1.     Mi trovi su: Homepage #3402430
    E' di oggi l'articolo in prima pagina del Corriere della Sera (approfondito abbondantemente all'interno del giornale) sulla violenza inaudita di Hitman, Pagato per Uccidere.
    Neanche a dirlo nell'articolo si parla degli altri mostri di violenza: Quake, Carmageddon, Soldier of Fortune e così via, colpevoli di chissà quanti delitti.

    Direi che è un argomento attuale, che ci riguarda tutti. Dite la vostra, vediamo se siamo tutti d'accordo o meno.
  2. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3402432
    Si è vero, concordo con chi mi ha preceduto...
    Il problema è stato ormai trattato e ritrattato troppe volte...
    Semplicemente diciamo che il problema è soggettivo e se qualcuno ha dei problemi e certi giochi non li riesce a sopportare non è obbligato a usarli.
    Ci sono giochi più morbidi...o di altro genere dopotutto!
    Il discorso è tutto qui.

    Ciao.
  3. che ansia  
        Mi trovi su: Homepage #3402433
    Anche io sono d\'accordo con Lugeta, ma il punto è che Hitman non sfrutta la violenza del gioco come pubblicità, anzi si pubblicizza come un gioco dove bisogna riflettere prima di agire. La cosa che ha fatto scandalo è che in Hitman si impersona un sicario perchè nel gioco (che io posseggo e per bellissimo) non ci sono gli effetti splatter che si possono ritrovarein FAKK 2 o Rune o Alice o Carmageddon etc. etc.
    Quindi per concludere Hitman non dovrebbe essere attaccato per la sua violenza ma per il tema che tratta e per questo non essere venduto ai ragazzini di 10-12 anni, come lo stesso American McGee\'s Alice non deve essere scambiato per un gioco educativo Disney.

    [Modificato da Nihil_82 il 9/1/2001 11:07]
  4. Account abbandonato. Fade to black.  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3402435
    I casi sono due:

    1--> Il Sig. Dott. Ing. Gian Antonio Stella per scrivere quelle C.....E deve aver per forza giocato a quei \"mostri di violenza\" e si è accorto della trama blasfema di Messiah, del mestiere del killer di Hitman, del sangue che esce dallo schermo di QIII (che schifo, ogni volta che esco dal gioco, devo pulire la camera che il sangue macchia...), di Carmageddon che, a quanto ne so, tranne il primo, non ha venduto granchè e pensare che siamo tutti dei maniaci serial killer... Quindi se ha provato questi giochi, si è alienato e in preda a raptus omicida ha impugnato il BFG9000 e si è precipitato dal direttore del Corriere per ridurlo a crosta su muro, o forse non perchè era alienato ma bisognava punire chi permette di scrivere certe C.....E e non dice nulla...

    2--> Il Rag. Prof. Esimio Gian Antonio Stella non ha giocato per nulla a quei giochi e quindi comunque ha scritto tante di quelle C.....E che se fossi iscritto all\'Albo dei giornalisti cercherei in tutti i modi di stroncargli la carriera...

    Ma è mai possibile che esistono ancora delle persone del genere? Se in USA si ammazza alle scuole la colpa non è dei videoG ma della SOCIETA\' che permette, solamente con la cittadinanza, di comprare qualsiasi arma in negozio... ma si vede che questo C.....E non ci è mai stato in USA passando tutto il tempo libero a giocare a Hitman, Messiah, Carmageddon...
    Al peggio non c\'è mai limite, e per certe persone la deficienza non conosce limiti...

    Byez :) :)

    [Modificato da Dypa77 il 21/1/2001 21:51]
    "A te t'ha rovinato il team corse" (C) 2004 AlGaloppo
  5.     Mi trovi su: Homepage #3402436
    Personalmente ritengo che la violenza sia in qualche modo latente in ognuno di noi. Penso inoltre che certi videogiochi possano,a prescindere da individui particolarmente influenzabili o spicolabili; essere una valvola di sfogo per le frustrazioni e le violenze che quasi tutti noi siamo costretti a subire quotidianamente.
    Molto meglio sparare o investire pedoni nella finzione videoludica che sfogarsi in altri modi tutt'altro che
    civili nella vita di tutti i giorni.
  6. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3402437
    Forse hai centrato il problema, imho.
    Nessuno pensa o crede che l'essere umano non sia violento.
    Io penso che lo sia, in fondo la violenza è un'istinto, e di istinti primitivi ce ne sono più oggi che nel passatto. Il problema e che se non si sà la violenza che cosa può fare di male, non si può diciamo Mitigare.
    Ma in questo caso pensiamo.
    Che cosaè che ci trattiene?
    La nostra empatica del male che faremo agli altri?
    Eventuali sanzioni punitive alla nostra libertà?
    Oppure la consapevolezza che possiamo fare del male agli altri senza ricorrere alla violenza?
  7.     Mi trovi su: Homepage #3402439
    Comi ha scritto:
    E' di oggi l'articolo in prima pagina del Corriere della Sera (approfondito abbondantemente all'interno del giornale) sulla violenza inaudita di Hitman, Pagato per Uccidere.
    Neanche a dirlo nell'articolo si parla degli altri mostri di violenza: Quake, Carmageddon, Soldier of Fortune e così via, colpevoli di chissà quanti delitti.

    Direi che è un argomento attuale, che ci riguarda tutti. Dite la vostra, vediamo se siamo tutti d'accordo o meno.
    Personalmente non amo i giochi molto violenti, li ritengo come i comici che per fare ridere devono ricorrere alla turpiloquio, altrimenti non li c...a nessuno!!! E' l'ultima spiaggia a cui i creativi in crisi di idee si devono appellare. In fondo ci vuole un mucchio di tempo per creare un gioco innovativo ,ma per esagerare in violenza sono capaci tutti.... Per qunato riguarda l'educazione sociale questi giochi sono la risposta ad una domanda, come la droga e la prostituzione, e in quanto tali individuano i propri acquirenti in una specifica classe. OK, non voglio paragonare i giocatori violente a Pu.... o drogati, ma è per fare capire a chi fa facili crociate contro le software house che in realtà il problema siamo noi acquirenti che li compriamo, altrimenti non esisterebbero!!!
    IL DENARO......
    può comprare un orologio
    ma non il tempo....

    AC:Name:"lugeta" City:"nabu"
  8. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3402440
    Comi ha scritto:
    E' di oggi l'articolo in prima pagina del Corriere della Sera (approfondito abbondantemente all'interno del giornale) sulla violenza inaudita di Hitman, Pagato per Uccidere.
    Neanche a dirlo nell'articolo si parla degli altri mostri di violenza: Quake, Carmageddon, Soldier of Fortune e così via, colpevoli di chissà quanti delitti.

    Direi che è un argomento attuale, che ci riguarda tutti. Dite la vostra, vediamo se siamo tutti d'accordo o meno.
    Il discorso è molto semplice. Chi realizza un gioco ha tutto il diritto di decidere cosa e come inserirci, esattamente come chi realizza un film, piuttosto che un fumetto o un libro. Agli utenti tocca scegliere, comprare, giocare, eventualmente giudicare, di certo non criminalizzare. Se poi la violenza è inserita solo per fare scena o ha un'effettiva utilità dipende da caso a caso (Postal era un gioco insulso, Resident Evil senza sangue lo sarebbe altrettanto?). Il punto è che la gente deve sapere cosa sta acquistando e le classificazioni ELSPA servono a questo, no?
    Se poi la madre compra carmageddon 2 per il figlio senza neanche sapere cosa sta facendo, beh, saranno anche cazzi suoi...
  9. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3402441
    LUGETA ha scritto:
    Comi ha scritto:
    E\' di oggi l\'articolo in prima pagina del Corriere della Sera (approfondito abbondantemente all\'interno del giornale) sulla violenza inaudita di Hitman, Pagato per Uccidere.
    Neanche a dirlo nell\'articolo si parla degli altri mostri di violenza: Quake, Carmageddon, Soldier of Fortune e così via, colpevoli di chissà quanti delitti.

    Direi che è un argomento attuale, che ci riguarda tutti. Dite la vostra, vediamo se siamo tutti d\'accordo o meno.
    Personalmente non amo i giochi molto violenti, li ritengo come i comici che per fare ridere devono ricorrere alla turpiloquio, altrimenti non li c...a nessuno!!! E\' l\'ultima spiaggia a cui i creativi in crisi di idee si devono appellare. In fondo ci vuole un mucchio di tempo per creare un gioco innovativo ,ma per esagerare in violenza sono capaci tutti.... Per qunato riguarda l\'educazione sociale questi giochi sono la risposta ad una domanda, come la droga e la prostituzione, e in quanto tali individuano i propri acquirenti in una specifica classe. OK, non voglio paragonare i giocatori violente a Pu.... o drogati, ma è per fare capire a chi fa facili crociate contro le software house che in realtà il problema siamo noi acquirenti che li compriamo, altrimenti non esisterebbero!!!
    Questo discorsi di potrebbe anche allargare ai film. Splatterhouse anyone?
    Chi si ricorda di quella schifezza di CHILLER?

    [Modificato da lain il 9/1/2001 3:44]
  10.     Mi trovi su: Homepage #3402442
    sono daccordo con lugeta, se qualcuno li compera i giochi viloenti o guirado i film violenti significa che li vuole
    odio chi polemizza contro i videogiochi violenti causa di problemi e bla bla bla, si!!! invece vendere armi liberamente, sgagionare malavitosi dopo aver intascato tangenti, corruzzioni ecc ecc rendono la vita migliore???
    non credo che i giochi siano una delle cause prncpl dei mali del mono
  11. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3402443
    Nihil_82 ha scritto:
    Anche io sono d'accordo con Lugeta, ma il punto è che Hitman non sfrutta la violenza del gioco come pubblicità, anzi si pubblicizza come un gioco dove bisogna riflettere prima di agire. La cosa che ha fatto scandalo è che in Hitman si impersona un sicario perchè nel gioco (che io posseggo e per bellissimo) non ci sono gli effetti splatter che si possono ritrovarein FAKK 2 o Rune o Alice o Carmageddon etc. etc.
    Quindi per concludere Hitman non dovrebbe essere attaccato per la sua violenza ma per il tema che tratta e per questo non essere venduto ai ragazzini di 10-12 anni, come lo stesso American McGee's Alice non deve essere scambiato per un gioco educativo Disney.

    [Modificato da Nihil_82 il 9/1/2001 11:07]
    Anche Soldier of Fortune, che sembrava dovesse essere una delle cose più slaptter di tutti i tempi e poi invcece a livello di sangue è molto inferiore a molti altri titoli. Certo al soddisfazione che dà usare il fucile a pompa a corta distanza! :) :DD
  12. A riposo  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3402444
    lain ha scritto:
    Nihil_82 ha scritto:
    Anche io sono d'accordo con Lugeta, ma il punto è che Hitman non sfrutta la violenza del gioco come pubblicità, anzi si pubblicizza come un gioco dove bisogna riflettere prima di agire. La cosa che ha fatto scandalo è che in Hitman si impersona un sicario perchè nel gioco (che io posseggo e per bellissimo) non ci sono gli effetti splatter che si possono ritrovarein FAKK 2 o Rune o Alice o Carmageddon etc. etc.
    Quindi per concludere Hitman non dovrebbe essere attaccato per la sua violenza ma per il tema che tratta e per questo non essere venduto ai ragazzini di 10-12 anni, come lo stesso American McGee's Alice non deve essere scambiato per un gioco educativo Disney.

    [Modificato da Nihil_82 il 9/1/2001 11:07]
    Anche Soldier of Fortune, che sembrava dovesse essere una delle cose più slaptter di tutti i tempi e poi invcece a livello di sangue è molto inferiore a molti altri titoli. Certo al soddisfazione che dà usare il fucile a pompa a corta distanza! :) :DD
    Il problema è che l'articolo in questione è veramente il non plus ultra del "non so di che parlo, ma queste cose qua stanno portando il mondo alla rovina e quindi le devo distruggere".
    Ho una trascrizione, se volete la cutpasto. Ocio che è lunga
    http://www.facebook.com/VITSole

  Violenza nei videogiochi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina