1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4173011
    MILANO, 19 ottobre 2005 - Lippi, s’avvicina il sorteggio del Mondiale. C’è il rischio di non essere teste di serie?
    "Dipende dalla Fifa. Se il criterio è soltanto il ranking, è difficile. Se si tiene conto anche dei Mondiali precedenti, com’è più probabile, lo saremo. Ma ho imparato che da qualunque situazione bisogna tirar fuori il lato positivo: meglio allora un gruppo con il Brasile. A noi basterà vincere le altre due partite".
    La prima fase è la più rischiosa.
    "Per le grandi, soprattutto. Perché nessuno parte al 100%. Vincendo, poi, aumentano convinzione e condizione. È già successo nell’82: Bearzot partì in un clima di contestazione e sfiducia assoluta, faticò, poi cominciò a vincere il Mondiale il giorno che sconfisse l’Argentina. Libero da condizionamenti. E anche nel ’94: fino al gol di Baggio nel finale con la Nigeria eravamo eliminati".
    I due attaccanti più Totti dovranno lavorare come il tridente Vieri-Del Piero-Ravanelli nella sua Juve?
    "Un momento: non è detto che questo sia il modulo. Spero di giocare al Mondiale sette partite, ma non posso pensare di farlo sempre con gli stessi uomini".
    Nel caso di modulo 4-3-1-2?
    "Sarà importante distribuire equamente la fatica. Per esempio, se perdiamo la palla in attacco, a destra, sarà Camoranesi a scalare naturalmente per coprire. A sinistra, il movimento sarà meno automatico: toccherà a Gattuso che però è un centrale di ruolo e tende ad accentrarsi. In ogni caso, l’attaccante più vicino dovrà inseguire l’avversario fino a metà campo, in attesa di un compagno".
    Tre attaccanti, più Camoranesi che è un’ala, più Pirlo che è un "ex" 10. Mai vista un’Italia così offensiva.
    "Ma Camoranesi è un grande centrocampista. Glielo dissi anche quand’era alla Juve: 'Ma tu non hai mai fatto il mediano?'. Un giocatore completo. E Pirlo è un regista a tutto campo, con grandi doti d’interdizione: non è facile superarlo. Può giocare da centrale unico, ma anche nel 4-4-2".
    E se Pirlo ha un raffreddore?
    "C’è De Rossi. Che forse non ha la sua visione di gioco e il suo lancio, ma è più forte di testa e dà profondità".
    Ha mai pensato a Corini, 35 anni?
    "A 8 mesi dal Mondiale è presto per fare nomi, ma l’età non sarà un problema".
    Perché non Barone?
    "Lo vedo più come centrocampista a tutto campo, con i suoi inserimenti e la sua rapidità. D’altra parte è così anche nel Palermo: Corini sta davanti alla difesa".
    Totti è unico?
    "Uno con le sue caratteristiche non c’è, ma non dev’essere super-responsabilizzato. Mi piacerebbe soltanto che finisse la stagione come l’ha cominciata: alla grande".
    E Cassano? Non potrebbe essere come il Paolo Rossi dell’82 che aveva giocato soltanto tre partite in campionato?
    "Vorrei che Cassano giocasse".
    Gli ha parlato in questo momento difficile?
    "Non ho creduto di doverlo fare".
    È sicuro che Vieri meriti la Nazionale?
    "A me piace e lo dico con motivazioni superiori ad altri che non hanno lavorato con lui. È enormemente importante e non soltanto sul piano tecnico".
    Soltanto il Brasile ha una squadra così offensiva.
    "Parreira ha quei cinque fenomeni, ma ha detto che ne schiererà in contemporanea soltanto quattro: uno tra Ronaldo, Ronaldinho, Kakà, Adriano e Robinho resterà fuori. Credo che quello al quale rinuncerà meno è Ronaldinho: perché si diverte di più e ha doti tecniche tali che gli consentono di risparmiarsi".
    In Italia non gli sarebbe permesso.
    "No, da noi c’è più pressione e i giocatori spendono più energie".
    Però una squadra con quei 4 fenomeni, e un centrale di centrocampo (Ze Roberto) che nel suo club è un’ala sinistra, può reggersi tutta su Emerson?
    "Ma è la loro filosofia. E Ze Roberto avrà acquistato la mentalità per cambiare ruolo".
    Lei un giorno ha chiuso gli occhi e s’è visto in finale con il Brasile. Ci pensa mai a quella sfida?
    "No. Siamo ancora a metà dell’opera. Abbiamo conquistato una qualificazione che tutti, anch’io, davamo per scontata e non per presunzione. I nostri valori tecnici, escluso il Brasile e forse l’Argentina, sono alla pari con tutti. Ora abbiamo questi mesi per perfezionarci".
    Non è che l’Argentina è più squadra?
    "Ma vince sempre il Brasile. Anche alla Confederations cup".
    Operazione simpatia. A che punto siamo? Come sarà il nostro Mondiale?
    "Il calore della gente, degli immigrati, sarà importante. Dobbiamo capire l’importanza di non chiuderci in un bunker, soprattutto nel nostro interesse. Ho letto l’altro giorno Alberoni sul Corriere: 'La prigione più dura è la malinconia'. E poi non capisco: cos’è la simpatia?".
    Una squadra con undici Buffon.
    "Ci sono due campioni del mondo della comunicazione: lui e Valentino Rossi. Non possono essere tutti così. Ma la gente per strada mi ferma e mi fa i complimenti per l’impegno, la grinta. Questa è simpatia, non potete negarlo. Se non sono tutti Buffon, che colpa ne ho?".
    È stato bello anche vedere i giocatori cantare l’inno a Lecce.
    "Bello, sì. E abbracciarsi. Ma io, che non ho mai cantato l’inno, la prima volta che l’ho sentito in panchina ho sorriso. E sorridevo perché è pensavo: se la gente sapesse cosa sta passando per il mio cervello e le mie vene in questo momento".
    Mogli, fidanzate, parenti sono sempre stati un problema.
    "Nel ritiro saranno importanti i momenti di recupero psicologico, inseriti negli spazi giusti, ma ci vuole anche un po’ di privacy. Comunque si dà troppa importanza a queste cose".
    Moggi supermanager dell’Italia?
    "Mah, oggi ho letto che farà un viaggio in barca con Giraudo. Mi chiameranno, perché di mare capiscono poco. Dovreste chiedere a Carraro, ma credo che Moggi abbia altro da fare".
    Pretendere di vincere il Mondiale è esagerato, ma arrivare tra le prime quattro si può?
    "Ho sensazioni molto buone: i ragazzi stanno bene assieme, si picchiano col sorriso in allenamento...".
    C’è fame di vittorie in Italia...
    "Sì, ma non è giusto dire che dall’82 non facciamo niente. Siamo arrivati in finale nel ’94. E nel 2000, contro la Francia, eravamo campioni d’Europa a 15 secondi dalla fine. Poi abbiamo avuto tutte le sfortune".
    Adesso affrontiamo l’Olanda dove, 13 anni fa, Sacchi vinse 3-2 una grandissima amichevole.
    "E’ una squadra imbattuta. Van Basten ha fatto un grande lavoro di rinnovamento, lasciando fuori gente come Seedorf. E non è stato il solo: Pekerman non convoca nell’Argentina Veron, uno dei più forti centrocampisti del mondo".
    A proposito: cosa pensa delle sue frasi su Adriano?
    "Ha fatto bene. Ha fatto capire cosa pensa lo spogliatoio. Èuno al quale stanno a cuore le regole".
    Ha visto quel Rossi nel Manchester United?
    "Sono buon amico di Ferguson, che me ne parla sempre molto bene. L’ho già detto a Gentile che cura anche l’Under 20 oltre alla 21".
    Teme questo calo degli spettatori?
    "Il motivo è soltanto uno: economico. All’estero c’è calcio in tv tutto il giorno, ma gli stadi sono pieni perché i biglietti costano pochissimo"
  2.     Mi trovi su: Homepage #4173012
    Originally posted by massituo

    È sicuro che Vieri meriti la Nazionale?
    "A me piace e lo dico con motivazioni superiori ad altri che non hanno lavorato con lui. È enormemente importante e non soltanto sul piano tecnico".

    [/B]


    Allora 2 sono le cose.....
    - o ce lo portiamo xè è bravo a raccontare le barzellette e a far gruppo come di livio nel 2002
    - o ce lo portiamo xè ha tante amiche che possono alzare il morale alla truppa!

    Mah... :muhehe: :muhehe: :muhehe:
    NON LASCIARE MAI CHE LA PAURA DI PERDERE TI IMPEDISCA DI PARTECIPARE!!!
  3.     Mi trovi su: Homepage #4173013
    Originally posted by MaestroZen
    Allora 2 sono le cose.....
    - o ce lo portiamo xè è bravo a raccontare le barzellette e a far gruppo come di livio nel 2002
    - o ce lo portiamo xè ha tante amiche che possono alzare il morale alla truppa!

    Mah... :muhehe: :muhehe: :muhehe:


    :D :approved:

  intervista a lippi

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina