l'ottusita' e la distrazione, le "apparenti ingenuità''' degli apparati istituzionali preposti alla protezione di Paolo Borsellino, quelle omissioni colpevoli che quindici anni fa portarono alla morte del procuratore aggiunto di Palermo, non hanno finora suscitato una mobilitazione politica, vera, concreta, alla ricerca della verità ulteriore su quell' eccidio?
    Perché nessuno all'interno dei partiti, all'interno del Parlamento, all'interno del governo di centro-sinistra, raccoglie la richiesta, più volte avanzata da Rita Borsellino, di istituire una commissione parlamentare d' inchiesta che scavi sui misteri ancora irrisolti delle stragi del '92 e del '93?
    C'entra, con questa apatia istituzionale, quell'agenda rubata, forse a scopo di ricatto? I protagonisti occulti di quella stagione di terrore e di trattative sommerse, rimasti impuniti, oggi dove sono?
    Rock in Progress. !PeacePeacePeace!

  L'agenda rossa di Paolo Borsellino

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina