1.     Mi trovi su: Homepage #3957709
    Battuto 2-1 nel derby col Getafe, Barca sempre piu' lontano

    MADRID, 13 MAR - Periodo nero per il Real Madrid, che dopo l'eliminazione dalla Champions, ha perso anche 2-1 il derby della Liga con il Getafe.Ecco i risultati della 28/a: Barcellona-Atletico Bilbao 2-0 (ieri); Malaga-Betis Siviglia 1-2 (ieri); Albacete-Deportivo La Coruna 0-1; Levante-Osasuna 4-0; Villarreal-Espanyol Barcellona 4-1; Real Sociedad-Numancia 2-1; Racing Santander-Maiorca 3-0; Siviglia-Saragoza 0-1; Atletico Madrid-Valencia 1-0. Classifica: Barcellona 65, Real Madrid 54, Villareal 47.
  2.     Mi trovi su: Homepage #3957717
    Due anni di insuccessi,sarà rivoluzione

    La sconfitta con il Getafe ha fatto precipitare la situazione in casa del Real Madrid, che per il secondo anno consecutivo dovrà rinunciare ai principali obiettivi stagionali, campionato, Champions League e Coppa del Re. Il tecnico Luxemburgo ammette: "E' colpa mia", e per il futuro si pensa a grossi cambiamenti: partiranno alcuni del "galacticos" (uno su tutti Ronaldo) e si punterà su giocatori di maggiore sostanza.

    In casa madridista piove sul bagnato. Se rifondazione sarà arriverà al termine di una stagione che è già andata in pezzi. Eppure dopo l'arrivo di Luxemburgo sembrava che le merengues avessero ritrovato il passo della grande arrivando a pochi punti dal Barcellona. E invece, nel giro di venti giorni, tutto si è sfaldato sotto gli occhi del tecnico brasiliano e di Arrigo Sacchi. Dopo l'uscita dalla Champions League, anche il derby madrileno in versione Davide contro Golia ha confermato la crisi delle camisete blanche. Eppure il match sembrava ben avviato per il Real, ma poi il ritmo imposto dal Getafe e il gol di Albiol, nato da una grande azione del 37enne romeno Craioveanu, hanno cambiato il volto alla gara. Riki firma il raddoppio in avvio di ripresa per il 2-0 della squadra allenata da Quique Flores, ex giocatore del Real. Il gol della bandiera per i madridisti arriva solo allo scadere grazie all'argentino Solari.

    Le "merengues" dunque dovranno rassegnarsi a fallire i due obiettivi principali per la seconda stagione consecutiva, come ha ammesso Guti nel dopopartita: "Vincere la Liga ormai è impossibile, non solo perchè dobbiamo recuperare undici punti dalla vetta, ma perchè ci manca la testa". Il tecnico Luxemburgo si assume le colpe per l'ennesima disfatta: "Non c'è un solo colpevole per quanto sta succedendo, inutile parlare di un giocatore o di un altro. Il responsabile numero uno sono io".
    Inevitabile che il futuro porti, a questo punto, grossi cambiamenti. A partire, probabilmente già alla fine di questa stagione, potrebbero essere alcuni dei "galacticos", uno su tutti Ronaldo, ormai costantemente sotto accusa per i suoi atteggiamenti e per il suo impegno non sempre costante. Per quanto riguarda invece i movimenti in entrata, al di là del sogno proibito Adriano (una pista che a questo punto gli spagnoli cercheranno di battere con costanza ancora maggiore), è probabile un'inversione di tendenza: ad essere privilegiati saranno i giocatori più di sostanza e meno di forma o di nome, come dimostrato dal fatto che negli ultimi mesi il Real ha sondato il terreno per uomini come Pirlo e De Rossi.

  Spagna: il Real Madrid e' in crisi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina