1.     Mi trovi su: Homepage #3398022
    New Tolkien book discovered
    December 30, 2002

    A YELLOWING manuscript by J.R.R.Tolkien discovered in an Oxford library could become one of the publishing sensations of 2003.

    The 2000 handwritten pages include Tolkien's translation and appraisal of Beowulf, the epic 8th century Anglo-Saxon poem of bravery, friendship and monster-slaying that is thought to have inspired The Lord of the Rings.

    He borrowed from early English verse to concoct the imaginary language spoken by Arwen, played by Liv Tyler, and other elves in the second film made from the Rings books, The Two Towers.

    A US academic, Michael Drout, found the Tolkien material by accident in a box of papers at the Bodleian Library in Oxford.

    An assistant professor of English at Wheaton College in Norton, Massachusetts, Dr Drout was researching Anglo- Saxon scholarship at the Bodleian, and asked to see a copy of a lecture on Beowulf given by Tolkien in 1936.

    It was brought to him in a reading room in a large box. Professor Drout, who reads Anglo-Saxon prose to his two-year-old daughter at bedtime, said: "I was sitting there going through the transcripts when I saw these four bound volumes at the bottom of the box.

    "I started looking through, and realised I had found an entire book of material that had never seen the light of day. As I turned the page, there was Tolkien's fingerprint in a smudge of ink."

    After obtaining permission from the Tolkien estate, Professor Drout published Beowulf and the Critics, a version of Tolkien's 1936 lecture, in the US earlier this month.

    Even more exciting will be Tolkien's translation of the poem and his line-by-line interpretation of its meaning, which will be published next summer.

    Tolkien's name on the cover is likely to make the translation a bestseller.

    Professor Drout says Tolkien found inspiration for many of his storylines and characters in Beowulf. The Anglo-Saxon hero's friendship with Wiglaf is mirrored in the relationship between Frodo and Sam in The Lord of the Rings.

    Elves, orcs and ents, the latter a type of giant that becomes a walking and talking tree in Tolkien's work, are all mentioned in Beowulf.

    Merlin Unwin, son of Tolkien's original publisher, said: "Beowulf is a wonderful story, and if you put Tolkien's name to it, it would probably be a great commercial success."

    The Australian
  2. A riposo  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3398023
    WitchKing ha scritto:
    New Tolkien book discovered
    December 30, 2002
    Bah. A me personalmente quasi tutti i romanzi postumi non sono piaciuti un gran che. Ho letto praticamente ogni cosa, racconti perduti, ritrovati eccetera, senza ritrovare nemmeno una briciola della luce che c'è ne Il Signore degli Anelli. Sono libri molto più simili al Silmarillion e alla lunga sono imho noiosi. Ora che se ne escano con questa traduzione, guardacaso uscita fuori "per sbaglio" proprio quando il nome di Tolkien è sinonimo di denaro, mi pare addirittura sospetto. Bah.
    http://www.facebook.com/VITSole
  3. asap  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3398024
    ho letto la notizia sulla Repubblia (o era il Corriere??? boh)

    NON e' un libro di Tolkien, e' la perifrasi+commenti che lo stesso fece su Beowolf, famoso poema dell'ottavo secolo, su cui tenne svariate lezioni negli anni 20/30 e da cui prese spunto per creare la terradimezzo.

    ovvio, ci sbatteranno su "J.R.R. Tolkien" e vendara' pure un casino...

    EDIT:er, e' la stessa cosa scritta nella news...sorry

    [Modificato da mmj il 31/12/2002 21:30]
    Henshin a Go Go Baby!
    (it's only a VideoGame but) I like it!
  4. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3398026
    <--Sole---> ha scritto:
    Bah. A me personalmente quasi tutti i romanzi postumi non sono piaciuti un gran che. Ho letto praticamente ogni cosa, racconti perduti, ritrovati eccetera, senza ritrovare nemmeno una briciola della luce che c'è ne Il Signore degli Anelli. Sono libri molto più simili al Silmarillion e alla lunga sono imho noiosi. Ora che se ne escano con questa traduzione, guardacaso uscita fuori "per sbaglio" proprio quando il nome di Tolkien è sinonimo di denaro, mi pare addirittura sospetto. Bah.
    A me non sono dispiaciuti. Certo "Lo Hobbit" e "Il Signore degli Anelli" sono un altra cosa. Il Silmarillion invece mi aveva davvero conquistato, alcuni punti sono fantastici.

    Purtroppo hai ragione: il nome di Tolkien è sinonimo di denaro.
    Era inevitabile. Infatti quando avevo sentito la prima voce sul film di Peter Jackson ero felicissimo ma mi saltarono in mente anche i parecchi "contro".
  5. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3398027
    <--Sole---> ha scritto:
    Bah. A me personalmente quasi tutti i romanzi postumi non sono piaciuti un gran che. Ho letto praticamente ogni cosa, racconti perduti, ritrovati eccetera, senza ritrovare nemmeno una briciola della luce che c'è ne Il Signore degli Anelli. Sono libri molto più simili al Silmarillion e alla lunga sono imho noiosi. Ora che se ne escano con questa traduzione, guardacaso uscita fuori "per sbaglio" proprio quando il nome di Tolkien è sinonimo di denaro, mi pare addirittura sospetto. Bah.
    straquoto.

    tolkien è lo hobbit e il signore degli anelli.

    il resto è trascurabile. imho.

    [Modificato da Uriziel il 1/1/2003 21:44]
  6. A riposo  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3398029
    L. Skywalker ha scritto:
    A me il Silmarillion e i Racconti Perduti piacquero molto, soprattutto il primo.
    Ciononostante questo sbucar fuori insieme ai film è sospetto...
    Il silmarillion si, è anzi secondo me fondamentale leggerlo (dopo il signore degli anelli, una volta capito SE si vuole approfondire il discorso) e rileggere di nuovo LOTR dopo il Silmarillion. Così facendo ci si rende conto della grande, grandissima profondità che Tolkien ha dato alle sue opere, si trovano moltissimi riferimenti trasversali e cose simili.
    I Racconti perduti e ritrovati invece li ho trovati molto, molto noiosi.
    http://www.facebook.com/VITSole
  7. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3398030
    <--Sole---> ha scritto:
    Il silmarillion si, è anzi secondo me fondamentale leggerlo (dopo il signore degli anelli, una volta capito SE si vuole approfondire il discorso) e rileggere di nuovo LOTR dopo il Silmarillion. Così facendo ci si rende conto della grande, grandissima profondità che Tolkien ha dato alle sue opere, si trovano moltissimi riferimenti trasversali e cose simili.
    I Racconti perduti e ritrovati invece li ho trovati molto, molto noiosi.
    Si hai ragione per capire perfettamente la maestosa profondità nelle opere di Tolkien bisogna leggere entrambi di seguito.

    Nei racconti perduti e ritrovati anche io in certi punti gli ho trovati noiosi. Però non mi hanno deluso.
  8. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3398031
    Uriziel ha scritto:
    straquoto.

    tolkien è lo hobbit e il signore degli anelli.

    il resto è trascurabile. imho.

    Credo però che se vuoi approfondire la lettura è fantastico poter aprire le altre opere di Tolkien.

    Il resto non è per niente trascurabile perchè ad esempio è nel Silmarillion che cominciano le storie della terra di mezzo. Questa opera è fondamentale. Infatti è quì che Tolkien ha incominciato e ha concluso. L'ultimo suo lavoro è alla fine del Silmarillion non nel Signore degli Anelli.

  [OT] New Tolkien book discovered

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina