1. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #3420613
    Nel nostro paese, come ben sapete, il mondo dello sviluppo di videogames non gode ancora dell'attenzione e delle risorse che meriterebbe. Ma questo non impedisce certo di emergere e proporre idee interessanti; anche se poche infatti, in Italia abbiamo software house molto promettenti e apprezzate a livello internazionale, tra cui la Trecision, nata nel 1991 con sede a Rapallo (GE). Tra le numerose iniziative di questo gruppo, troviamo il progetto LaunchPad e la tecnologia Push&Play, che consentirà di giocare on-line con ping bassissimi grazie ad un codice superottimizzato. Cosa significa questo? Gioco on-line con la stessa qualità (grafica e fluidità in primis) del gioco singolo!!! Questa tecnologia potrà essere utilizzata per tutti i tipi di giochi, e ciò potrebbe rivoluzionare anche l'acquisto degli stessi: vi piacerebbe giocare avendo libero il vostro bravo hard disk con un notevole risparmio economico alla stessa qualità di sempre? Per saperne di più abbiamo intervistato Massimiliano Sacchi, Sales and Marketing Director della Trecision:

    Atrus: Prima di tutto parliamo un po' di voi. La Trecision è la dimostrazione che anche in Italia c'è chi i videogiochi li sa fare. Cosa ne pensate del mercato italiano? Ci sarà una maggiore attenzione per l'industria videoludica?

    MS: Ci stiamo battendo con tutte le nostre forze perchè anche in Italia possa nascere una vera e propria industria dello sviluppo dei videogames. Oggi esistono solo 2 o 3 società in tutto e per tutto italiane - e di origine italiana - il cui valore è riconosciuto a livello internazionale. E' anche vero però che all'interno dei gruppi di sviluppo minori regnano disorganizzazione e improvvisazione, che si disperdono le energie in numerosi progetti, alcuni dei quali magari nemmeno relativi ai videogames. Inoltre, si tende a sottovalutare l'importanza del settore commerciale, che è il vero tramite tra un gioco e il mercato: troppo spesso ottime demo non vengono nemmeno guardate perchè inviate alla persona sbagliata!

    Atrus: Tra le iniziative da voi intraprese, ce n'è una molto interessante, che non mancherà di entusiasmare gli aspiranti sviluppatori. Potete descriverci il progetto LaunchPad?

    MS: LaunchPad è una struttura interna a Trecision che si propone di aiutare i più promettenti sviluppatori italiani fornendo loro supporto logistico, tecnico, organizzativo e commerciale - in altre parole l'indispensabile per portare avanti i loro progetti. In pratica, siamo accanto ai team selezionati dall'inizio alla fine del progetto, fino al punto di proporre i loro lavori ai maggiori editori internazionali per la commercializzazione e la distribuzione dei giochi. La selezione preliminare è molto accurata: abbiamo deciso di accogliere un numero limitato di gruppi di sviluppo, non più di 4 o 5, per fornire loro il massimo aiuto possibile, senza disperdere le risorse a nostra disposizione. Oggi possiamo annunciare ufficialmente che il team Idoru fa parte di LaunchPad e che altri gruppi sono vicini all'ingresso ma non posso ancora fare nomi...

    Atrus: A quanto pare alla Trecision non basta fare videogiochi, volete anche rivoluzionare il modo di acquistarli e di giocarli, cos'è la Tecnologia Push&Play? E come cambierà il modo di giocare?

    MS: Mmm... Non posso dire molto in questo momento. Diciamo che sarà possibile acquistare e giocare giochi in tutto e per tutto simili (per qualità tecniche e di giocabilità) a quelli in vendita in negozio a prezzo pieno. Non mi è possibile fare i nomi dei nostri potenziali partner per ora ma il risparmio di tempo e denaro per l'utente sarà molto, molto sensibile. Mi rifai la domanda tra qualche settimana? (puoi contarci! ndAtrus)

    Atrus: E' una tecnologia pensata prevalentemente per il multiplayer o avete previsto un'utenza singleplayer? Se si come funzionerà?

    MS: Entrambi, ma il funzionamento resterà segreto fino all'annuncio ufficiale dei nostri partner internazionali.

    Atrus: Avete intenzione di utilizzare Push&Play anche per le console?

    MS: Nulla ci vieta di farlo, ma in questo momento nessuna console ha disponibile la connessione on-line, con la sola eccezione del Dreamcast, il cui futuro al momento non è molto chiaro. (purtroppo pare che sia pessimo ndAtrus).

    Atrus: Pensate di realizzare grazie a Push&Play giochi multipiattaforma?

    MS: E' possibile.

    Atrus: Le altre software house hanno mostrato interesse per il vostro progetto?

    MS: Si. Molto interesse. La tecnologia è talmente interessante da aver suscitato l'interesse di moltissime società appartenenti a diversi settori dell'industria del divertimento elettronico e dell'on-line.

    Atrus: E a proposito di Push&Play, parliamo di The Watchmaker. E' vero che sarà giocabile interamente con questa vostra tecnologia?

    MS: Si, assolutamente. Il gioco sarà interamente fruibile on-line - meglio se attraverso connessione ISDN o ADSL (o più veloce) ma anche chi ha un modem tradizionale potrà divertirsi e completare l'avventura.

    Insomma con qst tecnologia non si potranno + masterizzare i giochi!
    Alice sorrise: “Non ha senso tentare”, disse, “non si possono credere cose impossibili” “Direi piuttosto che non hai molta pratica”, disse la Regina, “quando ero più giovane, lo facevo sempre per mezzora al giorno. Alcune volte ho creduto fino a sei
  2. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #3420615
    atchoo ha scritto:
    Ma chi è Atrus? ??? ??? ???
    è una intervista presa da un sito di programmazione, cmq è interessante no?
    Alice sorrise: “Non ha senso tentare”, disse, “non si possono credere cose impossibili” “Direi piuttosto che non hai molta pratica”, disse la Regina, “quando ero più giovane, lo facevo sempre per mezzora al giorno. Alcune volte ho creduto fino a sei

  leggimi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina