1.     Mi trovi su: Homepage #3442823
    Allora, alla fine trattasi di bufala o di capolavoro?
    Sono andato a vederlo con le piàù ottimistiche previsioni, e riassumo qui le mie impressioni.

    Graficamente impressionante, un gran bel vedere, anche se capisco che chi è a digiuno di CG può vedere questo tentativo di creare esseri umani realistici (che realistici NON sono) come infelice, e concludere con 'sembrano manichini'. Dipende da con che occhi lo guardate. Io l'ho trovato superbo, altri miei amici esperti di CG l'hanno trovato brutto. Probabilmente lo stato dell'arte, ma ancora troppo finto, se si voleva fare qualcosa di REALISTICO, contrariamente ai cartoon come Shrek, che non hanno questa pretesa.

    Storia pallosa. C'è poco da dire.
    La trama è interessante ed articolata, ma mai nelle due ore di film riesce ad essere avvincente. Sti giappo non sanno raccontare una storia. Il film è confuso, lento, noioso, non spiega le cose (che di per se non costituisce un problema, se solo la trama fosse sviluppata con intelligenza) e quelle che spiega, devono essere accettate come atti di fede, nel senso che non 'funzionano' nell'economia della trama. Nei film di fantasia, poste certi presupposti, certe regole di base, su quelle può venir costruita una trama coerente, i cui meccanismi possono essere desunti e spiegati in base a quelle regole che uno accetta perchè sta vedendo un film di fantasia.
    In FF, le 'regole' di base ci sono ma gli avvenimenti che ne conseguono sono completamente campati per aria, nebulosi, non inerenti. Il settimo spirito, il perchè ed il percome, il fatto che sparare col mega cannone pompasse lo spirito invece di distruggerlo, lo spirito della protagonista, non ho ma visto un film così zoppicante, forse una trama meno complessa e più banale non era meglio? Ecco come delle buone intenzioni (evitare la storiellina scontata) vengono rovinate da un orrenda sceneggiatura, e considerando quello che è costato il film alla Square, potevano pure spenderci qualcosina in più, per gli autori.
    Uscito dal cinema ho pensato, ora so perchè il film ha fatto fiasco. Peccato, volevo davvero che fosse un bel film, per premiare gli sforzi di Square ed un progetto ambizioso.
    Purtoppo il film è assolutamente PALLOSO e sarà dimenticato in tempo zero.

    Per darvi il mio profilo, a me piacciono anche i film lenti, non sono un amante dei pop corn movie hollywoodiani, e fra i miei registi culto ci sono ridley scott, carpenter, raimi, cronenberg, peter jackson (dallo splatter a 'creature del cielo'), tarantino, rodriguez, varie ed eventuali che in questo momento non mi sovvengono. Detesto i filmoni banali fatti per piacere, anche se poi magari mi piacciono (eh, non per niente, sono fatti per quello!) modello, il miglio verde ed armageddon, due titoli diversi, accomunati però dalla disarmante 'facilità di lettura' e dal modo in cui tutte le aspettative dello spettatore sono soddisfatte.
    Finito!

    [Modificato da woodrue il 10/9/2001 13:38]
    Endure. In enduring, grow strong
  2. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3442825
    Concordo perfettamente con te!
    Anche se alcuni appunti la devo fare sulla grafica.
    Dal mio punto vi sta, tutto il tempo è stato speso per la definizione 3d e se noi, gli unici 2 visi caratterizzati meglio sono quelli di Aki Ross e di Cid il resto sono ENORMEMENTE anonimi, poco tempo deve essere stato speso per le animazioni perchè potevano essere rese meglio e la caratterizzazione dei personaggi, scusate, ma una delle cose meno originali di questo film.

    "El riesco siempre viva!"
  3.     Mi trovi su: Homepage #3442827
    Al caro woodrue, vorrei spiegare che il cinema non è sempre e solo belle trame, begli effetti, bravi attori e via dicendo. Esso è una FORMA D'ARTE, e come tale è soggetto alle stesse regole delle altre arti figurative, come ad esempio la pittura. In pittura, appunto, cosa rientra nella categoria di bel quadro? Un paesaggio sorprendentemente realistico? Anche, ma non solo... Talvolta bastano determinati colori, arabescati in una determinata maniera anche se la tela è priva di un vero e proprio soggetto. Ebbene, preparati per un bello scossone alle tue idee conservatrici: mi sa che questo... VALE ANCHE NEL CINEMA!

    Sono stufo di sentir dire "Questo film ha una trama irrisoria e quindi è brutto"! Si tratta di un'autentica bestialità! Ciò è vero quando la pellicola non ha null'altro da presentare, come nel caso delle "opere" (se così si possono chiamare) dei fratelli Vanzina. Le tue osservazioni su Final Fantasy sono pertanto corrette, ma limitate. FINAL FANTASY E' UN BEL FILM! Perché è un film fatto non solo di trama, anzi è principalmente incentrato sulle suggestioni visive; e non mi riferisco alla grafica, bensì ai giochi di colori, a quella magia surrealista che traspare dai sogni della protagonista e da quella aberrante realtà, al senso di smarrimento e impotenza che coglie di fronte a realtà più grandi e complesse di quelle normalmente comprensibili da un essere umano. Io mi sono emozionato. Non ho capito alcune cose, è vero, perché a tratti il film era effettivamente confuso, ma mi sono lasciato prendere per mano e suggestionare, non ho fatto l'intellettualoide da quattro soldi rifutando quella mano e rimanendo sulla poltrona ad analizzare e vivisezionare questo o quello.

    Anche perché in fondo mi sta bene che in alcune storie restino dei punti in sospeso o comunque poco chiari. Talvolta è anzi insopportabile la volontà di spiegare ogni singola cosa, poiché sembra che i protagonisti siano coscienti di essere osservati dall'esterno e si sentano in dovere di rendere ciò che fanno universalmente comprensibile. Mi piace invece pensare di sedermi ad osservare la vita di qualcun altro senza che questi sappia di me, e pazienza se qua e là mi sfugge qualcosa.

    E' lo stesso motivo per cui a me piace tanto Dario Argento e a te no: le sue trame hanno spesso parecchi punti deboli e talvolta non sono affatto avvincenti; in alcuni casi, poi, sono sottilissime come carta velina e il resto sono solo immagini. Ma che immagini! Dario Argento è una specie di pittore. Una sorta di Goya, anche lui amante dei volti sofferenti e dell'orrore mentale. Mi piacciono molto le sue scelte stilistiche, la ricerca dell'inquadratura, la suggestione visiva e al tempo sonora. Potrà anche essere superficiale in alcuni punti del racconto, ma quando, per descrivere un delitto, mi tira fuori un piano sequenza di tre minuti riprendendo l'esterno di una casa salendo sul tetto, ruotando, discendendo e poi andando alla finestra da cui sta entrando qualcuno, il tutto mentre la musica ti pompa adrenalina nel sangue, beh... non posso fare a meno di esclamare che è il migliore!
    Ipse dixit
  4.     Mi trovi su: Homepage #3442829
    Sempre pronto a infliggermi i tuoi insindacabili giudizi sulla mia persona, eh?
    Come primo appunto potrei dirti che il tuo ragionamento, teoricamente parlando, non fa una grinza, peccato che in questo modo praticamente neghi la possibilità che un pessimo film possa essere fatto. Se riconduciamo tutto alle suggestioni, insomma, diventa poi difficile argomentare.
    Per me Eccezzziunale veramente è un film mitico! Ed è di Vanzina! (sigh)
    Noto poi come non ti sia nemmeno sognato di dire 'per me è un bel film', no, come al solito l'equazione è mi piace = è bello, almeno se piace a te, cioè, e poi mi vieni a dare del conservatore!
    Sai benissimo che conservatore non sono, semplicemente trovo che in questo caso gli autori abbiano semplicemente cannato, non è che il volersi discostare dai canoni hollywoodiani automaticamente garantisca 1) originalità 2) qualità.
    Ho inteso bene tutte le tue argomentazioni e le condivido in gran parte (CAPITO?? Non voglio tornare su questo punto!).
    Se mi vuoi paragonare un polpettone insipido, con personaggi così inconsistenti da far sorridere, come FF, ad un qualsiasi film di Dario Argento (dove, per quanto precario, posso maggiormente vedere tutte quelle suggestioni di cui parli, ma che diamine, ciononostante se se ne parla posso pure dirti quello che non mi è piaciuto o vuoi solo sentirti dire che è bello??), beh, la cosa mi lascia perplesso.
    Nemmeno io ho fatto l'intellettualoide da 4 soldi, come neanche tanto sottilmente suggerisci, ho esposto frettolosamente (dato il contesto) le mie impressioni, con qualche argomentazione, esattamente come hai fatto tu nel tuo reply, che con tutti gli arditi (?) paralleli cinema/pittura non è da meno, anzi.
    E poi basta con sta storia del vivisezionare etc etc, eccheccazz, ho capito che tutte le volte che non siamo d'accordo mi accusi di andare forzatamente a zercare il pelo nell'uovo!
    Insomma pure a te sarà capitato di vedere film che non ti son piaciuti, no? Ebbene anche a me! Incredibile! Così quando sono uscito dal cinema, con la sensazione/conspevolezza che il film non mi era piaciuto (e ti assicuro che metre lo guardavo non ne stavo già facendo una vivisectomia, sempre che il termine sia quello), ho cominciato a chiedermi PERCHE' non mi era piaciuto, e parte delle argomentazioni sono finite in questo post, che a te sa tanto di arida analisi.
    E allora mi arrendo! D'ora in poi non chiedermi più pareri su questo o quel film! O se lo fai , preparati a ricevere risposte tipo 'perchè non mi è piaciuto? Perchè no!'
    Per quel che riguarda questa affermazione
    Anche perché in fondo mi sta bene che in alcune storie restino dei punti in sospeso o comunque poco chiari. Talvolta è anzi insopportabile la volontà di spiegare ogni singola cosa, poiché sembra che i protagonisti siano coscienti di essere osservati dall'esterno e si sentano in dovere di rendere ciò che fanno universalmente comprensibile. Mi piace invece pensare di sedermi ad osservare la vita di qualcun altro senza che questi sappia di me, e pazienza se qua e là mi sfugge qualcosa.

    Cavolo, sai benissimo che sono d'accordo!! sai bene che condividiamo la noia per i soliti triti meccanismi del cinema hollywoodiano.
    Ma che vuol dire, che basta una trama confusa per dire, ah, beh, è solo un po più realistico, pirandelliano, direi...
    Come dicevo prima, nonostante il ragionamento sia condivisibile, i risultati non sono garantiti, ed il rischio di polpettone è dietro l'angolo! E parlando di triti meccanismi, mi viene in mente come il teatro antico fosse tutto costruito sugli stessi canovacci e le stesse situazioni (visto che hai fatto i miei stessi studi, ne converrai pure tu, se ti ricordi i vari plauto e terenzio), e ciò che faceva emergere un'opera rispetto ad un altra era la profondità dei personaggi, la verve in certi casi, ecc ecc.
    Che tu lo voglia o no il cinema segue regole rigide. IN due ore puoi rappresentare un numero limitato di scene. E qualsiasi storia tu voglia rappresentare, dovrai convertirla, ottimizzarla, renderla comprensibile per questo formato. Un compromesso fra libertà artistica e limitazioni del mezzo che la rappresenta.
    Stiamo sempre parlando di cinema di intrattenimento.
    Alla fine, la pensiamo allo stesso modo, solo, com'è giusto che sia, ci suggestionano cose diverse!
    E' sempre un piacere argomentare con te, nonostante le bacchettate da maestrino che mi rifili sempre, ahò, la prossima volta vengo li e te meno!
    Lo sai che poi ci rimango male 8(
    Endure. In enduring, grow strong
  5.     Mi trovi su: Homepage #3442830
    Ammazza che logorroici che siamo! Gli ultimi due post erano tremendamente lunghi, e lo sarà anche questo che mi appresto a scrivere! Wow! Li leggeremo solo noi due!

    Allora, tanto per cominciare...

    "Sempre pronto a infliggermi i tuoi insindacabili giudizi sulla mia persona, eh?"

    Ma dove??? Non mi pare affatto d'averti affibiato epiteti o aggettivi poco carini... Posso dire che "secondo me" (SECONDO ME, bada bene!!!) alcune tue osservazioni non sono corrette? Posso avere opinioni diverse senza sentirmi dire che le impongo come oggettivamente corrette (anche se poi in fondo lo sono :-P )?

    "in questo modo praticamente neghi la possibilità che un pessimo film possa essere fatto"

    Sbagliato. Ho infatti precisato che non tutti i film hanno questa doppia chiave di lettura. SECONDO ME "Final Fantasy" rientra nella categoria. Concordo su "Ecccezziunale veramente", la mia allusione a Vanzina era generica, atta ad esemplificare la mia teoria. Ci aggiungo che a nome Vanzina sono stati fatti altri bei film, anche se poi in fondo sono la minor parte della loro cinematografia. In ogni caso non si può dire che lavorino sull'estetica oltre che sulla narrazione (SECONDO ME, ovvio).

    "un qualsiasi film di Dario Argento (dove, per quanto precario, posso maggiormente vedere tutte quelle suggestioni di cui parli, ma che diamine, ciononostante se se ne parla posso pure dirti quello che non mi è piaciuto o vuoi solo sentirti dire che è bello??)"

    Sarebbe gradito! ;-) A parte tutto, non mi sembra proprio che tu ti sia mai messo semplicemente a dire cosa non ti è piaciuto in un film di Argento solo per farne un'analisi ma salvandone la qualità. Le tue sono sempre state stroncature di ogni singolo fotogramma, a partire dai titoli di testa nel momento stesso in cui scorrono sullo schermo. Ricordo ancora i tuoi sorrisetti sarcastici al termine dei film che abbiamo visto insieme, con annesse critiche parossistiche talvolta più inverosimili delle inverosimiglianze che intendevi denunciare.

    "Nemmeno io ho fatto l'intellettualoide da 4 soldi, come neanche tanto sottilmente suggerisci, ho esposto frettolosamente (dato il contesto) le mie impressioni, con qualche argomentazione, esattamente come hai fatto tu nel tuo reply, che con tutti gli arditi (?) paralleli cinema/pittura non è da meno, anzi."

    Domando scusa. La prossima volta mi riallaccerò al fumetto, abbassando la seriosità del raffronto e rendendolo più a portata.

    "tutte le volte che non siamo d'accordo mi accusi di andare forzatamente a zercare il pelo nell'uovo!"

    Ma ti senti quando parli? SECONDO ME fai esattamente così!

    "se ti ricordi i vari plauto e terenzio"

    Ah, e poi i MIEI paralleli sarebbero arditi?

    "E' sempre un piacere argomentare con te, nonostante le bacchettate da maestrino che mi rifili sempre, ahò, la prossima volta vengo li e te meno!
    Lo sai che poi ci rimango male 8("

    Grazie e altrettanto. Comunque non c'è spazio per i sentimenti in guerra. Le tue lacrime non mi commuovono, anche perché tu stesso non rinunci ad andare giù pesante, quando vuoi.

    C'erano altre cose che avrei voluto dire, ma al momento non ho più voglia. Au revoir, mon ennemi. Alla prossima (spero presto).

    P.S.: SECONDO ME! SECONDO ME! SECONDO ME!
    Ipse dixit

  Final Fantasy: è ora di tirare le somme [SPOILERino]

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina