1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #3556741
    Io pratico.

    Utilizzo prodotti erboristici fatti con il processo alchemico egizio (Spagyria).
    Utilizzo pietre e altre pratiche.

    L'alchimia come la presentano nei giornaletti fumettosi, e cioè: "trasmutare i metalli in oro e argento", "la ricerca della pietra filosofale", è un'immane bufala.

    L'alchimia è connessa con il concetto di VITRIOL, e non ha nulla a che fare con il concetto materialistico di Sale, Zolfo e Mercurio presentati nella loro veste chimica.

    Non posso dire di più perchè salterebbe fuori il cojone di turno che ridicolizzerebbe e metterebbe alla berlina pratiche millenarie con la sua spocchiosa cultura spicciola dell'era delle macchine.


  2.     Mi trovi su: Homepage #3556800
    arcturus85 ha scritto:
    Io pratico.

    Utilizzo prodotti erboristici fatti con il processo alchemico egizio (Spagyria).
    Utilizzo pietre e altre pratiche.

    [...]

    Non posso dire di più perchè salterebbe fuori il cojone di turno che ridicolizzerebbe e metterebbe alla berlina pratiche millenarie con la sua spocchiosa cultura spicciola dell'era delle macchine.
       
    Tra le pratiche millenarie molte sono cazzatone immani (i bezoari, le pietre preziose appoggiate sulla pelle per curare malattie d'organo), per quelle che non lo sono (tipo l'acido retinoico della medicina cinese che si è dimostrata imprevedibilmente miracolosa per curare la leucemia promielocitica) sono stati fatti bei trial seri a confermarlo (non come quelle cavolate delle lozioni per la caduta dei capelli che dicono "scientificamente provato" e poi andando a leggere l'asterisco dice che è basato sull'autovalutazione di una decina di soggetti che l'hanno provato ). E' anche dimostrato che l'effetto placebo funziona materialmente nella cura delle patologie e che non è solo una convinzione di star meglio del paziente, ma che può migliorare davvero la situazione patologica rispetto al non fare niente (ovviamente dipende dalla patologia e si tratta di percentuali minime ma comunque statisticamente significative).
    Spocchiosa cultura spicciola dell'era delle macchine??
    Guarda che è per questa spocchiosa cultura che oggi non si muore di raffreddore mentre nei millenni con le pratiche millenarie si. Una frase del genere è al pari del sostenere che il sole gira intorno alla terra, dimostrata da sapere millenario e non dalla spocchiosa cultura dei cannocchiali e dei telescopi.
    \"Even if I go to hell, I will live till the end of
    the world, and if the world does not came to an end,
    I will destroy it with my own hands!\"
  3. Spaesato  
        Mi trovi su: Homepage #3556994
    Evil-ID ha scritto:
    Tra le pratiche millenarie molte sono cazzatone immani (i bezoari, le pietre preziose appoggiate sulla pelle per curare malattie d'organo), per quelle che non lo sono (tipo l'acido retinoico della medicina cinese che si è dimostrata imprevedibilmente miracolosa per curare la leucemia promielocitica) sono stati fatti bei trial seri a confermarlo (non come quelle cavolate delle lozioni per la caduta dei capelli che dicono "scientificamente provato" e poi andando a leggere l'asterisco dice che è basato sull'autovalutazione di una decina di soggetti che l'hanno provato ). E' anche dimostrato che l'effetto placebo funziona materialmente nella cura delle patologie e che non è solo una convinzione di star meglio del paziente, ma che può migliorare davvero la situazione patologica rispetto al non fare niente (ovviamente dipende dalla patologia e si tratta di percentuali minime ma comunque statisticamente significative).
    Spocchiosa cultura spicciola dell'era delle macchine??
    Guarda che è per questa spocchiosa cultura che oggi non si muore di raffreddore mentre nei millenni con le pratiche millenarie si. Una frase del genere è al pari del sostenere che il sole gira intorno alla terra, dimostrata da sapere millenario e non dalla spocchiosa cultura dei cannocchiali e dei telescopi.
      Tutto bello, non fosse che nell'alchimia (come in qualunque pratica che ha avuto il suo maggior sviluppo nel medioevo) ogni cosa è simbolo di qualcos'altro. E trasmutare il metallo in oro vuol dire trasmutare l'uomo come materia corrotta in metallo nobile. L'alchimia è una disicplina filosofica, e credo che Arcturus parlando di "spocchiosa cultura dell'era delle macchine" si riferisse a questa tendenza, che mi pare anche tu abbia, a considerare ogni dottrina legata al misticismo come semplice esercizio fattuale di farmacologia e medicina rudimentali, omettendo il reale valore filosofico insito in esse
    Vash, Mila, Ilaria.
    " I Blink 182(W!!!) sono passione, torrida, cieca, ma soprattutto sorda, passione." [Kabuto]
    Io non tremo, è solo un po' di me che se ne va...
  4.     Mi trovi su: Homepage #3557062
    mithril ha scritto:
    L'alchimia è una disicplina filosofica, e credo che Arcturus parlando di "spocchiosa cultura dell'era delle macchine" si riferisse a questa tendenza, che mi pare anche tu abbia, a considerare ogni dottrina legata al misticismo come semplice esercizio fattuale di farmacologia e medicina rudimentali, omettendo il reale valore filosofico insito in esse
     
    Al contrario, il fatto è che, quando una dottrina legata al misticismo vuole sostituirsi a farmacologia e medicina, per me perde il valore filosofico ed entra nell'ambito della truffa. Ma non solo per me, è proprio oggettivo: se uno ha un problema medico lo cura con medicinali (se esistono per quel problema) scientificamente provati come efficaci per quell'apposito problema. Se tralascia i medicinali per curarsi coi rimedi della nonna, potrebbe uccidersi perchè quei medicinali potrebbero essere indispensabili. Se qualcuno lo invita a non usare i medicinali per usare i rimedi della nonna, potrebbe macchiarsi di omicidio. Cosa che vari truffatori fanno e per cui a volte sono condannati.
    Se poi l'alchimia non entra nell'ambito della medicina seria (per seria intendo roba potenzialmente mortale, non problemini soggettivi come insonnia e mal di testa) è libera di fare quello che vuole. E' un po' come il discorso di fede e scienza no? Non dà fastidio a tutti quando la fede vuole imporre qualcosa di opposto a ciò che è scientificamente provato (tipo il sole che gira o la terra che è piatta)?

    La filosofia è un argomento che mi è sempre piaciuto e che continuo ad approfondire di mia iniziativa al di là degli studi che ho preso, ma attualmente con la medicina non c'entra proprio niente.
    Dici che l'alchimia è una disciplina filosofica.. quindi con pietre ed erbe varie che ci si fa? Socrate, Kant e Nietzsche facevano filosofia ma non usavano nè pietre nè erbe.
    \"Even if I go to hell, I will live till the end of
    the world, and if the world does not came to an end,
    I will destroy it with my own hands!\"
  5.     Mi trovi su: Homepage #3557120
    arcturus85 ha scritto:
    Io pratico.

    Utilizzo prodotti erboristici fatti con il processo alchemico egizio (Spagyria).
    Utilizzo pietre e altre pratiche.

    L'alchimia come la presentano nei giornaletti fumettosi, e cioè: "trasmutare i metalli in oro e argento", "la ricerca della pietra filosofale", è un'immane bufala.

    L'alchimia è connessa con il concetto di VITRIOL, e non ha nulla a che fare con il concetto materialistico di Sale, Zolfo e Mercurio presentati nella loro veste chimica.

    Non posso dire di più perchè salterebbe fuori il cojone di turno che ridicolizzerebbe e metterebbe alla berlina pratiche millenarie con la sua spocchiosa cultura spicciola dell'era delle macchine.
      
    In realtà anche io sarei interessato a fare qualche piccolo esperimento o cose del genere... ma non so da dove partire. La materia mi interessa molto, sono andato a leggere qualcosa su Wikipedia, ma oltre all'alchimia delle scaglie e alle varie distinzioni tra alchimia greca, cinese e medioevale non ho trovato...

    mandami un PM con qualche informazioni e magari il tuo contatto msn, se vuoi, sono davvero interessato a sapere cosa riesci a fare
  6. Spaesato  
        Mi trovi su: Homepage #3557148
    Evil-ID ha scritto:
    Al contrario, il fatto è che, quando una dottrina legata al misticismo vuole sostituirsi a farmacologia e medicina, per me perde il valore filosofico ed entra nell'ambito della truffa. Ma non solo per me, è proprio oggettivo: se uno ha un problema medico lo cura con medicinali (se esistono per quel problema) scientificamente provati come efficaci per quell'apposito problema. Se tralascia i medicinali per curarsi coi rimedi della nonna, potrebbe uccidersi perchè quei medicinali potrebbero essere indispensabili. Se qualcuno lo invita a non usare i medicinali per usare i rimedi della nonna, potrebbe macchiarsi di omicidio. Cosa che vari truffatori fanno e per cui a volte sono condannati.
    Se poi l'alchimia non entra nell'ambito della medicina seria (per seria intendo roba potenzialmente mortale, non problemini soggettivi come insonnia e mal di testa) è libera di fare quello che vuole. E' un po' come il discorso di fede e scienza no? Non dà fastidio a tutti quando la fede vuole imporre qualcosa di opposto a ciò che è scientificamente provato (tipo il sole che gira o la terra che è piatta)?

    La filosofia è un argomento che mi è sempre piaciuto e che continuo ad approfondire di mia iniziativa al di là degli studi che ho preso, ma attualmente con la medicina non c'entra proprio niente.
    Dici che l'alchimia è una disciplina filosofica.. quindi con pietre ed erbe varie che ci si fa? Socrate, Kant e Nietzsche facevano filosofia ma non usavano nè pietre nè erbe.
      Ancora, ripeto, l'80% di ciò che senti sull'alchimia come pratiche "magiche" sono banfate. L'alchimia è una dottrina filosofica: se ha anche applicazioni mistico-farmacologiche non è affare che ci riguarda strettamente in quanto derivazione e non fondamento.
    Chi si dice studioso di alchimia (non io) di certo non si mette lì a distillare pseudofarmaci in un athanor sfogliando gli erbari di Frate Indovino con lo scopo di curare davvero il raffreddore, bensì scaverà i significati simbolici interpretando il pensiero che si trova alla base partendo da una manifestazione materiale (i metalli) se non addirittura fattuale (distillazione e roba varia). Questa è una pratica tipicamente medievale.
    Per cui se leggi Elisir di Lunga Vita, interpreterai ciò, in alcune dottrine, come una metempsicosi (come quella orfica) magari finalizzata al raggiungimento di uno stato superiore della propria "materia" (qualche eco pitagorica in questo caso).
    Bisogna interpretare.
    E quanto alla tua ultima affermazione...  A me risulta che l'ontologia sia filosofia ma la filosofia non sia per forza tutta costituita dall'ontologia. Vale lo stesso discorso per l'alchimia.
    Vash, Mila, Ilaria.
    " I Blink 182(W!!!) sono passione, torrida, cieca, ma soprattutto sorda, passione." [Kabuto]
    Io non tremo, è solo un po' di me che se ne va...
  7. Bandito  
        Mi trovi su: Homepage #3557155
    mithril ha scritto:
    Ancora, ripeto, l'80% di ciò che senti sull'alchimia come pratiche "magiche" sono banfate. L'alchimia è una dottrina filosofica: se ha anche applicazioni mistico-farmacologiche non è affare che ci riguarda strettamente in quanto derivazione e non fondamento.
    Chi si dice studioso di alchimia (non io) di certo non si mette lì a distillare pseudofarmaci in un athanor sfogliando gli erbari di Frate Indovino con lo scopo di curare davvero il raffreddore, bensì scaverà i significati simbolici interpretando il pensiero che si trova alla base partendo da una manifestazione materiale (i metalli) se non addirittura fattuale (distillazione e roba varia). Questa è una pratica tipicamente medievale.
    Per cui se leggi Elisir di Lunga Vita, interpreterai ciò, in alcune dottrine, come una metempsicosi (come quella orfica) magari finalizzata al raggiungimento di uno stato superiore della propria "materia" (qualche eco pitagorica in questo caso).
    Bisogna interpretare.
    E quanto alla tua ultima affermazione...  A me risulta che l'ontologia sia filosofia ma la filosofia non sia per forza tutta costituita dall'ontologia. Vale lo stesso discorso per l'alchimia.
     ammazza o non cho capito niente.
  8. a lavoro  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3557202
    Mah... scusate, solo per me L'Alchimia è la Mamma dell'odierna Chimica, Fisica, Astronomia,  Biologia et Bioetica?

    Io non penso che siano"idiozie" e basta...penso chel' Alchimia era  il mondo per studiare in maniera razionale fenomeni che in quel periodo storico non erano facilmente comprensibili (causa limitazioni techniche).
    Solo che bhè, sentirla definire OGGI una materia scientifica mi fa sorridere.


    Ovviamente con ciò intendo dire che magari, in futuro, le biotecnologie oggi a nostra disposizione (parlo di biotecnologie perchè di questo mi occupo) verranno viste, causa successivi sviluppi tecnico/scientifici, come banfate supreme seppur alla base della scienza del futuro.


    Concludo dicendo che il mio idolo è Raimondo de Sangro, un mio concittadino naturalizzato, dal passato travagliato ma dalla storia molto affascinante nonché oscura.
    "Io stimo più il trovare un vero, benchè di cosa leggiera,che l’disputar lungamente delle massime questioni senza conseguir verità nissuna"
    I love my Mac!
  9.     Mi trovi su: Homepage #3557208
    thesnake ha scritto:
    Mah... scusate, solo per me L'Alchimia è la Mamma dell'odierna Chimica, Fisica, Astronomia,  Biologia et Bioetica?

    Io non penso che siano"idiozie" e basta...penso chel' Alchimia era  il mondo per studiare in maniera razionale fenomeni che in quel periodo storico non erano facilmente comprensibili (causa limitazioni techniche).
    Solo che bhè, sentirla definire OGGI una materia scientifica mi fa sorridere.


    Ovviamente con ciò intendo dire che magari, in futuro, le biotecnologie oggi a nostra disposizione (parlo di biotecnologie perchè di questo mi occupo) verranno viste, causa successivi sviluppi tecnico/scientifici, come banfate supreme seppur alla base della scienza del futuro.


    Concludo dicendo che il mio idolo è Raimondo de Sangro, un mio concittadino naturalizzato, dal passato travagliato ma dalla storia molto affascinante nonché oscura.
     
    L'alchimia è una protoscienza, ma è grazie a lei che la chimica di oggi è quella che è. Gli alchimisti hanno perfezionato alcune tecniche essenziali poi per il verificarsi di determinate reazioni chimiche, hanno studiato astri ed elementi con costanza.

    Certo nel medioevo era pieno di ciarlatani e di pratiche che adesso definiremmo idiote, ma oltre 5.000 anni di storia alchemica di sicuro hanno anche portato ad alcuni successi.
    Ed è proprio questi che io voglio andare non dico a studiare, ma perlomeno a prenderne atto.
  10.     Mi trovi su: Homepage #3557215
    mithril ha scritto:
    Ancora, ripeto, l'80% di ciò che senti sull'alchimia come pratiche "magiche" sono banfate. L'alchimia è una dottrina filosofica: se ha anche applicazioni mistico-farmacologiche non è affare che ci riguarda strettamente in quanto derivazione e non fondamento.
    Apposto, direi che questa frase risolve tutto. Se è una filosofia senza applicazione clinica ok, chi ne fa applicazioni mistico-farmacologiche facendo danni deve fare la fine della Marchi.

    Chi si dice studioso di alchimia (non io) di certo non si mette lì a
    distillare pseudofarmaci in un athanor sfogliando gli erbari di Frate
    Indovino con lo scopo di curare davvero il raffreddore bensì scaverà i significati simbolici interpretando il pensiero che si
    trova alla base partendo da una manifestazione materiale (i metalli) se
    non addirittura fattuale (distillazione e roba varia)
    .

    Contenti loro..

    E quotando thesnake
    Io non penso che siano"idiozie" e basta...penso chel' Alchimia era  il
    mondo per studiare in maniera razionale fenomeni che in quel periodo
    storico non erano facilmente comprensibili (causa limitazioni
    techniche).

    Solo che bhè, sentirla definire OGGI una materia scientifica mi fa sorridere.

    Correggendo l'ultima frase con "sentirla applicare OGGI come se avesse un fondamento scientifico".
    \"Even if I go to hell, I will live till the end of
    the world, and if the world does not came to an end,
    I will destroy it with my own hands!\"
  11.     Mi trovi su: Homepage #3557220
    James Mc Cloud ha scritto:
    L'alchimia è una protoscienza, ma è grazie a lei che la chimica di oggi è quella che è.
    [...]

    Certo nel medioevo era pieno di ciarlatani e di pratiche che adesso definiremmo idiote, ma oltre 5.000 anni di storia alchemica di sicuro hanno anche portato ad alcuni successi.
    Ed è proprio questi che io voglio andare non dico a studiare, ma perlomeno a prenderne atto.
     
    E non è che la chimica ha separato la ciarlataneria e le pratiche idiote da quella parte scientifica che aveva l'alchimia medievale, continuando solo la seconda? Che senso ha riprenderle entrambe quando oggi sappiamo che il fondamento razionale (= ciò che di valido c'era nell'alchimia) è la chimica?
    Non fai prima a studiare direttamente questa?

    PS: tralascio la parte filosofica della materia visto che non viene tirata in ballo nel post che ho quotato. SI parla di alchimia come protoscienza scientificamente utile senza accennare alla parte filosofica.
    \"Even if I go to hell, I will live till the end of
    the world, and if the world does not came to an end,
    I will destroy it with my own hands!\"
  12.     Mi trovi su: Homepage #3557231
    Evil-ID ha scritto:
    E non è che la chimica ha separato la ciarlataneria e le pratiche idiote da quella parte scientifica che aveva l'alchimia medievale, continuando solo la seconda? Che senso ha riprenderle entrambe quando oggi sappiamo che il fondamento razionale (= ciò che di valido c'era nell'alchimia) è la chimica?
    Non fai prima a studiare direttamente questa?

    PS: tralascio la parte filosofica della materia visto che non viene tirata in ballo nel post che ho quotato. SI parla di alchimia come protoscienza scientificamente utile senza accennare alla parte filosofica.
     
    Che senso ha studiare gli australopitechi quando oggi possiamo studiare i sapiens sapiens nel loro stato naturale? Basta osservare il proprio vicino.
  13.     Mi trovi su: Homepage #3557239
    James Mc Cloud ha scritto:
    Che senso ha studiare gli australopitechi quando oggi possiamo studiare i sapiens sapiens nel loro stato naturale? Basta osservare il proprio vicino.
     
    Ha senso se ti interessa la storia dell'uomo. Ma sai benissimo che avrà poche applicazioni pratiche e poca utilità rispetto ad altre materie. A te interessa lo studio della storia della chimica? Dal tuo post pareva ti interessasse più l'aspetto pratico/utile dell'alchimia.. ovvero la chimica. Che però non ha quell'alone di mistero che rende interessante la cosa.
    \"Even if I go to hell, I will live till the end of
    the world, and if the world does not came to an end,
    I will destroy it with my own hands!\"
  14.     Mi trovi su: Homepage #3557254
    Evil-ID ha scritto:
    Ha senso se ti interessa la storia dell'uomo. Ma sai benissimo che avrà poche applicazioni pratiche e poca utilità rispetto ad altre materie. A te interessa lo studio della storia della chimica? Dal tuo post pareva ti interessasse più l'aspetto pratico/utile dell'alchimia.. ovvero la chimica. Che però non ha quell'alone di mistero che rende interessante la cosa.
      
    No no, non è mia intenzione cercare di creare la pietra filosofale in cantina
    Io voglio capire un po'i rudimenti della materia in questione, su cosa basavano i loro studi, quali erano gli elementi portanti.

    Magari fare anche qualcosa di pratico, però di sicuro non mi bevo robe al mercurio per cercare di campare 1000 anni.

  Alchimia

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina