1. A riposo  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3489329
    Il videogioco non riesce ancora a uscire dallo stereotipo del "prodotto per bambini", specie agli occhi di chi non è tra i più fervidi appassionati di questo tipo di intrattenimento. Così come avviene per i fumetti e per i cartoni animati, molti sono portati a catalogare i videogiochi nel modo sbagliato, senza discernere tra il mezzo e il contenuto. Non siamo qui, però, a discutere dei giochi violenti che, periodicamente, ...
  2.     Mi trovi su: Homepage #3489357
    SixelAlexiS ha scritto:
    /!\ "Questa pagina non è ancora aperta al pubblico; verrai rimandato alla homepage"

     Si, ma hai visto dove redirige?
    kids.nextgame.it

    Qualcosa bolle in pentola ... che tornerà utile magari per i miei due bimbi
    "bianco che abbraccia il nero"
  3. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #3489366
     |Sole| ha scritto:
    Il videogioco non riesce ancora a uscire dallo stereotipo del "prodotto per bambini", specie agli occhi di chi non è tra i più fervidi appassionati di questo tipo di intrattenimento. Così come avviene per i fumetti e per i cartoni animati, molti sono portati a catalogare i videogiochi nel modo sbagliato, senza discernere tra il mezzo e il contenuto. Non siamo qui, però, a discutere dei giochi violenti che, periodicamente, ...
    Ciao Sole, l'argomento mi sta molto a cuore (figli nulla, ma ci sto pensando   ), quando sarà UP più o meno l'articolo?
    Un saluto.
  4.     Mi trovi su: Homepage #3490824
    Shin X ha scritto:
    Ciao Sole, l'argomento mi sta molto a cuore (figli nulla, ma ci sto pensando   ), quando sarà UP più o meno l'articolo?
    Un saluto.
    Allora, innanzitutto le mie scuse per l'inconveniente. Quel pezzo l'abbiamo usato un po' come cavia per testare alcune cose su Kids e Videogame e - colpa mia - non mi ero accorto che era giustamente partito il thread.
    Ora è stato pubblicato.

    Spendo, con l'occasione, due parole in più su Kids. Oggi è un po' povero, i contenuti non sono moltissimi e tanti arrivano da esperienze un po' datate. Ma è nostra intenzione rilanciarlo alla grande, perché pensiamo che un sito di videogiochi con un taglio diverso manchi del tutto nel panorama italiano. Stiamo mettendo in cantiere tante recensioni di titoli specificamente dedicati ai più piccoli, ma non è tutto qui ovviamente. Quel che ci piacerebbe realizzare è un luogo dove genitori e figli piccoli possano convergere, dove spiegare magari come scegliere consapevolmente un gioco a chi è genitore ma inesperto, approfondire certi spunti come - con molta modestia, in verità - ho provato a fare con queso articolo. In più stiamo realizzando qualche tutorial video destinato proprio ai genitori, il primo
    Stiamo contattando persone apposta per realizzare contenuti di questo tipo e per fare di Kids un portale atipico e complementare a Nextgame.it, una "costola" di Videogame.it capace di arricchire notevolmente e in direzioni inesplorate l'offerta generale del portale.

    Ovviamente, mi interessa moltissimo sapere cosa ne pensate.
  5.     Mi trovi su: Homepage #3491064
    le idee ci sono, penso che bisogni darci dentro coi contenuti, soprattutto articoli, magari scegliere un po' meglio le screenshot per l'home page. Poi chessò invertarsi qualcosa di strano per la sezione Kids del forum, magari renderlo più semplice per i bambini e genitori casual gamers.
    Forse l'home page kids è un po' troppo confusionaria, toglierei le varie sezioni per separare tutte le console, visto che magari gli articoli sono più rarefatti rispetto a NG e quindi troppe sezioni ne rendono difficile la collocazione e il nome forse non è azzeccatissimo, magari Nextgame Junior o una roba simile.

    Cmq il nuovo nextgame + forum è fantastico, complimenti
    Hardstyle Will Survive
  6. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #3491108
    sole-next ha scritto:
    Allora, innanzitutto le mie scuse per l'inconveniente. Quel pezzo l'abbiamo usato un po' come cavia per testare alcune cose su Kids e Videogame e - colpa mia - non mi ero accorto che era giustamente partito il thread.
    Ora è stato pubblicato.

    Spendo, con l'occasione, due parole in più su Kids. Oggi è un po' povero, i contenuti non sono moltissimi e tanti arrivano da esperienze un po' datate. Ma è nostra intenzione rilanciarlo alla grande, perché pensiamo che un sito di videogiochi con un taglio diverso manchi del tutto nel panorama italiano. Stiamo mettendo in cantiere tante recensioni di titoli specificamente dedicati ai più piccoli, ma non è tutto qui ovviamente. Quel che ci piacerebbe realizzare è un luogo dove genitori e figli piccoli possano convergere, dove spiegare magari come scegliere consapevolmente un gioco a chi è genitore ma inesperto, approfondire certi spunti come - con molta modestia, in verità - ho provato a fare con queso articolo. In più stiamo realizzando qualche tutorial video destinato proprio ai genitori, il primo
    Stiamo contattando persone apposta per realizzare contenuti di questo tipo e per fare di Kids un portale atipico e complementare a Nextgame.it, una "costola" di Videogame.it capace di arricchire notevolmente e in direzioni inesplorate l'offerta generale del portale.

    Ovviamente, mi interessa moltissimo sapere cosa ne pensate.
     
    Intanto un elogio alla sezione kids, in passato la proposi anch'io in un altro sito perchè la ritenevo buona, poi andò tutto a monte e tant'è.
    Ripeto, gran sezione, buona idea.


    Se posso intervenire sull'articolo in questione mi sento di quotarlo al massimo, in particolare la parte:

    "Eppure non crediamo che i creatori di Cars, per fare un esempio, abbiano immaginato che un bambino di sette anni potesse ignorare completamente le gare e divertirsi di più a scorrazzare in giro senza meta nelle ambientazioni del gioco, accelerando fino a schiantarsi contro una casa, facendo salti fuori pista e procedendo contromano.
    I bambini che abbiamo osservato, alla gara non si interessavano affatto: i personaggi e le ambientazioni del gioco, ben conosciuti ovviamente, erano solamente un mezzo per creare un'esperienza personale e divertente in compagnia di Saetta e Cricchetto. Con buona pace dei risultati che, invece, il gioco si aspettava che ottenessero."

    Che poi è anche quanto mi confermano diversi esperti e studiosi e che mette a nanna ogni più distruttiva critica ai giochi-plasmatori di babykiller.

    Il game viene USATO, lo stesso gioco cambia a seconda di chi ci interagisce. In un certo senso quindi, proprio la "libertà" lasciata in GTA fa lo stesso effetto di quanto accade in Cars, l'adolescente che se ne frega delle missioni e va in giro a guardare, sparare, rubare, saltare, esplorare.
  7.     Mi trovi su: Homepage #3491119
    Atlas ha scritto:
    Intanto un elogio alla sezione kids, in passato la proposi anch'io in un altro sito perchè la ritenevo buona, poi andò tutto a monte e tant'è.
    Ripeto, gran sezione, buona idea.


    Se posso intervenire sull'articolo in questione mi sento di quotarlo al massimo, in particolare la parte:

    "Eppure non crediamo che i creatori di Cars, per fare un esempio, abbiano immaginato che un bambino di sette anni potesse ignorare completamente le gare e divertirsi di più a scorrazzare in giro senza meta nelle ambientazioni del gioco, accelerando fino a schiantarsi contro una casa, facendo salti fuori pista e procedendo contromano.
    I bambini che abbiamo osservato, alla gara non si interessavano affatto: i personaggi e le ambientazioni del gioco, ben conosciuti ovviamente, erano solamente un mezzo per creare un'esperienza personale e divertente in compagnia di Saetta e Cricchetto. Con buona pace dei risultati che, invece, il gioco si aspettava che ottenessero."

    Che poi è anche quanto mi confermano diversi esperti e studiosi e che mette a nanna ogni più distruttiva critica ai giochi-plasmatori di babykiller.

    Il game viene USATO, lo stesso gioco cambia a seconda di chi ci interagisce. In un certo senso quindi, proprio la "libertà" lasciata in GTA fa lo stesso effetto di quanto accade in Cars, l'adolescente che se ne frega delle missioni e va in giro a guardare, sparare, rubare, saltare, esplorare.
     Ricordo che, quand'ero piccolo, mio fratello tentava di farmi gareggiare con lui in uno dei primissimi giochi di guida per Amiga 500 e non ci riusciva...nel senso che appena prendevo il controllo della macchina mi divertovo a fare tutt'altro, come guardarmi in giro, muovermi come caspita volevo! Ricordo ancora uno scambio di battute:
    - mio fratello: "Ma cosa fai??! Perché ti sei fermato a lato??"
    - io: "Sono sceso a comprare il pane in panetteria, no?".



    "Love looks not with the eyes, but with the mind;
    And therefore is wing'd Cupid painted blind." (W. Shakespeare)
  8. Videospiel macht frei  
        Mi trovi su: Homepage #3504033
    Vedendo bambini fino ai 6 anni giocare con giochi "classici" (non "video"), la cosa è evidente. Il gioco è un momento creativo, e forse il più grande divertimento non sta nel giocare il gioco, bensì nell'inventarselo. Magari si compra un costoso giocattolo e il bambino si diverte mille volte di più con la sua confezione.
    Fino a quell'età propinare un videogioco normalmente inteso a un bambino è un po' azzardato. E' verissimo, la sfida non gli interessa affatto. Gli interessa molto di più inventarsi cose sempre nuove da fare, cose che a un adulto probabilmente non verrebbero mai in mente. Ci vorrebbe quindi un GTA per bambini...esisterà qualcosa del genere?
    Tra Half-Life e Haunting Ground, mi tengo Haunting Ground senza pensarci un secondo / Chi pensa di sapere tutto, o anche solo qualcosa, su Silent Hill clicchi qui / Io li boicotto, voi fate un po' come volete / NEXT EVIL Guida per i nuovi utenti / Zeru dignità / Xbox Live: MyauTheReal Playstation Network: MyauTheReal
  9. Il miglior Halo resta ancora Reach. Halo 4 segue la politica del gambero  
        Mi trovi su: Homepage #3504264
    Myau ha scritto:
    Vedendo bambini fino ai 6 anni giocare con giochi "classici" (non "video"), la cosa è evidente. Il gioco è un momento creativo, e forse il più grande divertimento non sta nel giocare il gioco, bensì nell'inventarselo. Magari si compra un costoso giocattolo e il bambino si diverte mille volte di più con la sua confezione.
    Fino a quell'età propinare un videogioco normalmente inteso a un bambino è un po' azzardato. E' verissimo, la sfida non gli interessa affatto. Gli interessa molto di più inventarsi cose sempre nuove da fare, cose che a un adulto probabilmente non verrebbero mai in mente. Ci vorrebbe quindi un GTA per bambini...esisterà qualcosa del genere?
     
    Il bambino gta se lo crea. Gli dai Shenmue e andrà a spasso e basta.

    Il fatto è anche l'esperienza. Per un ragazzino una cosa "normale" come andare in giro e saltare liberamente dentro un game è qualcosa di nuovo, di bello da sperimentare. Un adulto lo ha già fatto, per questo chiede altro.
    Certi risvolti di GTA un ragazzinoinoino non li scoprirà neppure.
  10. Serpente solido  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3504937
    Articolo largamente condivisibile.
    Tutti siamo stati bambini no? Basta viaggiare di flashback per capire cosa un bambino chiede al medium per cocretizzare quelle che sono le sue idee di "interazione". Creare, divertirsi, contemplare e sperimentare. Punti fermi entro i quali gli sviluppatori dovrebbe lavorare, allontanando l'approccio adulto e con l'intenzione ultima di fornire al target di riferimento un prodotto completo.

    Ottima l'idea di rilanciare l'intero portale "Kids". Siete gli unici ad averci creduto sin dall'inizio.
  11.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3505051
    Per mia esperienza il gioco per bambini é Zelda Twilight Princess* utilizzato in modo alternativo (ovvero portare epona di fianco ai cinghiali e vedere che fa, mettere i gatti in acqua etc...)

    Ovvero "l'ideale", almeno per i bimbi piccoli, dovrebbe essere un ambiente 3D interattivo dove possano fare con semplici gesti quello che vogliono e dove vi sia sempre o quasi una reazione realistica o buffa alle azioni.


    Senza bisogno di "scopo finale" etc.. ma lasciando appunto possibilità di creare la propria storia, data dalle semplici azioni compiute quel giorno, ai bimbi stessi.


    Magari aggiungendo qualche filmatino breve di focalizzazione qui e là.








    * Al contrario dei vari Mario 2D (64 ok ma per qualche motivo funziona peggio di TP, probabilmente perché + difficile/meno interazione con animali anche se la storia del pinguino perso e mamma piace molto), pokemon, tie in (in genere bruttini) da film di animazione, giochi dal look "fanciullesco" assortiti.




    Ah invece funziona bene quasi del tutto, ha qualche magagna nei comandi gestiti quasi sempre dal pennino ma c'é una quasi di troppo, un titolo Disney con 4 personaggi virtuali per DS (non ricordo il titolo, i personaggi sono stitch, winnie pooh, credo dorothy da nemo e lion king)

    [Modificato da Giobbi il 08/08/2008 17:52]

  [Esperienza] Sono davvero giochi per bambini?

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina