1.     Mi trovi su: Homepage #3978709
    Sei società puntano allo "spalmatasse"

    Il salvataggio della Lazio, a cui è stato concesso di spalmare in molti anni i debiti con il fisco, potrebbe di riflesso salvare altre società di calcio. Tra le 180 aziende che hanno fatto la stessa richiesta del club romano ci sono anche sei società di calcio: Perugia, Genoa, Salernitana, Venezia, Crotone e Messina. Il debito di tutte è inferiore a quello della Lazio, e tutte sperano di avvalersi degli stessi benefici.


    La Lazio è stata salvata dalla legge 178 del 2002, e ora sono altre le squadre di calcio che sperano di usufruire dello stesso aiuto che è stato concesso alla società biancoceleste. La stessa richiesta fatta da Lotito all'Agenzie delle Entrate è arrivata anche da altri sei società di calcio, che vedono con soddisfazione la sentenza favorevole al club capitolino. Perugia, Genoa, Salernitana, Venezie, Crotone e Messina, tra l'altro, hanno un debito con il fisco inferiore a quello della Lazio, il che permette loro di nutrire ulteriori speranze.

    L'europarlamentare della Lega Mario Borghezio, intanto, pensa di presentare contro questa intesa un'interrogazione parlamentare urgente alla commissione europea "La società sportiva Lazio - si legge nel testo dell' interrogazione - pesantemente indebitata con il fisco italiano per ben 157 milioni di Euro, ha ottenuto dall'Agenzia delle Entrate una 'benevola' soluzione della sua situazione debitoria attraverso il pagamento, dilazionato addirittura in 23 anni, di 'soli' 140 milioni di Euro. La Commissione Europea non intende considerare il fatto che il debito della SS Lazio comprende anche l'IVA, oltre alle ritenute IRPEF dei dipendenti? Ed inoltre, questa transazione tributaria, decisamente anomala rispetto al trattamento riservato alla generalità delle imprese italiane, non e' da considerarsi come un occulto aiuto di Stato ad una società decotta? Infine l'aiuto concesso alla SS Lazio, quale sconto fiscale riservato ad una singola impresa a differenza di quanto il fisco italiano fa nei confronti delle altre imprese, non può essere considerato come un eclatante caso di violazione del principio di libera concorrenza fra le imprese?".

  Fisco, ora anche altre sperano

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina