1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4080087
    Collina non arbitrerà più in A


    Il direttore di gara non rinuncia alla sponsorizzazione con la Opel, giudicata incompatibile. Dirigerà solo nella serie cadetta


    Pierluigi Collina, 45 anni. Ansa FIRENZE, 27 agosto 2005 - La serie A parte senza il fischio d’inizio di Collina e chissà se ci sarà ancora una partita del massimo campionato diretta dall’arbitro più famoso del mondo. Ieri nel ritiro degli arbitri del Centro tecnico federale di Coverciano, mentre il designatore Maurizio Mattei diramava la lista per la prima giornata senza il nome del viareggino, il presidente dell’Aia Tullio Lanese ha avuto un lungo incontro con l’arbitro partito con la consegna a mano di una lettera firmata dallo stesso Lanese, vista dal presidente federale Franco Carraro e redatta con il legale della Federcalcio Mario Gallavotti.
    Nella lettera c’è scritto che il contratto di sponsorizzazione firmato da Collina con la casa di automobili Opel non è compatibile e quindi non viene autorizzato per motivi di opportunità visto che Collina si è legato allo stesso sponsor principale di un club di A, il Milan. C’è poi scritto che la Figc e l’Aia hanno la massima stima in Collina tanto da aver cambiato le leggi per farlo arbitrare anche in questa stagione, superando il limite dei 45 anni. Quindi la volontà è tenerlo nel ruolo a pieno titolo. Ma perché questo avvenga l’arbitro deve per forza rescindere il contratto.
    La lettera specifica che se questo non avverrà Collina sarà tenuto nel gruppo della Can di A e B, ma designabile soltanto per le partite di serie B. Questo è quanto ha fatto sapere la Federcalcio sull’incontro, aggiungendo che in forma ufficiale Collina non ha dato ancora una risposta, chiedendo invece l’autorizzazione a Lanese di fare dichiarazioni alla stampa. L’ok è stato concesso e la Federcalcio ha anche offerto il supporto logistico, ma ha specificato a Collina che quanto dirà sarà di sua stretta responsabilità. Fino a ieri sera Collina non ha fatto dichiarazioni.
    Collina comunque già aveva capito il tenore della linea del governo del calcio dopo le parole di Carraro al termine dell’ultimo consiglio federale. Se anche la risposta sul contratto non si è avuta in via ufficiale, anche in Federcalcio adesso hanno capito che Collina quasi certamente non rinuncerà al contratto con la Opel che a detta della casa automobilistica è stato firmato dopo mesi e mesi di trattativa, con spot già girati e pagine patinate ormai stampate. Bisognerà vedere se Collina accetterà di arbitrare in B o se sceglierà una via brutta anche da scrivere: dimissioni. Chiaramente questo comporterebbe anche lo stop a livello internazionale, dove Collina può dirigere fino al 31 dicembre.
    Ieri mattina l’arbitro ha effettuato i test atletici assieme agli altri 40 colleghi. A un certo punto li ha riuniti tutti e ha detto loro quello che è intenzionato a dire anche alla stampa: "Io ho agito nelle regole, non ho commesso mancanze, per questo non mi sento in fallo. Le responsabilità sono di altri, che pagheranno". Collina ritiene di essersi messo a posto dicendo un giorno di luglio a Lanese di aver firmato con General Motors. Il presidente gli rispose: "Auguri...". Per lui quella era un’autorizzazione. Carraro ha insistito sul regolamento dell’Aia che prevede la procedura di una domanda scritta al presidente dell’Aia prima della firma dell’accordo che può avvenire soltanto dopo il benestare scritto dello stesso presidente Aia subordinato allo studio di fattibilità.
    Carraro ha anche aggiunto che nei due incontri in cui propose a Collina di diventare designatore, ricevendo in cambio la richiesta di continuare ad arbitrare ancora un anno, nessun cenno gli fu fatto sulla sponsorizzazione. Ma Collina si rifà al passato e alle altre sponsorizzazioni, quando a suo dire tutto si risolveva con la comunicazione verbale ai designatori. Comunque vada questa vicenda, è certo che Collina resta il grande arbitro di sempre. Aia e Figc hanno evitato di agire di forza, hanno preferito domandare la presentazione del contratto a Collina sorvolando sul fatto che l’avesse già firmato, sperando in uno spiraglio di fattibilità. E quando non l’hanno trovato, sperando in un annullamento da parte di Collina che forse non arriverà.



    Cordinamento I.N.S.I (Io Non Sono Interista)

    -Simo_Juve-Tony Manero-Giovanni1982-Knaz-Kaiserniky-Massituo-SCA-TTANTE-Joey (gemell.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4080089
    Originally posted by massituo
    giusto...vuole la botte piena e la moglie ubriaca
    .................. a dormire che è meglio........:asd: :asd:
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te
  3.     Mi trovi su: Homepage #4080091
    Il regolamento vieta quello che ha fatto, c'è poco da dire.
    Se come scusa si utilizzava il discorso "e vabbè, capirai, in Italia d conflitti d'interesse ce ne sono così tanti, che vuoi che sia uno in più..." faceva prima a scendere in campo col costume di pulcinella altro che con la divisa da arbitro...

    p.s. avete visto le nuove divise degli arbitri ? sono un pugno in 1 occhio: verde fosforescente.. giallo fosforescente... mancano solo i calzoni lunghi e le strisce catarifrangenti ai bordi delle caviglie... ma chi le ha disegnate ? lo stilista dell'anas ?
    quelle però hanno un senso... non capisco quale abbiano quelle degli arbitri con questi colori ridicoli invece... :asd: :asd: :asd: :asd:

  Collina non arbitrerà più in A

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina