1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3865282
    questo è quello che pensano alcuni ricercatori al riguardo di Tomb Raider e altri videogames... guardate infatti che cosa è detto in questo articolo del The Guardian di Londra...

    COMPUTER GAMES CAN AID DEVELOPMENT
    Copyright © 2004 www.guardian.co.uk | October 26th 2004

    The tomb-raiding exploits of Lara Croft or the adventures of the cuddly ogre Shrek can help children's social and educational development, according to researchers calling for computer games to be part of the school curriculum. Far from being an obesity-inducing, violence-promoting threat to society, as they are often portrayed, the games being played in bedrooms across the country during half term can be used in the classroom to help children learn concepts such as critical appreciation of narrative structure or character development which they might otherwise study in a novel, say academics at London University's Institute of Education.

    Research into games, conducted by the institute's Centre for the Study of Children, Youth and Media and partly funded by the Department for Trade and Industry, also suggests youngsters could develop their literacy skills by writing games programmes as well as studying existing ones. Caroline Pelletier, who is managing the project, said: "Like all games, computer and video games entertain while promoting social development, and playing and talking about games is an important part of young people's lives. Game literacy is, as a way of investigating how games are means of expression and representation, just like writing or drawing."
    _______

    Sostanzialmente dicono che i videogiochi sarebbero in grado di aiutare lo sviluppo sociale ed educativo dei bambini, al pari di attività come disegnare o scrivere. Anzi si ritiene che possano essere efficacemente utilizzato nelle classi come mezzo per aiutare i bambini a fare una valutazione critica della trama narrativa e dello sviluppo dei personaggi nel corso della storia.

    Vi immaginate? Tomb Raider nelle aule scolastiche? :D
    bè cmq se le cose stanno così ( cioè che i vg aiutano lo sviluppo.. ) allora noi siamo dei secchioni... :D
    Faber est suae quisque fortunae - Tomb Raider A Player - Socio A.A.K.I. - Aiuto Archeologo

    [size=1][i]"Io, Simon
  2.     Mi trovi su: Homepage #3865283
    Beh, per prima cosa direi di eliminare le pistole, le uccisioni, gli scontri violenti... poi si mette nelle scuole... però così non sarebbe più tr... :asd: :sbam:
    "Il limite dell'amore è sempre quello di aver bisogno di un complice. Questo suo amico sapeva però che la raffinatezza del libertinaggio è quella di essere allo stesso tempo carnefice e vittima". (Il Duca Blangis in "Salò o le 120 giornate di Sodoma", di Pier Paolo Pasolini)
  3. Normale  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3865285
    Originally posted by Riflesso
    Beh, per prima cosa direi di eliminare le pistole, le uccisioni, gli scontri violenti... poi si mette nelle scuole... però così non sarebbe più tr... :asd: :sbam:


    Esatto! :) altrimenti poi i bambini vorrebbero imitare i xsonaggi dei vg! cmq sarebbe un 'ottima idea inserire almeno un' ora di vg alla settimana! :approved: , magari i vg diciamo kosì violenti li potrebbero inserire magari dopo i 16 anni! kompreso TR!

    @30h : xkè mi dici di nn toglierti le doppie pistole, quando io ankora nn avevo skritto niente? :confused:
    [SIZE=1]Vedere il mondo in un granello di sabbia
    e il cielo in un fiore di campo,
    tenere l'infinito nel palmo della mano
  4. Tombraiderettista.  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3865287
    Originally posted by simon-the-wizard
    .. i videogiochi sarebbero in grado di aiutare lo sviluppo sociale ed educativo dei bambini, al pari di attività come disegnare o scrivere. Anzi si ritiene che possano essere efficacemente utilizzato nelle classi come mezzo per aiutare i bambini a fare una valutazione critica della trama narrativa e dello sviluppo dei personaggi nel corso della storia..
    E non solo :) : oltre a sollecitarne la creatività li abituano da subito ad aumentare la capacità di reazione ;) : uno studio, effettuato da ricercatori del Beth Israel Hospital suggerisce come i giochi elettronici incidano in maniera incisiva a migliorare nei ragazzi la coordinazione occhio-mani :approved:

    .. e questo non solo per i più piccolini ;) .. dall'articolo che parlava dello stesso studio è risultato che:

    "Ricerca americana: meno errori per i chirurghi che usano videogame: chi gioca sbaglia il 37% in meno ed è più veloce.

    Preoccupati perché vostro figlio passa troppo tempo a giocare con i videogame? Niente paura, anzi potete quasi rallegrarvi: il pargoletto potrebbe diventare un ottimo chirurgo. Alcuni ricercatori hanno dimostrato che i dottori che trascorrono almeno tre ore la settimana giocando con computer o console commettono il 37% in meno di errori durante operazioni chirurgiche in laparoscopia (ovvero con video-sonde guidate dall'esterno), ed in più eseguono gli interventi il 27% più velocemente dei colleghi che non giocano" (Corriere della sera)


    @ Simon: ottima news :approved:
    Admin TRVG - Staff [COLOR=royalblue]ASPIDETR.com[/COLOR] TRLE World - TR-A fan - Spring Demo 2.0 - tombraidercast.net - Staff ANVI smauILP 02/03 - NGI.lan 04 - socio A.A.K.I. - getfirefox.com
  5. Tombraiderettista.  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #3865290
    Sempre sulla stessa linea questo articolo uscito oggi sull' Eco di Bergamo :) :

    Videogiochi, una ricerca inglese afferma: fanno bene ai bambini.

    "Ecco un'altra ricerca che farà discutere: viene dal Regno Unito e dice sostanzialmente che i genitori possono tranquillizzarsi se i loro figli passano ore chiusi in camera a giocare al computer. Questo comportamento - rileva ancora la ricerca - non solo non deve essere motivo di preoccupazione, ma al contrario va considerato un fattore positivo per il loro sviluppo tanto che videogiochi come Shrek 2, Alla Ricerca di Nemo o Il Signore degli Anelli dovrebbero essere inseriti nei programmi scolastici.

    È quanto afferma a sorpresa uno studio finanziato dal governo britannico e condotto dal Centro studi sull'Infanzia, la Gioventù e i Media della London University che ha rilevato nei giochi elettronici un prezioso strumento didattico.

    La ricerca, i cui risultati sono stati annunciati oggi all'Institute of Education di Londra, oltre a consigliare di insegnare a scuola come usare i videogames, sollecita che i ragazzi siano incoraggiati a programmarsi da soli i giochi.

    «Vogliamo rassicurare genitori e docenti sul fatto che i giochi elettronici sono una legittima forma di cultura che merita un'analisi approfondita nelle scuole alla pari di film, televisione e letteratura», ha dichiarato al pomeridiano londinese «Evening Standard», Andrew Burn, ricercatore dell'ateneo londinese. «Ma vogliamo anche far presente che la comprensione totale della materia si ottiene solamente se i bambini hanno i mezzi per creare da sé i loro giochi».

    Come detto, lo studio è destinato a far discutere. Sono molti i papà e le mamme che guardano con terrore agli effetti devastanti che potrebbero avere alcuni giochi violenti e sanguinosi sulla psiche in via di sviluppo dei loro ragazzi. Ma Burn minimizza ribattendo che non tutti i videogames hanno queste caratteristiche e ricordando che anche nell'Inghilterra e nella Germania del XIX secolo la narrativa romantica era considerata «velenosa» per le menti delle giovani donne. L'equipe di studiosi dello scienziato infatti ha constatato che i bambini possono apprendere dai giochi elettronici la struttura delle storie, lo sviluppo dei personaggi e persino alcune nozioni grammaticali.

    La ricerca, durata tre anni, non è ancora conclusa, ma i risultati iniziali puntano tutti nella stessa direzione: i videogiochi rendono i giovani più colti. A suffragare questi dati sono anche i test condotti sugli studenti di due scuole, il Parkside Community College di Cambridge e la Charles Edward Brooke School di Lambeth.

    La riabilitazione dei videogiochi tuttavia dovrà attraversare un percorso lungo ed accidentato. Sono diversi i tribunali che hanno allo studio casi nei quali l'influenza negativa dei giochi al computer avrebbe scatenato episodi di violenza. Lo scorso luglio, il diciasettenne Warren Leblanc era stato condannato per avere assassinato l'amico quattordicenne Stefan Pakererah, perché ossessionato dal giochino Manhunt (Caccia All'Uomo)."


    Ecco i videogiochi consigliati dagli studiosi :)
    • Dai 4 ai 6 anni di età: 1) Wallace And Gromit 2) Sonic Heroes 3) Barbie Fashion Designer
    • Dai 7 ai 10 anni: 1) Shrek 2 2) Alla Ricerca di Nemo
    • Dai 10 ai 12 anni: 1) The Sims 2) Harry Potter 3) Il Signore degli Anelli 4) Civilisation 5) Age of Empires 6) Championship Manager 7) Tomb Raider :D
    Admin TRVG - Staff [COLOR=royalblue]ASPIDETR.com[/COLOR] TRLE World - TR-A fan - Spring Demo 2.0 - tombraidercast.net - Staff ANVI smauILP 02/03 - NGI.lan 04 - socio A.A.K.I. - getfirefox.com
  6.     Mi trovi su: Homepage Homepage #3865296
    Originally posted by psiko
    ok, per domani, visitate il Louvre di TR6 e ditemi quali opere d'arte riconoscete, mentre per la settimana prossima il riassunto dei livelli 3 e 4 di Tomb Raider 3.

    eh ma non è giusto sono troppi i compiti a casa... :eek: :asd: adesso vado a lamentarmi con il preside... :P
    Faber est suae quisque fortunae - Tomb Raider A Player - Socio A.A.K.I. - Aiuto Archeologo

    [size=1][i]"Io, Simon

  Tomb Raider?... sussidio didattico!!

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina