1.     Mi trovi su: Homepage #3487414
    Trama:
    Tutto comincia in un piccolo villaggio cinese. I morti tornano in vita. Aggressivi come e più che mai, in grado di infettare con un singolo morso o con qualche goccia di liquami del proprio corpo. L’infezione si espande, dapprima lentamente poi come un fiume in piena fino a colpire tutto il mondo che ne resta annichilito.
    Le nazioni, grandi e piccole, iniziano a reagire, chi tardivamente chi con piani brillanti e spietati e inizia una lunga lotta senza quartieri contro il nemico più formidabile che l’umanità abbia mai avuto.

    -----------------------------------------------------------------------------------------------------------

    qualcuno di voi ha letto il libro in questione?

    se ne dice un gran bene...sono intenzionato a prenderlo come libro da sotto l'ombrellone....

    che ne dite?
  2.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3487494
    Nazucao ha scritto:
    Trama:
    Tutto comincia in un piccolo villaggio cinese. I morti tornano in vita. Aggressivi come e più che mai, in grado di infettare con un singolo morso o con qualche goccia di liquami del proprio corpo. L’infezione si espande, dapprima lentamente poi come un fiume in piena fino a colpire tutto il mondo che ne resta annichilito.
    Le nazioni, grandi e piccole, iniziano a reagire, chi tardivamente chi con piani brillanti e spietati e inizia una lunga lotta senza quartieri contro il nemico più formidabile che l’umanità abbia mai avuto.

    -----------------------------------------------------------------------------------------------------------

    qualcuno di voi ha letto il libro in questione?

    se ne dice un gran bene...sono intenzionato a prenderlo come libro da sotto l'ombrellone....

    che ne dite?
     Se sei appassionato di zombie e morti viventi ti consiglio questo scrittore svedese (John A. Lindqvist) che ha appena pubblicato questo secondo romanzo di cui si parla un gran bene.
    Tra l'altro la casa editoriale che lo pubblica (Marsilio collana Farfalle) è una garanzia di qualità
    L'estate dei morti viventi
    La trama: <span class="tcorpotesto">Stoccolma è sull'orlo del caos. Dopo un'ondata di caldo torrido, in città si è creato un campo elettrico di grande intensità. Le lampade non si spengono, gli apparecchi elettrici non si fermano, i motori continuano a girare. Poi si scatena un'emicrania collettiva. Si diffonde la notizia che negli obitori i morti si stanno risvegliando. C'è un giornalista, il cui nipote è appena stato seppellito, che si chiede se anche i morti sotto terra stiano riaprendo gli occhi. E un'anziana signora, in attesa del funerale del marito, che sente bussare alla porta in piena notte. E ancora, un uomo disperato che prega Dio di riportare in vita la moglie. Ma poi quando i morti tornano, cosa vogliono? Quello che vogliono tutti: tornare a casa. E riaverli con sé, non è esattamente come ci si aspettava.

    La cover italiana:
    </span>
    a.k.a. "Il killer Mantovano" il giocatore più scarso di Nextgame
    L'esperto di thriller di Nextgame. Il topo di biblioteca di materiale malato.
    Festivaletteratura di Mantova 2009: Donato Carrisi e il killer Mantovano
  3.     Mi trovi su: Homepage #3489591
    Nazucao ha scritto:
    Trama:
    Tutto comincia in un piccolo villaggio cinese. I morti tornano in vita. Aggressivi come e più che mai, in grado di infettare con un singolo morso o con qualche goccia di liquami del proprio corpo. L’infezione si espande, dapprima lentamente poi come un fiume in piena fino a colpire tutto il mondo che ne resta annichilito.
    Le nazioni, grandi e piccole, iniziano a reagire, chi tardivamente chi con piani brillanti e spietati e inizia una lunga lotta senza quartieri contro il nemico più formidabile che l’umanità abbia mai avuto.

    -----------------------------------------------------------------------------------------------------------

    qualcuno di voi ha letto il libro in questione?

    se ne dice un gran bene...sono intenzionato a prenderlo come libro da sotto l'ombrellone....

    che ne dite?
     Io ce l'ho e ho letto anche il libro prima, il manuale per sopravvivere agli zombi.
    Innanzi tutto non è un racconto/romanzo, ma una specie di raccolta di documenti all'apparenza slegati tra loro, ma che hanno tutti un filo conduttore tra date e riferimenti vari.
    Giudizio? Noioso e troppo confusionario, non c'è stimolo alla lettura, perchè sono tutte interviste chiaramente finte. un vero peccato visto che  il Manuale per sopravvivere agli zombi invece è bellissimo, infatti se devi prendere qualcosa di Brooks prendi il primo.
    @SILLKILL: sai farmi un breve elenco dei migliori libri sugli zombi (romanzi e altro) da leggere quest'estate?
    Meglio mezz'ora di TG4 o un clistere ai 4 formaggi? Troviamo insieme una risposta a questo annoso problema.
    «Poison in his veins. Vengeance in his heart.»
  4.     Mi trovi su: Homepage #3489693
    sillkill ha scritto:
    Se sei appassionato di zombie e morti viventi ti consiglio questo scrittore svedese (John A. Lindqvist) che ha appena pubblicato questo secondo romanzo di cui si parla un gran bene.
    Tra l'altro la casa editoriale che lo pubblica (Marsilio collana Farfalle) è una garanzia di qualità
    L'estate dei morti viventi
    La trama: <span class="tcorpotesto">Stoccolma è sull'orlo del caos. Dopo un'ondata di caldo torrido, in città si è creato un campo elettrico di grande intensità. Le lampade non si spengono, gli apparecchi elettrici non si fermano, i motori continuano a girare. Poi si scatena un'emicrania collettiva. Si diffonde la notizia che negli obitori i morti si stanno risvegliando. C'è un giornalista, il cui nipote è appena stato seppellito, che si chiede se anche i morti sotto terra stiano riaprendo gli occhi. E un'anziana signora, in attesa del funerale del marito, che sente bussare alla porta in piena notte. E ancora, un uomo disperato che prega Dio di riportare in vita la moglie. Ma poi quando i morti tornano, cosa vogliono? Quello che vogliono tutti: tornare a casa. E riaverli con sé, non è esattamente come ci si aspettava.

    La cover italiana:
    </span>
      Sto andando a prenderlo tra qualche minuto, l'ho trovato in una libreria in una città vicina (era introvabile sia a Busto che a Novara...)... 
    Il Generale Shark così parlò: "...mi dia tempo e il mondo userà i pollici solo per suonare il campanello di casa."
    *Oo RimaNi Col Dubbio oO*
    ..:: BLoOd Is My AvAtaR ::..
  5.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3489924
    rx2 ha scritto:
    quoto...

    forza sillkill pompa sto elenco...
      Mi spiace deludervi ragazzi.
    Apprezzo il genere e se mi passa qualcosa tra le mani non la disdegno ma, non ho una conoscenza approfondita in tal senso.
    Tra le altre cose non mi sembra che il genere letterario sia molto prolifico relativamente a queste tematiche.
    Oltre al romanzo da me citato sopra (che mi è stato consigliato da persone di cui mi fido ciecamente) mi permetto di segnalarvi questa recente uscita che ho notato nelle mie frequenti visite nelle librerie (attenzione: Non ho letto questo romanzo personalmente e di conseguenza non posso darvi garanzie di qualità certe)

    Zombie Island di David Wellington
    La quarta: <span class="tcorpotesto">Il mondo è in mano agli zombi. La razza umana sopravvive solo in poche aree depresse del pianeta, organizzata in stati-roccaforte. In uno di questi, il Somaliland, governato da un matriarcato di origine tribale, la reggente si ammala di Aids e nella situazione disperata in cui versa il pianeta, ormai privo di leggi comuni e infrastrutture, l'unico luogo in cui c'è speranza di trovare dei retrovirus è la sede centrale delle Nazioni Unite a Manhattan. Alla volta dell'isola, totalmente abitata da morti viventi, parte una spedizione di soldatesse africane adolescenti, armate fino ai denti e pronte a tutto, capitanate da Dekalb, ex osservatore ONU. Per essere sicuri della fedeltà di Dekalb la regina ha preso in ostaggio la sua giovane figlia. Nell'istante in cui il gruppo mette piede a Manhattan, la caccia ha inizio. E Dekalb e le adolescenti guerriere scopriranno immediatamente di essere loro, le prede. Una narrazione mozzafiato, vicina ai modi della migliore narrativa di genere quanto ai ritmi dei videogame di ultima generazione.
    </span>
    a.k.a. "Il killer Mantovano" il giocatore più scarso di Nextgame
    L'esperto di thriller di Nextgame. Il topo di biblioteca di materiale malato.
    Festivaletteratura di Mantova 2009: Donato Carrisi e il killer Mantovano
  6. apocalittico  
        Mi trovi su: Homepage #3491227
    World War Z è bellissimo, lo sto leggendo in questo periodo. Come dice Meno, sono testimonianze dei sopravvissuti dopo dieci anni di invasione zombesca.
    E' dannatamente bello, perchè rende il tutto plausibilissimo, come se davvero ci fosse stata l'invasione, e le testimonianze sono di gente più svariata, dal dottore al trafficante al militare...Insomma, secondo me must buy, non capisco come si faccia a definirlo noioso, soprattutto per il fatto che è un libro che tramite un avvenimento impossibile racconta qualcosa di possibilissimo, come se invece dell'invasione ci fosse stata una guerra.
    Tag XBOX Live: Bestialterata
    Tag Gamecenter: Bestialterata
    <===Fleshgod Apocalypse===100% brutalità italiana
  7. apocalittico  
        Mi trovi su: Homepage #3491232
    sillkill ha scritto:


    Zombie Island di David Wellington
    <span class="tcorpotesto">
    </span>

      ARGH!!! Quella è la copertina dell'immondo film di Uwe "House of the dead"!!!! TOGLILA!!!
    Tag XBOX Live: Bestialterata
    Tag Gamecenter: Bestialterata
    <===Fleshgod Apocalypse===100% brutalità italiana
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3491803
    Altered Beast ha scritto:
    ARGH!!! Quella è la copertina dell'immondo film di Uwe "House of the dead"!!!! TOGLILA!!!
      Mi sa che è proprio tratto da quel filmaccio
    a.k.a. "Il killer Mantovano" il giocatore più scarso di Nextgame
    L'esperto di thriller di Nextgame. Il topo di biblioteca di materiale malato.
    Festivaletteratura di Mantova 2009: Donato Carrisi e il killer Mantovano
  9.     Mi trovi su: Homepage #3492494
    Io sto leggendo l'Estate dei morti viventi, per ora è partito piano, mostrando una sorta di blackout a rovescio (ovvero TROPPA corrente che crea un campo elettromagnetico assurdamente anomalo...) da svariate prospettive... quantomeno interessante, se a qualcuno interessa vi tengo aggiornati su come procede il tutto. 
    Il Generale Shark così parlò: "...mi dia tempo e il mondo userà i pollici solo per suonare il campanello di casa."
    *Oo RimaNi Col Dubbio oO*
    ..:: BLoOd Is My AvAtaR ::..
  10. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #3493159
    Mdk7 ha scritto:
    Io sto leggendo l'Estate dei morti viventi, per ora è partito piano, mostrando una sorta di blackout a rovescio (ovvero TROPPA corrente che crea un campo elettromagnetico assurdamente anomalo...) da svariate prospettive... quantomeno interessante, se a qualcuno interessa vi tengo aggiornati su come procede il tutto. 
    l'ho comprato anche io insieme alla guerra mondiale degli zombie...

    trovo che quello degli zombie sia un genere interessante e complesso ma non banale...

    nel senso che secondo il mio parere è facile cadere nelle solite storie e nelle solite banalità... per questo non vedo l'ora di leggere questi due libri che invece in base ai molti commenti entusiasti raccolti su questo forum e da altre parti sembrano davvero bellissimi...
  11.     Mi trovi su: Homepage #3496114
    Finito ieri sera L'estate dei morti viventi.
    Carino, un pò lento, peggior difetto?
    Non ingrana mai, e la scritta sull retro che definisce l'autore lo Stephen King svedese è la così più forviante che ci sia.
    Libro carino, ma nulla di eccezionale.
    Voto 7/10
    @Altered: il problema fondamentale di World War Z è anche il suo pregio: cerca di dare un impronta realistica alla cosa, anche se inventata. Se il racconto fosse avvenuto sotto forma di romanzo, con dei documenti ficcati in mezzo sicuramente sarebbe stato più banale ma la lettura ne avrebbe guadagnato molto.
    Ad esempio nel libro L'estate dei morti viventi in mezzo al romanzo sono pubblicati dei finti documenti che parlano della stessa storia da altri punti di vista, oppure aggiungono info alla storia stessa.
    La scelta di fare un "romanzo a documenti" è un arma a doppio taglio, infatti il lettore deve annotarsi PER FORZA date e luoghi, sennò nel documento dopo non si trova più e rischia di perdere il filo. Io ho divorato in 2 giorni il Manuale per sopravvivere agli Zombi che nonostante tutto è pur sempre un manuale, ma questo lo trovo pesante e inutilmente complicato, tanto che l'ho abbandonato a metà, nonostante l'abbia preso sulla fiducia al day one.
    Meglio mezz'ora di TG4 o un clistere ai 4 formaggi? Troviamo insieme una risposta a questo annoso problema.
    «Poison in his veins. Vengeance in his heart.»
  12.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3496288
    RockLee ha scritto:
    Non ingrana mai, e la scritta sull retro che definisce l'autore lo Stephen King svedese è la così più forviante che ci sia.
    Libro carino, ma nulla di eccezionale.
    Le porcate che ho letto che recitano in copertina "il nuovo king" o "consigliato da king" non si contano sulle dita di due mani.
    Ovviamente pure operazioni di marketing.
    Il caso più eclatante in tal senso erano i romanzi di Clive Barker: sulle cover dei suoi romanzi erano sempre presenti frasi che venivano associate al Re (tipo: "Il mio solo e unico erede" ecc.)
    King ha sempre negato questa cosa fino a citare in giudizio la casa editrice..
    a.k.a. "Il killer Mantovano" il giocatore più scarso di Nextgame
    L'esperto di thriller di Nextgame. Il topo di biblioteca di materiale malato.
    Festivaletteratura di Mantova 2009: Donato Carrisi e il killer Mantovano
  13.     Mi trovi su: Homepage #3496377
    sillkill ha scritto:
    Le porcate che ho letto che recitano in copertina "il nuovo king" o "consigliato da king" non si contano sulle dita di due mani.
    Ovviamente pure operazioni di marketing.
    Il caso più eclatante in tal senso erano i romanzi di Clive Barker: sulle cover dei suoi romanzi erano sempre presenti frasi che venivano associate al Re (tipo: "Il mio solo e unico erede" ecc.)
    King ha sempre negato questa cosa fino a citare in giudizio la casa editrice..
     Mi ricorda tanto: Quentin Tarantino presenta, da un idea di Tarantino...
    Cosa che va molto di moda (vedi la tigre e il dragone: Quesntin Tarantino presenta, e invece non centrava una cippa)
    Sto aspettando l'sms della libreria che mi avverte quando arriva Zombi Island
    Meglio mezz'ora di TG4 o un clistere ai 4 formaggi? Troviamo insieme una risposta a questo annoso problema.
    «Poison in his veins. Vengeance in his heart.»

  La guerra mondiale degli zombi.....

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina