1. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3754753
    è morto Marco Pantani... un grande campione.. una persona che ha fatto la storia nello sport italiano.. nel ciclismo... è morto da solo in una stanza di un residence... lasciato da solo da tutti...a morire da solo...

    ADDIO MARCO!!!!

    GRAZIE PIRATA C'HAI FATTO SOGNARE...
  2. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3754755
    Rimangono impresse nella nostra mente le sue imprese sulle montagne che lo hanno reso famoso . Una tragedia che forse poteva essere evitata . E' il prezzo di questa società moderna che prima ti porta alle stelle e poi ti abbandona a te stesso ? Si sfrutta il personaggio fino all'estremo e poi lo si getta via ?
    004 ..mi dispiace dirlo ma stiamo andando male ...con questa mentalità .Torniamo indietro finchè siamo in tempo e ritroviamo i sentimenti umani verso il prossimo ! :mad:
  3. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3754756
    Beh, io ho un rospo da tirar fuori. Premetto che dal giorno in cui Marco Pantani è stato "silurato" dall'antidoping, non guardo più il ciclismo, me ne manca l'interesse.
    Pantani è stato uno che t'incollava al video, nell'attesa delle emozionanti salite in cui avrebbe sfondato tutti.
    Poi, un brutto giorno, risulta positivo all'antidoping. Guarda caso, si pizzica il campione, il singolo, in una collettività sportiva, quella ciclistica, su cui il sospetto doping grava in maniera capillare e sistematica come mai in altri sport.
    Che il pedalare a quei livelli richieda energie impossibili, non è una novità. Andar avanti senza "carburanti" illeciti è ingenuo e velleitario.
    Ed allora mi chiedo: perché solo lui? Lui e pochi altri, sul banco degli accusati? Pantani si dopava (si sospetta) e andava forte. Altri come lui non lo facevano (dicono loro) ed andavano forti come lui o quasi.
    Che strano mondo! Il doping forse è una farsa, dato che anche chi non lo pratica ottiene cmq grossi risultati e vittorie. O forse doparsi è inutile, visto che c'è chi ti batte pur senza "bombe" aggiuntive.
    Lo so, è un discorso di lana caprina. Tutti noi sportivi e tifosi conosciamo la verità, quella che in TV non si può raccontare, la realtà che ha bisogno(per fortuna) di prove in tribunale per essere affermata. Ma mi fa rabbia che ci sia ancora chi corra e si vanti di essere forte (e pulito), che vada come un treno sulle montagne.
    Come uno che vien dall'america, il suo cognome suonava la tromba ed è arrivato primo sulla luna...
    Questo "campione" d'oltreoceano che vince (pulito?), che nei primi anni di carriera era poco più che un gregario, capace solo di vincere qualche corsa in linea, di colpo esplode come un nuovo Merckx, imbattibile, come uscito dal nulla.
    Sulle montagne schiantava tutti, Pantani (dopato), Ulrich (dopato pure lui), Zuelle (dopato idem) ed altri.
    Ma guarda un po'.... Va più forte dei dopati! Che sciocchi quest'ultimi a rischiare la salute per non ottenere nulla!
    Poi, (io che son maligno) penso a Greg Lemond, americano pur'isso, e penso al grande potenziale pubblico statunitense, ancora embrionale, ma davvero appetibile.
    E penso a questo pubblico ambito dalla federazione ciclistica internazionale, dai ricchi sponsor, dai gretti e pelosi dirigenti del ciclismo internazionale.
    E penso (sempre più maligno) che questo pubblico si appassiona meglio se a pedalare più forte è uno con la maglia "Stars & Stripes". E penso che un Lemond, valga un Armstrong od uno Smith qualunque, purché targato USA.
    E penso... ed allora penso che il ciclismo mondiale è una mer.. ed ha ucciso un ragazzo di nome Marco, sacrificandolo al "mercato dello sport & sponsor". Lo ha tolto di mezzo perché meno "utile" di un Armstrong qualunque.
    Che peccato, per quel Marco sfortunato, che l'Italia segua con passione il suo sport anche senza di lui, altrimenti lo avrebbero difeso e non avrebbero lasciato morire come un disgraziato una gallina dalle uova d'oro...
    Adesso, (maligno ed illuso), aspetto il rotolare sportivo della testa di Armstrong, campione fasullo, costruito e mantenuto a tavolino e che poco ha a che fare col vero sudore di uno sport bellissimo come il ciclismo.
    Ecco, mi son tolto il rospo.
    Addio, Marco Pantani.
  4. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3754757
    Qui,in Romagna,siamo distrutti.Alcuni amici lo conoscevano(Cesenatico e' a 20 km da qui)..tutti i giornali scrivono,grossomodo,le stesse cose..che altro aggiungere? Ci ha fatto sognare..
    lo sport degli umili era ritornato con lui la grande passione romagnola di un tempo..Ma non e' vero che tutti lo abbandonarono..non i migliori amici di sempre, anche alcuni colleghi ciclisti..ma Marco
    non ce l'ha fatta a recuperarsi..Il "male oscuro"..devasta l'anima..se poi si aggiungono droghe piu' o meno leggere..e' finita. Marco non voleva essere aiutato e aiutarsi..7 processi...
    lo hanno distrutto..alcuni colleghi giustificarono il doping con"la tisana della nonna"..o "il lavoro del mio dentista"...Marco
    nego'..sempre,non se ne faceva una ragione.Merkx
    stesso ci casco'..ma seppe riprendersi..lui invece ha tentato,per un po',poi si e' lasciato andare nel nulla.Nella clinica padovana,dopo poche settimane,e' uscito xche' non ce la faceva ,,rifiutava i "ricoveri" presso le comunita'...una tragedia che qui non abbiamo ancora metabolizzato,,nei bar,uffici,negozi,,non si parla d'altro e la gente piange.
    Povero ragazzo...ci rimarranno per sempre le tue meravigliose imprese,che fecerono tornare noi vecchi ai tempi di Coppi..Ma il "male oscuro"..ha vinto,ancora una volta.E anche io ora ho lacrime agli occhi....era un bravo ragazzo,buono di cuore...lo dicono tutti quelli che l'hanno conosciuto da vicino.Caro Marco..vola,vola in alto
    ora..lassu' sulle cime piu' alte dove il cuore dei buoni trova la pace e la serenita' eterna.
  5. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3754758
    Povero ragazzo...ci rimarranno per sempre le tue meravigliose imprese,che fecerono tornare noi vecchi ai tempi di Coppi..Ma il "male oscuro"..ha vinto,ancora una volta.E anche io ora ho lacrime agli occhi....era un bravo ragazzo,buono di cuore...lo dicono tutti quelli che l'hanno conosciuto da vicino.Caro Marco..vola,vola in alto
    ora..lassu' sulle cime piu' alte dove il cuore dei buoni trova la pace e la serenita' eterna.
    possiamo solo sperare che lassù abbia trovato la "sua" pace....
    ma concordo anche con Roberto .... frown
  6. The Bot
    The Bot  
        Mi trovi su: Homepage #3754759
    Non voglio assolvere o giustificare la pratica del doping (ho praticato sport a livello agonistico e continuo a farlo a livello amatoriale)quando vai forte tutti con te, altrimenti non ti conosce nessuno. Pantani in quel periodo è stato il capro espiatorio. Erano tutti dopati, perchè solo lui? Perchè era Il Campione. E' la logica del terrorismo quando non si possono (o non si vogliono) incastrare i veri responsabili:colpiscine uno per educarne cento! Chi viene colpito? Il simbolo, quello più protetto, quello più in vista. Poi tutto tace di nuovo, ma ormai il danno è fatto, ma non frega più a nessuno :rolleyes:

  Addio Pirata

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina