1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3446225
    Planet of the Apes.

    L'ho visto ieri sera.

    All'inizio bello.

    Poi ancora piu' bello.

    E alla fine ci siamo messi tutti a ridere. Di gioia o di frustrazione?

    Insomma... durante l'intervallo (ero con la mia ragazza ed un'altra coppia) ci siamo scambiati commenti positivi e sorrisi, e non vedevamo l'ora di vedere il mezzo busto della Statua della Liberta'.

    Burton invece ha modificato radicalmente la trama e l'ambientazione (per me in positivo quest'ultima), ed ha aggiunto un finale assolutamente inspiegabile.

    Dimensione parallela? oppure c'e' qualche "finezza" nascosta nella trama che spiega tutto quanto ed e' passata inosservata?

    Voi che ne pensate?
    Manuel 'Vanethian' Marino
    Compositore e Sound Engineer

    - [b][URL=http://www.manuelmarino.com]Manuel Marino Homepage -
  2.     Mi trovi su: Homepage #3446226
    beh! ricapitolando la trama....

    il protagonista parte, finisce nella tempesta magnetica...il contatore temporale che c'è sull'astronave comincia a contare velocemente gli anni che passano e dal 2029 iniziale si trova migliaia di anni nel futuro, 2000 400/500 giù di lì (va molto avanti).....e finisce su un pianeta X (ancora non si sa quale sia!!) ........ il pianeta è abitato dalle scimmie che trattano gli uomini da schiavi.... (e sin qui ci siamo, simile al primo, non identico nelle schene ma la trama è quella)... scappa con un gruppo di umani e due scimmi che lo aiutano... sono alla ricerca di qualcosa che si scopre sia l'atronave madre.... ( e anche qui può andare..... un pò tirata x i capelli, ma può anadre...)....

    c'è la battaglia (troppo cruenta... ma battaglia è!)..tra umani e scimmie..... vince la pace tra le specie....

    atterra lo scimpazè amico del protagonista (ok può andare...la scimmia era addestrata x trovare e tornare alla astronave madre.....vabbè....)

    il protagonosta lascia il pianeta.... (al cinema sono insorti tutti i maskietti quando ha lasciato la stangona!!! eheheheeee sempre i soliti!! ).... sin qui
    ci siamo... tutto "logico" ( insomma!)..... cmq visto l'originale.. un senso c'è... anke se ancora non sappiamo dove siamo!!!

    e mò? nun ze capisce + nada!!!

    la navicella entra nuovamente nella tempesta magnetica...... il contatore degli anni va indietro ( xkè poi questo Tim Burton me lo dovrebbe spiegare, xkè torna indietro? boh!!)

    cmq il contatore finisce sul 21...qualcosa... quindi siamo indietro rispetto alla data del "pianeta delle scimmie" ma siamo nel futuro rispetto la data da cui lui è partito.....

    e che trova??? una città (identica a quella umana) scimmiesca??? ma che senso ha???

    vuol dire che tanto in ogni caso le scimmie prenderanno il potere?

    si trova in un universo parallelo??

    non si trova nel futuro rispetto ciò che ha combinato su quel pianeta...quindi non può avere cambiato nulla....

    ma dove si trova???

    avete delucidazioni da darmi???

    Ciaoooooooooooooooooo
  3.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3446227
    Vanethian ha scritto:
    Planet of the Apes.

    L'ho visto ieri sera.

    All'inizio bello.

    Poi ancora piu' bello.

    E alla fine ci siamo messi tutti a ridere. Di gioia o di frustrazione?

    Insomma... durante l'intervallo (ero con la mia ragazza ed un'altra coppia) ci siamo scambiati commenti positivi e sorrisi, e non vedevamo l'ora di vedere il mezzo busto della Statua della Liberta'.

    Burton invece ha modificato radicalmente la trama e l'ambientazione (per me in positivo quest'ultima), ed ha aggiunto un finale assolutamente inspiegabile.

    Dimensione parallela? oppure c'e' qualche "finezza" nascosta nella trama che spiega tutto quanto ed e' passata inosservata?

    Voi che ne pensate?
    Inizio medio
    Primo parte ridicola (sembrava Casa Vianello)
    Da quando <spoiler>
    ...
    ...
    scappano dalla città diventa bello. Non regge il confronto con il classico, ma a suo modo si differenzia e questo gli rende onore.

    Il finale io me lo spiego così:

    <superspoler sul="SUL" finale="FINALE" del="DEL" film="FILM">

    In realtà il problema è che il timer sulla navicella funziona al contrario.
    Il protagonista in realtà entrando nel buco nero non va avanti nel tempo, ma torna indietro al tempo in cui i primati lottavano fra loro per la supremazia sulla terra. A popolare il mondo, fino ad allora deserto, era stata proprio l'astronave madre che, cadendo sul pianeta deserto aveva portato con se la vita; da quella lotta con il tempo si sarebbe dovuto affermare l'uomo, e con i secoli si sarebbe dovuta evolvere la società umana come la conosciamo noi.
    Ma con la caduta dell'astronauta cambia tutto, perchè riesce a distruggere il capo dei scimpanzè alla fine e lascia il potere in mano all'amico Gorilla, lasciando la gente ad una futura pace che di li a poco si sarebbe dovuta verificare. Ma ecco che si svela l'impensabile: alla fine l'uomo, credendo di ritornare finalmente verso casa, con l'astronave in realtà non torna indietro nel tempo, ma va avanti, cadendo di fronte alla statua di un novello Abramo Lincoln che in realtà altri non è che il generale di prima. Il mondo futuro (o per meglio dire presente), che doveva essere dominato dagli uomini è ora dominato dai gorilla a causa del protagonista, che in pratica ha condannato a morte tutta la razza umana.

    [Modificato da Cesco il 20/9/2001 21:26]</superspoler></spoiler>
    "You can dance, you can jive, having the time of your life
    See that girl, watch that scene, dig in the Dancing Queen"
    (Abba)
  4.     Mi trovi su: Homepage #3446229
    Cesco ha scritto:
    Inizio medio
    Primo parte ridicola (sembrava Casa Vianello)
    Da quando <spoiler>
    ...
    ...
    scappano dalla città diventa bello. Non regge il confronto con il classico, ma a suo modo si differenzia e questo gli rende onore.

    Il finale io me lo spiego così:

    <superspoler sul="SUL" finale="FINALE" del="DEL" film="FILM">

    In realtà il problema è che il timer sulla navicella funziona al contrario.
    Il protagonista in realtà entrando nel buco nero non va avanti nel tempo, ma torna indietro al tempo in cui i primati lottavano fra loro per la supremazia sulla terra. A popolare il mondo, fino ad allora deserto, era stata proprio l'astronave madre che, cadendo sul pianeta deserto aveva portato con se la vita; da quella lotta con il tempo si sarebbe dovuto affermare l'uomo, e con i secoli si sarebbe dovuta evolvere la società umana come la conosciamo noi.
    Ma con la caduta dell'astronauta cambia tutto, perchè riesce a distruggere il capo dei scimpanzè alla fine e lascia il potere in mano all'amico Gorilla, lasciando la gente ad una futura pace che di li a poco si sarebbe dovuta verificare. Ma ecco che si svela l'impensabile: alla fine l'uomo, credendo di ritornare finalmente verso casa, con l'astronave in realtà non torna indietro nel tempo, ma va avanti, cadendo di fronte alla statua di un novello Abramo Lincoln che in realtà altri non è che il generale di prima. Il mondo futuro (o per meglio dire presente), che doveva essere dominato dagli uomini è ora dominato dai gorilla a causa del protagonista, che in pratica ha condannato a morte tutta la razza umana.

    [Modificato da Cesco il 20/9/2001 21:26]
    mmmmhh .... sarà!!!
    ma secondo me Tim Burton aveva fumato qualcosa di strano prima di dirigere il finale!!!
    :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD :DD</superspoler></spoiler>

  POTA - Cala il sipario: Capolavoro o flop "bestiale"? (SPOILER INSIDE)

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina