1.     Mi trovi su: Homepage #3365406
    Raccogliendo il suggestivo spunto del topic precedente, mi interrogo e vi interrogo su quanto siano effettive le barriere/confini/distinzioni etc. etc. tra gioco e realtà.
    Con un "gioco" di parole, potrei dire: è "reale" distingure "realtà" e "gioco"?
    Alcuni giochi sembrano più reali della realtà perchè sono solo finzioni, contraffazioni della realtà che non è poi così bella?
    Oppure i giochi sono solo immagini della mente, artificiali e irreali?
    Sperando di aver gettato un bel sasso nello stagno, aspetto
    le vostre repliche e sono pronta a discutere con chiunque!
    Grazie della cortesia e ciao a tutti!

    MariaLuisa
  2. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3365407
    MariaLuisa ha scritto:
    Raccogliendo il suggestivo spunto del topic precedente, mi interrogo e vi interrogo su quanto siano effettive le barriere/confini/distinzioni etc. etc. tra gioco e realtà.
    Con un "gioco" di parole, potrei dire: è "reale" distingure "realtà" e "gioco"?
    Alcuni giochi sembrano più reali della realtà perchè sono solo finzioni, contraffazioni della realtà che non è poi così bella?
    Oppure i giochi sono solo immagini della mente, artificiali e irreali?
    Sperando di aver gettato un bel sasso nello stagno, aspetto
    le vostre repliche e sono pronta a discutere con chiunque!
    Grazie della cortesia e ciao a tutti!

    MariaLuisa
    niente sasso mi spiace.
    ma penso che confondere finzione da realta sia sintomo di schizzofrenia.
    mi spieghi quali sarebbero queste barriere tra gioco e reale così labili?
    il gioco è lontano dalla realtà tanto quanto l'inteligenza tra gorilla e uomo.
    veramente imparagonabile.



    _child inside_
  3.     Mi trovi su: #3365408
    MariaLuisa ha scritto:
    Raccogliendo il suggestivo spunto del topic precedente, mi interrogo e vi interrogo su quanto siano effettive le barriere/confini/distinzioni etc. etc. tra gioco e realtà.
    Con un "gioco" di parole, potrei dire: è "reale" distingure "realtà" e "gioco"?
    Alcuni giochi sembrano più reali della realtà perchè sono solo finzioni, contraffazioni della realtà che non è poi così bella?
    Oppure i giochi sono solo immagini della mente, artificiali e irreali?
    Sperando di aver gettato un bel sasso nello stagno, aspetto
    le vostre repliche e sono pronta a discutere con chiunque!
    Grazie della cortesia e ciao a tutti!

    MariaLuisa
    Il giocvo è gioco, la realtà è realtà.
    Non vedo labili barriere tra le due cose, non sarebbe sano di mente uno che le vede.

    E' un gioco e come tutti i giochi una volta spento finisce.
  4.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3365409
    MariaLuisa ha scritto:
    Raccogliendo il suggestivo spunto del topic precedente, mi interrogo e vi interrogo su quanto siano effettive le barriere/confini/distinzioni etc. etc. tra gioco e realtà.
    Con un "gioco" di parole, potrei dire: è "reale" distingure "realtà" e "gioco"?
    Alcuni giochi sembrano più reali della realtà perchè sono solo finzioni, contraffazioni della realtà che non è poi così bella?
    Oppure i giochi sono solo immagini della mente, artificiali e irreali?
    Sperando di aver gettato un bel sasso nello stagno, aspetto
    le vostre repliche e sono pronta a discutere con chiunque!
    Grazie della cortesia e ciao a tutti!

    MariaLuisa
    Tra Kant e Platone si è già detto tutto, visto che puoi fare lo stesso discorso anche con letteratura, cinema... anche se non sono interattivi.
    Il problema è la percezione, e visto che siamo tutti d'accordo nel definire in un certo modo la realtà, il viggì è cosa diversa. Sono convenzioni, ma importanti ^^.
    ~~~porcelina, she waits for me there
    with seashell hissing lullabyes
    and whispers fathomed deep inside my own~~~~
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3365410
    MariaLuisa ha scritto:
    Raccogliendo il suggestivo spunto del topic precedente, mi interrogo e vi interrogo su quanto siano effettive le barriere/confini/distinzioni etc. etc. tra gioco e realtà.
    Con un "gioco" di parole, potrei dire: è "reale" distingure "realtà" e "gioco"?
    Alcuni giochi sembrano più reali della realtà perchè sono solo finzioni, contraffazioni della realtà che non è poi così bella?
    Oppure i giochi sono solo immagini della mente, artificiali e irreali?
    Sperando di aver gettato un bel sasso nello stagno, aspetto
    le vostre repliche e sono pronta a discutere con chiunque!
    Grazie della cortesia e ciao a tutti!

    MariaLuisa
    un gioco ti puó catturare e tu puoi immedesimarti nei personaggi tanto che ti sarebbe piaciuto "vivere" in quel mondo ma la distinzione tra realtá e finzione deve rimanere netta, nitida.
    anche a me piacerebbe vagare come ryo nei paesaggi di shenmue ma é ben altra cosa.
    uno del popolo dice bene, chi non la riconosce o stenta a riconoscere la differenza é psicologicamente disturbato.
    the saga begins...se vuoi sapere chi è il fenomeno vlikka qui!
    http://www.nickyhayden.com http://www.motogp.com/it/motogp/motogp_riders.htm?menu=riders
    Nintendo, la vera "rivoluzione" non stà ne nella grafica ne nella giocabilità, la vera "ri
  6.     Mi trovi su: Homepage #3365411
    Caro "uno del popolo"
    quanto sia profonda ed estesa la tua ignoranza e la tua superficialità si evince immediatamente dallo scrivere schizofrenia con due "zeta", indice di carenza lessicale.
    Ora, ammesso e non concesso che "uno" come dici tu (sei uno che adora i numeri, vero?) sia affetto da schizofrenia e faccia fatica
    a distinguere la realtà dal gioco, non è peggio essere ciecamente ignoranti come dimostri di esserlo?
    Pretendi di avere ben nitide le divisioni tra realtà e gioco, e poi non sai neanche scrivere una parola correttamente.
    E se ti chiedessi quali sono i sintomi, le patologie, i trattamenti farmacologici, le devianze latenti e manifeste, che danno luogo alla "schizofrenia"?
    Il bello è che usi le parole senza sapere il loro significato, magari perchè "uno" le ha dette e anche tu che sei "uno" lo ripeti pedissequamente.
    Intanto, come un cavaliere dall'armatura luccicante, ti lanci alla conquista della realtà, credi di padroneggiare tutte le sfere della realtà ma sei solo un giocoliere a cui cadono sempre le palle.
    Io poi parlavo del gioco in quanto tale e non solo del video-gioco, ma siccome i tuoi orizzonti (con due zeta!!!) sono così angusti e ristretti, non hai neanche capito questo.
    Ti lascio con questa domandina facile facile per il tuo livello:
    t isembra reale che undici uomini diano un calcio alla palla ogni sette giorni guadagnando intere fortune? A raccontarlo sembra solo un gioco, ma per molti di loro questo gioco è molto reale.

    Un saluto al popolo!
  7.     Mi trovi su: Homepage #3365412
    Caro Skuall-kun,
    Se "il gioco è gioco e la realtà e realtà" (che bel sillogismo!)
    mi spieghi perchè la maggior parte dei giochi prende spunto, e addirittura imita o in certi casi migliora, la realtà?
    Se il gioco è gioco perchè non disegnare dei mondi fantastici in cui tutto è perfetto, tutti siamo allegri e felici, non ci sono ingiustizie e via dicendo?
    Perchè questo bisogno di seguire la realtà quando la tecnologia ti da la possibilità di superarla, di crearne una nuova, una personale?
    Però in parte hai ragione: anche nei casi estremi di una realtà completamente ristrutturata o inventata dal gioco, il gioco non può prescindere dal porsi in una realtà, che è la sua, solo la sua, ma è tuttavia una realtà.
    Spero di averti fatto capire quanto sia difficile o arbitrario distinguere il gioco dalla realtà.
    Poi se vuoi confezionarti su misura la tua realtà, stabilendo tu stesso i tuoi confini, fallo pure!
    Ma la tua realtà vale solo per te, quindi le tue affermazioni non possono e non devono valere anche per gli altri!
    Ciao!
  8.     Mi trovi su: Homepage #3365413
    Ti invito e Vi invito a non abusare di termini quali "psicoilogicamente disturbato" o affini se non siete in possesso di solide cognizioni in materia.
    Ti sembra "equilibrato" o "sano" o "normale" sperperare tempo e denaro in videogiochi, cioè in immagini e suoni da vedere sul televisore? Nel pigiare a ripetizione e senza alcun significato
    una serie di pulsanti?
    E' senza significato perchè tu affermi che la realtà non è diversa dal gioco; bene, allora: il gioco e l'attività di giocare non hanno significato perchè stanno al di fuori della realtà.
    Avrebbe senso qualcosa che è irreale?
    Dunque: o il gioco ha una sua realtà e quindi non è facile distinguerlo dalla realtà quotidiana, oppure il gioco -come dici tu- è solo fantasia, ma allora è una fantasia irreale e senza senso e solo persone "psicologicamente disturbate" perderebbero il loro tempo e il loro denaro a vedere suoni e immagini su un televisore e a pigiare pulsanti!
  9. Ex-Next Man  
        Mi trovi su: Homepage #3365414
    Cara/o MariaLuisa, dato che non mi sembra che nessuno sia stato scortese nei tuoi confronti, non vedo perchè tu non debba fare altrettanto.
    Diamoci una calmata ok?
    Profilo chiuso
  10.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3365415
    marialuisa sei 'na palla eh! :)
    Rah Zuma aka Alessandro

    Proud Macintosh user since 1993

    Available in iChat - username: ale78
  11.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3365416
    MariaLuisa ha scritto:
    Caro Skuall-kun,
    Se "il gioco è gioco e la realtà e realtà" (che bel sillogismo!)
    mi spieghi perchè la maggior parte dei giochi prende spunto, e addirittura imita o in certi casi migliora, la realtà?
    Se il gioco è gioco perchè non disegnare dei mondi fantastici in cui tutto è perfetto, tutti siamo allegri e felici, non ci sono ingiustizie e via dicendo?
    Perchè questo bisogno di seguire la realtà quando la tecnologia ti da la possibilità di superarla, di crearne una nuova, una personale?
    Però in parte hai ragione: anche nei casi estremi di una realtà completamente ristrutturata o inventata dal gioco, il gioco non può prescindere dal porsi in una realtà, che è la sua, solo la sua, ma è tuttavia una realtà.
    Spero di averti fatto capire quanto sia difficile o arbitrario distinguere il gioco dalla realtà.
    Poi se vuoi confezionarti su misura la tua realtà, stabilendo tu stesso i tuoi confini, fallo pure!
    Ma la tua realtà vale solo per te, quindi le tue affermazioni non possono e non devono valere anche per gli altri!
    Ciao!
    e poi chiami *uno del popolo* analfabeta!
    e tu allora? che sbagli anche a scrivere i nomi?
    vergogna!
    ritorna alle elementari!
    scusa ci sei giá.
    a proposito si scrive squall-kun.
    che ignoranza...
    the saga begins...se vuoi sapere chi è il fenomeno vlikka qui!
    http://www.nickyhayden.com http://www.motogp.com/it/motogp/motogp_riders.htm?menu=riders
    Nintendo, la vera "rivoluzione" non stà ne nella grafica ne nella giocabilità, la vera "ri
  12.     Mi trovi su: #3365417
    MariaLuisa ha scritto:
    Caro Skuall-kun,
    Se "il gioco è gioco e la realtà e realtà" (che bel sillogismo!)
    mi spieghi perchè la maggior parte dei giochi prende spunto, e addirittura imita o in certi casi migliora, la realtà?
    Se il gioco è gioco perchè non disegnare dei mondi fantastici in cui tutto è perfetto, tutti siamo allegri e felici, non ci sono ingiustizie e via dicendo?
    Perchè questo bisogno di seguire la realtà quando la tecnologia ti da la possibilità di superarla, di crearne una nuova, una personale?
    Però in parte hai ragione: anche nei casi estremi di una realtà completamente ristrutturata o inventata dal gioco, il gioco non può prescindere dal porsi in una realtà, che è la sua, solo la sua, ma è tuttavia una realtà.
    Spero di averti fatto capire quanto sia difficile o arbitrario distinguere il gioco dalla realtà.
    Poi se vuoi confezionarti su misura la tua realtà, stabilendo tu stesso i tuoi confini, fallo pure!
    Ma la tua realtà vale solo per te, quindi le tue affermazioni non possono e non devono valere anche per gli altri!
    Ciao!
    We amica se non sei capace di sopportare che gli altri non siano d'accordo con te nemmeno le scrivevi le tue caXXate ok?
  13.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3365418
    MariaLuisa ha scritto:
    Ti invito e Vi invito a non abusare di termini quali "psicoilogicamente disturbato" o affini se non siete in possesso di solide cognizioni in materia.
    Ti sembra "equilibrato" o "sano" o "normale" sperperare tempo e denaro in videogiochi, cioè in immagini e suoni da vedere sul televisore? Nel pigiare a ripetizione e senza alcun significato
    una serie di pulsanti?
    E' senza significato perchè tu affermi che la realtà non è diversa dal gioco; bene, allora: il gioco e l'attività di giocare non hanno significato perchè stanno al di fuori della realtà.
    Avrebbe senso qualcosa che è irreale?
    Dunque: o il gioco ha una sua realtà e quindi non è facile distinguerlo dalla realtà quotidiana, oppure il gioco -come dici tu- è solo fantasia, ma allora è una fantasia irreale e senza senso e solo persone "psicologicamente disturbate" perderebbero il loro tempo e il loro denaro a vedere suoni e immagini su un televisore e a pigiare pulsanti!
    ecco...tu sei il caso di persona psicologicamente disturbata derivata da traumi in etá infantile dovute a loro volta da possibili abusi sessuali o traumi fisici, depressione sessuale derivata dalla mancanza di sesso sia in etá adolescenziale che in quella post adolescenziale e rinc*lionimento dovuto ad uso di farmaci o sostanze illecite quali anfetamine e droghe.
    un consiglio, curati!
    ciao
    the saga begins...se vuoi sapere chi è il fenomeno vlikka qui!
    http://www.nickyhayden.com http://www.motogp.com/it/motogp/motogp_riders.htm?menu=riders
    Nintendo, la vera "rivoluzione" non stà ne nella grafica ne nella giocabilità, la vera "ri
  14.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3365419
    MariaLuisa ha scritto:
    Ti invito e Vi invito a non abusare di termini quali "p sicoilogicamente disturbat o" o affini se non siete i n possesso di solide cogn izioni in materia.

    MOVIMENTO:
    Non é necessario avere vaste cognizioni in materia per poter affermare che una persona é psicologicamente disturbato.


    Ti sembra "equilibrato" o "sano" o "normale" sperp erare tempo e denaro in videogiochi, cioè in imm agini e suoni da vedere sul televisore? Nel pigia re a ripetizione e senza alcun significato
    una serie di pulsanti?

    MOVIMENTO:
    Ritengo che sia "sano", come dici tu, perdere tempo e denaro nei videogiochi in quanto quelle cosiddette "immagini e suoni sul televisore" rappresentano un modo di svago dai problemi della vita ed un modo di passare il tempo in allegria e di stimolare la fantasia.



    E' senza significato pe rchè tu affermi che la realtà non è diversa d al gioco; bene, allora: il gioco e l'attività di giocare non hanno sign ificato perchè stanno al di fuori della realtà.
    MOVIMENTO:
    Se la realtá non é diversa dal gioco come é possibile che giocare non faccia parte della realtá?
    Ma capisci ció che scrivi o tenti di fare la persona colta?



    Avrebbe senso qualcos a che è irreale?
    Dunque: o il gioco ha u na sua realtà e quindi non è facile distinguerl o dalla realtà quotidian a, oppure il gioco -com e dici tu- è solo fanta sia, ma allora è una fa ntasia irreale e senza senso e solo persone " psicologicamente distu rbate" perderebbero il loro tempo e il loro de naro a vedere suoni e immagini su un televiso re e a pigiare pulsanti!

    MOVIMENTO:
    Il gioco fá parte della realtá, semmai é il suo contenuto che puó non esserlo.
    ti ho risposto nella quotazione.
    puoi fare il finto colto con alcune persone ma non con me.
    ciao ;)

    [Modificato da movimento shenmuista il 17/12/2002 16:34]
    the saga begins...se vuoi sapere chi è il fenomeno vlikka qui!
    http://www.nickyhayden.com http://www.motogp.com/it/motogp/motogp_riders.htm?menu=riders
    Nintendo, la vera "rivoluzione" non stà ne nella grafica ne nella giocabilità, la vera "ri
  15.     Mi trovi su: Homepage #3365420
    Cradle ha scritto:
    Cara/o MariaLuisa, dato che non mi sembra che nessuno sia stato scortese nei tuoi confronti, non vedo perchè tu non debba fare altrettanto.
    Diamoci una calmata ok?
    Ok Maria Luisa ha esagerato a rispondere in quella maniera ma sia *Uno del popolo* che Squall-kun hanno esagerato nel dissentire. Potevano limitarsi a rispondere negativamente senza tirare in ballo "schizofrenia" ecc.

    Per Movimento Shenmuista:
    il fatto che tu sia culturalmente preparato non implica che tu debba essere anche maleducato....

  ci sono differenze tra gioco e realtà?

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina