1.     Mi trovi su: Homepage #4199987
    Antonio Giraudo, è intervenuto questa mattina ad una conferenza del Master in Marketing e Comunicazione, organizzato dalla Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Torino. L’Amministratore Delegato della Juventus ha premiato i vincitori delle borse di studio alla memoria di Giovanni Alberto Agnelli, tenendo una conferenza dal titolo “Juventus Football Club: la competitività del calcio italiano nel contesto internazionale”.





    ''Il mondo del pallone muove un giro d'affari di 6.5 miliardi all'anno - ha sottolineato - e si e' trovato vicino alla bancarotta, per fortuna e' riuscito a risollevarsi in tempo e a darsi regole ancora piu' severe di quelle europee: la strada imboccata e' quella giusta, l'incidenza degli stipendi e' scesa dal 90% al 76% e diminuira' ancora. Alla Juventus siamo gia' riusciti a portarla al 55%. Una cosa pero' deve essere chiara - ha aggiunto Giraudo - invece spesso se la dimenticano anche i giornali: il calcio non ha mai avuto una lira dallo Stato, anzi gli versa 1.5 miliardi di euro all' anno in tasse''.




    A frenare il calcio italiano, ci sono secondo Giraudo, proprio ''la pressione fiscale molto piu' accentuata rispetto agli altri paesi, e il meccanismo della mutualita' che alla Juventus sottrae ogni anno proventi per 25 milioni di euro. E' certo lodevole - ha spiegato - contribuire al sostegno delle serie B e C e del calcio dilettantistico, ma non corrisponde a principi di corretta economia”.Giraudo ha concluso la lezione con una sorta di appello e di invito agli studenti: ''Il calcio e' il dodicesimo gruppo industriale italiano e ha bisogno di manager veri, laureati in economia”.
    [SIZE=1]

    IL MIO PRIMO SITO: il mio sito
  2.     Mi trovi su: Homepage #4199991
    Originally posted by The bosss
    Antonio Giraudo, è intervenuto questa mattina ad una conferenza del Master in Marketing e Comunicazione, organizzato dalla Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Torino. L’Amministratore Delegato della Juventus ha premiato i vincitori delle borse di studio alla memoria di Giovanni Alberto Agnelli, tenendo una conferenza dal titolo “Juventus Football Club: la competitività del calcio italiano nel contesto internazionale”.





    ''Il mondo del pallone muove un giro d'affari di 6.5 miliardi all'anno - ha sottolineato - e si e' trovato vicino alla bancarotta, per fortuna e' riuscito a risollevarsi in tempo e a darsi regole ancora piu' severe di quelle europee: la strada imboccata e' quella giusta, l'incidenza degli stipendi e' scesa dal 90% al 76% e diminuira' ancora. Alla Juventus siamo gia' riusciti a portarla al 55%. Una cosa pero' deve essere chiara - ha aggiunto Giraudo - invece spesso se la dimenticano anche i giornali: il calcio non ha mai avuto una lira dallo Stato, anzi gli versa 1.5 miliardi di euro all' anno in tasse''.




    A frenare il calcio italiano, ci sono secondo Giraudo, proprio ''la pressione fiscale molto piu' accentuata rispetto agli altri paesi, e il meccanismo della mutualita' che alla Juventus sottrae ogni anno proventi per 25 milioni di euro. E' certo lodevole - ha spiegato - contribuire al sostegno delle serie B e C e del calcio dilettantistico, ma non corrisponde a principi di corretta economia”.Giraudo ha concluso la lezione con una sorta di appello e di invito agli studenti: ''Il calcio e' il dodicesimo gruppo industriale italiano e ha bisogno di manager veri, laureati in economia”.



    no ma giraudo ha ragione perchè tassare così aspramente società di ricchi miliardari e ragazzi che giocando guadagnano milioni di euro?!?!?!?.... tassiamo e spemiamo per bene gli sfigati che non guadagnano un caxxo!!!!

  giraudo dixit

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina