1.     Mi trovi su: Homepage #3989920
    Nel 2003/04 offerte agli arbitri portoghesi somme di denaro e prostitute

    Sospetti di corruzione attorno al Porto. La notizia è stata data dal settimanale lusitano “Expresso” che parla di favori arbitrali nei confronti della squadra biancoblu bel campionato 2003/04.

    Il giudice Ana Claudia Nogera parla infatti dell’indagine "Fischietti d`oro" dove si sospetta che il presidente del Porto, Jorge Pinto da Costa, abbia corrotto molti arbitri offrendo somme di denaro e prostitute. I sospetti si basano su alcune intercettazioni telefoniche, operate dalla polizia giudiziaria, tra dirigenti del club e alcuni arbitri.

    I maggiori sospetti riguardano il match Porto-Estrela Amadora del gennaio 2004, vinto dal Porto 2-0 e diretto da una terna coordinata da Jacinto Paixao. La terna è sospettata soprattutto di aver sorvolato su alcuni falli commessi dai giocatori del Porto e ancora di aver convalidato un gol in fuorigioco. Tutto nasce dalla conferma da parte della terna di aver ricevuto proposte di "incontri a base di sesso", con tre prostitute brasiliane in un hotel di Porto prima della partita, scrive l`Expresso.

    Le donne hanno dichiarato ai giudici di aver ricevuto 150 euro per passare la notte con gli arbitri. I dirigenti del Porto hanno negato ogni coinvolgimento. Nel 2003/04 il Porto ha vinto il campionato e la Champions League.

    Il presidente Pinto da Costa era già stato condannato un anno fa da tribunale di Gondomar per tre episodi di corruzione attiva. E’ stato scarcerato a ottobre dopo il pagamento di una cauzione di 125.000 euro.

  Porto: scoppia lo scandalo corruzioni

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina