1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #4206183
    Fischi a Best, gli allenatori chiedono scusa
    28/11/2005 12.05.00
    Il minuto di silenzio interrotto dai tifosi sui campi del Leeds e del Manchester City.
    La Memoria di George Best è stata onorata sui campi inglesi con un minuto di raccoglimento che ha accomunato nel ricordo dello spericolato ragazzo di Belfast l'intera tifoseria di un Paese appassionato del vero football. Il gesto, voluto da Lega e Federazione insieme, è stato celebrato con grande commozione prima di ogni gara professionistica del weekend, dalla Premier fino alle categorie inferiori. Soltanto in due stadi lo struggente silenzio è stato rotto da chi in Best vedeva non già un Grande che se ne andava ma un Nemico da odiare anche dopo la morte, per la sua identificazione totale con i colori del Manchester United.

    Kevin Blackwell, tecnico del Leeds che ospitava il Millwall ed è storicamente rivale dei Red Devils, è davvero furioso: "Noi abbiamo dei tifosi stupendi. Sono stati sporcati da uno sparuto gruppo, ma sono sempre i pochi che finiscono in prima pagina. Io vorrei che non si confondessero quei pochi con tutti noi. E' spazzatura e dovrebbe finire nel cestino dell'immondizia, questo è il modo in cui andrebbe trattata quasta roba. Il fatto che noi oggi ne dobbiamo parlare è imbarazzante per me e il Leeds United Football Club. Noi chiediamo scusa per qualunque cosa sia stata detta che abbia turbato altre persone".

    Stessa amarezza nelle parole di Stuart Pearce, manager dei cugini del City, i cui tifosi, in occasione del match contro il Liverpool, hanno urlato tutto il loro odio verso l'Icona dello United: "Non ho idea di quanti siano stati, ma la grande maggioranza del pubblico ha tributato il giusto saluto ad una leggenda del calcio che ha regalato grande divertimento a parecchia gente, e questa è la cosa più importante. Bisogna guardare alle cose positive, piuttosto che sottolineare la condottta di un manipolo di persone in un oceano di quarantasettemila". Il tecnico degli ospiti, Rafa Benitez, è d'accordo: "Sono stati in pochi, mentre la maggior parte del pubblico applaudiva, ma è davvero un peccato, non si può dire altro".

    Paolo Fiorenza
    La prima Legge del Giornalismo: confermare i pregiudizi esistenti, piuttosto che contraddirli.
    Alexander Cockburn
    Il mio blog

  Anche l'Inghilterra ha i suoi idioti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina