1.     Mi trovi su: Homepage #4206376
    http://www.ilfoglio.it/uploads/camillo/tantoarmati.html

    il capo degli ispettori Onu, nella relazione presentata al Consiglio di sicurezza due mesi prima della guerra. Era il 27 gennaio. Blix disse che l’Iraq non collaborava pienamente, come gli imponevano le risoluzioni (e già solo per questo avrebbe dovuto subire “serie conseguenze”), ma anche che mancavano all’appello 6.500 bombe e mille tonnellate di agente chimico, sicché “in assenza di prove contrarie, dobbiamo presumere che di queste quantità non ci sia stata data spiegazione”. L’Iraq, continuò Blix, “sostiene di aver prodotto 8.500 litri di questo agente biologico bellico, ma dice di averli distrutti nell’estate del 1991. Ha fornito poche prove, nessuna convincente sulla loro distruzione. Ci sono però forti indicazioni che abbia prodotto più antrace di quanto dichiarato (…). Dovrebbe ancora esserci”. Sempre Blix, il 14 febbraio, un mese prima della guerra, disse al Consiglio di sicurezza: “Un’altra questione, ed è una questione di grande importanza, è che su molte delle armi e dei componenti proibiti non è stata data spiegazione. Non si può saltare alla conclusione che esistano. Comunque questa possibilità non è esclusa”.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  2.     Mi trovi su: Homepage #4206377
    Ci vorranno una ventina di anni per capire se le conseguenze di questa guerra sono positive o negative (parlo delle conseguenze), ora per me è quasi impossibile giudicare, si può avere un'idea...nel frattempo è utile postare e discutere a 360° gradi, sentire tutte le campane e dare maggiori informazioni possibili. Sperando che almeno in termini di vittime, il tutto finisca presto, e inizi una vita normale anche in quel paese.

    Invito (ad es.) Zan e Cane, nel caso volessero postare di seguito, di non prendere il 3d come provocazione ma come semplice oggetto di discussione. Naturalmente lo dico solo come conseguenza ai precedenti fraintendimenti.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  3. Deus In Macchina  
        Mi trovi su: Homepage #4206379
    capisco che tu voglia uno scambio di opinioni!! ma in questo caso e dico purtroppo non se ne verra' mai a capo!ce solo





    E adesso in Iraq...





    Mumia Abu-Jamal




    Con la fine del gioco militare è emerso dal panorama dei bombardamenti a tappeto in Afghanistan un paese che sembra essere stato riportato da poco alla calma e adesso stiamo assistendo nuovamente all'emergenza Iraq come paese demone del mese dell'America.



    La giustificazione per questo nuovo obiettivo media-militare dell'Iraq è che la suddetta nazione possiede "armi di distruzione di massa"!

    Quale nazione non ne possiede?

    L'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton aveva tentato la carta dell'Iraq prima, quando mise in evidenza che il governo di Bagdad poteva non essere l'unica nazione in possesso di armi di distruzione di massa, ma che solo gli iracheni le avevano usate.

    L'eminente storico Howard Zinn, autore dell'acclamato "A People's History of the United States, ha rimarcato che solo una nazione ignorante nella conoscenza della storia avrebbe potuto ammettere un'affermazione come quella di Clinton:

    "Lui poteva fare una dichiarazione del genere solamente ad un popolo privo di conoscenze storiche. Gli Stati Uniti hanno fornito la Turchia,l'Israele e l'Indonesia di armi di questo genere e queste nazioni le hanno usate contro la popolazione civile. Ma la nazione più colpevole in questo senso è la nostra. Nessun paese al mondo possiede più quantità di armi di distruzione di massa della nostra, e nessun'altra nazione le ha usate più spesso o provocato un maggior numero di perdite di civili. A Hiroshima centinaia di migliaia di persone morirono, in Corea e nel Vietnam del Sud milioni di persone morirono conseguentemente al nostro uso di simili armi."

    La totale ipocrisia di una nazione che minaccia un altro paese perché in possesso di "armi di distruzione di massa" è stupefacente. Asiatici e Arabi, insieme ai loro capi, devono allora tutti tremare increduli.

    Lo scatto improvviso di Clinton al diritto, durante il suo secondo incarico, è ora rispecchiato da Bush che ha riciclato le bugie del suo predecessore, la vecchia storia di "armi di distruzione di massa", una giustificazione nello sforzo di Bush Jr per riparare al fallimento di Bush Sr nel disciplinare correttamente l'Iraq, visto che aveva osato agire come stato sovrano e non come stato vassallo dell'impero statunitense.

    Per evidenziare ancora di più l'alto livello di ipocrisia, bisogna tener presente che alcune delle armi irachene furono davvero impiegate come mezzi di distruzione di massa, un fatto ben noto a Washington perché gli armamenti americani furono consegnati agli iracheni per poter meglio uccidere i loro nemici iraniani. Gli Stati Uniti, Londra e altre nazioni occidentali accumularono montagne di ricchezze vendendo armi non solo all'Iraq, ma anche allo stesso Iran. Entrambi gli stati usarono le suddette armi con micidiale efficienza in una guerra durata otto anni che uccise più di 800.000 (e forse più di un milione) uomini, donne e bambini. Gli Stati Uniti, brucianti per l'espulsione dello Scià dall'Iran, e la successiva ascesa dell'Ayatollah Khomeini, si sfregarono le mani con una gioia da commercianti per armare e incitare i vicini iracheni.

    L'alleato di ieri è l'avversario di oggi.

    E domani, dopo la distruzione di un'altra nazione in seguito a continui bombardamenti, di ritorno dalla dura e fredda terra afgana, l'America cercherà di estendere la sua Nuova Crociata all'Iraq.

    Tutto ciò, dopo dieci anni di incessanti bombardamenti sull'Iraq dall'Occidente. Dopo forse 500.000 vittime civili. Dopo che l'Iraq è stato bombardato al punto di diventare un paese ammutolito, desolato e tossico. Le minacce, i bersagli e i bombardamenti all'Iraq non avevano niente a che vedere con "le armi di distruzione di massa" nel 1991, nel 1993, nel 1998 o adesso.

    Perché adesso l'Iraq è il paese protagonista nella scelta?

    Il brigadiere generale William Looney, che condusse i bombardamenti in Iraq negli anni '90, focalizzò la ragione senza usare mezzi termini:

    "Se accendono i loro radars, faremo esplodere le loro dannate basi missilistiche. Sanno che noi dominiamo la loro nazione. Possediamo il loro spazio aereo…Dettiamo legge sul loro modo di vivere e di parlare. E questa è la grandezza dell'America in questo momento. E' un fatto positivo, specialmente quando lì c'è molta quantità di petrolio di cui abbiamo bisogno. (Wm. Blum, Rogue State (Common Courage, 2000) p.159.

    Voila. Là c'è. Il petrolio.

    Perché non è quello un crimine contro la legge internazionale?



    una speranza che finisca OGNI tipo di atrocita':)
    ------------------------------------------------
    YOU GOT MUCH COMPLEX THAN THE FIRST MAY CONCERT!
    c'hai più complessi tu ch'er concerto der primo maggio
  4. _________V_________  
        Mi trovi su: Homepage #4206380
    Originally posted by fralex
    capisco che tu voglia uno scambio di opinioni!! ma in questo caso e dico purtroppo non se ne verra' mai a capo!ce solo





    E adesso in Iraq...





    Mumia Abu-Jamal




    Con la fine del gioco militare è emerso dal panorama dei bombardamenti a tappeto in Afghanistan un paese che sembra essere stato riportato da poco alla calma e adesso stiamo assistendo nuovamente all'emergenza Iraq come paese demone del mese dell'America.



    La giustificazione per questo nuovo obiettivo media-militare dell'Iraq è che la suddetta nazione possiede "armi di distruzione di massa"!

    Quale nazione non ne possiede?

    L'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton aveva tentato la carta dell'Iraq prima, quando mise in evidenza che il governo di Bagdad poteva non essere l'unica nazione in possesso di armi di distruzione di massa, ma che solo gli iracheni le avevano usate.

    L'eminente storico Howard Zinn, autore dell'acclamato "A People's History of the United States, ha rimarcato che solo una nazione ignorante nella conoscenza della storia avrebbe potuto ammettere un'affermazione come quella di Clinton:

    "Lui poteva fare una dichiarazione del genere solamente ad un popolo privo di conoscenze storiche. Gli Stati Uniti hanno fornito la Turchia,l'Israele e l'Indonesia di armi di questo genere e queste nazioni le hanno usate contro la popolazione civile. Ma la nazione più colpevole in questo senso è la nostra. Nessun paese al mondo possiede più quantità di armi di distruzione di massa della nostra, e nessun'altra nazione le ha usate più spesso o provocato un maggior numero di perdite di civili. A Hiroshima centinaia di migliaia di persone morirono, in Corea e nel Vietnam del Sud milioni di persone morirono conseguentemente al nostro uso di simili armi."

    La totale ipocrisia di una nazione che minaccia un altro paese perché in possesso di "armi di distruzione di massa" è stupefacente. Asiatici e Arabi, insieme ai loro capi, devono allora tutti tremare increduli.

    Lo scatto improvviso di Clinton al diritto, durante il suo secondo incarico, è ora rispecchiato da Bush che ha riciclato le bugie del suo predecessore, la vecchia storia di "armi di distruzione di massa", una giustificazione nello sforzo di Bush Jr per riparare al fallimento di Bush Sr nel disciplinare correttamente l'Iraq, visto che aveva osato agire come stato sovrano e non come stato vassallo dell'impero statunitense.

    Per evidenziare ancora di più l'alto livello di ipocrisia, bisogna tener presente che alcune delle armi irachene furono davvero impiegate come mezzi di distruzione di massa, un fatto ben noto a Washington perché gli armamenti americani furono consegnati agli iracheni per poter meglio uccidere i loro nemici iraniani. Gli Stati Uniti, Londra e altre nazioni occidentali accumularono montagne di ricchezze vendendo armi non solo all'Iraq, ma anche allo stesso Iran. Entrambi gli stati usarono le suddette armi con micidiale efficienza in una guerra durata otto anni che uccise più di 800.000 (e forse più di un milione) uomini, donne e bambini. Gli Stati Uniti, brucianti per l'espulsione dello Scià dall'Iran, e la successiva ascesa dell'Ayatollah Khomeini, si sfregarono le mani con una gioia da commercianti per armare e incitare i vicini iracheni.

    L'alleato di ieri è l'avversario di oggi.

    E domani, dopo la distruzione di un'altra nazione in seguito a continui bombardamenti, di ritorno dalla dura e fredda terra afgana, l'America cercherà di estendere la sua Nuova Crociata all'Iraq.

    Tutto ciò, dopo dieci anni di incessanti bombardamenti sull'Iraq dall'Occidente. Dopo forse 500.000 vittime civili. Dopo che l'Iraq è stato bombardato al punto di diventare un paese ammutolito, desolato e tossico. Le minacce, i bersagli e i bombardamenti all'Iraq non avevano niente a che vedere con "le armi di distruzione di massa" nel 1991, nel 1993, nel 1998 o adesso.

    Perché adesso l'Iraq è il paese protagonista nella scelta?

    Il brigadiere generale William Looney, che condusse i bombardamenti in Iraq negli anni '90, focalizzò la ragione senza usare mezzi termini:

    "Se accendono i loro radars, faremo esplodere le loro dannate basi missilistiche. Sanno che noi dominiamo la loro nazione. Possediamo il loro spazio aereo…Dettiamo legge sul loro modo di vivere e di parlare. E questa è la grandezza dell'America in questo momento. E' un fatto positivo, specialmente quando lì c'è molta quantità di petrolio di cui abbiamo bisogno. (Wm. Blum, Rogue State (Common Courage, 2000) p.159.

    Voila. Là c'è. Il petrolio.

    Perché non è quello un crimine contro la legge internazionale?



    una speranza che finisca OGNI tipo di atrocita':)



    FREE Mumia Abu-Jamal!!


    npj lòascia stare Ferrara che è uno dei peggiori in assoluto, un voltagabbana così non si ricorda dai tempi di Giuda!:sbam: :sbam:
  5. Deus In Macchina  
        Mi trovi su: Homepage #4206382
    Originally posted by Giovanni1982
    Indipendentemente dalla presenza delle armi di distruzioni di massa, non credo che siano gli Usa a dover fare gli inventari degli armamentari mondiali.
    sarebbe cosa buona e giusta.:) :approved:
    ------------------------------------------------
    YOU GOT MUCH COMPLEX THAN THE FIRST MAY CONCERT!
    c'hai più complessi tu ch'er concerto der primo maggio
  6.     Mi trovi su: Homepage #4206384
    Non gli Usa, ma qualcuno deve farlo o no? Secondo voi, bisogna lasciare che paesi come l'Iraq di Saddam, o più attuale la corea del nord o altre nazioni con leader un pò egocentrici posseggano tranquillamenti questo tipo di armi o il nucleare.

    Concordo che gli Usa avrebbero dovuto passare tramite l'Onu.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  7.     Mi trovi su: Homepage #4206385
    Originally posted by wfw
    FREE Mumia Abu-Jamal!!


    npj lòascia stare Ferrara che è uno dei peggiori in assoluto, un voltagabbana così non si ricorda dai tempi di Giuda!:sbam: :sbam:


    Non l'ha scritto Ferrara, nonostante la pubblicazione sul foglio.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  8.     Mi trovi su: Homepage #4206386
    Originally posted by npj
    Non gli Usa, ma qualcuno deve farlo o no? Secondo voi, bisogna lasciare che paesi come l'Iraq di Saddam, o più attuale la corea del nord o altre nazioni con leader un pò egocentrici posseggano tranquillamenti questo tipo di armi o il nucleare.

    Concordo che gli Usa avrebbero dovuto passare tramite l'Onu.


    Tu hai nominato Iraq e Corea Del Nord. Io non lo so quindi ti chiedo: tu sai quali altre nazioni hanno armi di distruzione di massa?
  9.     Mi trovi su: Homepage #4206387
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Tu hai nominato Iraq e Corea Del Nord. Io non lo so quindi ti chiedo: tu sai quali altre nazioni hanno armi di distruzione di massa?


    Ho nominato queste perchè assoggettate alle più pericolose. Ad esempio per il nuclare, anche sepenso sia datato come articolo http://digilander.libero.it/ilnucleare/bombeproliferazione2.htm
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  10. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4206388
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Tu hai nominato Iraq e Corea Del Nord. Io non lo so quindi ti chiedo: tu sai quali altre nazioni hanno armi di distruzione di massa?


    Mi aggancio per darvi un elemento di riflessione. L'UE si è già apertamente dichiarata contraria alla riapertura del progetto del nucleare in Iran. Il problema è che non ci sono Paesi pericolosi o che non c'è accordo su come identificarli?
  11.     Mi trovi su: Homepage #4206389
    Originally posted by ScudettoWeb
    Mi aggancio per darvi un elemento di riflessione. L'UE si è già apertamente dichiarata contraria alla riapertura del progetto del nucleare in Iran. Il problema è che non ci sono Paesi pericolosi o che non c'è accordo su come identificarli?


    appunto; npj ha nominato iraq e nord corea, ma penso che ci siano molti altri stati potenzialmente pericolosi, ma non nominati. E io ho chiesto un elenco perchè non sono a conoscenza di tutti questi stati.

    Cmq il mio discorso iniziale era un altro. Npj, ne sono state trovate in Iraq?
  12.     Mi trovi su: Homepage #4206390
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    appunto; npj ha nominato iraq e nord corea, ma penso che ci siano molti altri stati potenzialmente pericolosi, ma non nominati. E io ho chiesto un elenco perchè non sono a conoscenza di tutti questi stati.

    Cmq il mio discorso iniziale era un altro. Npj, ne sono state trovate in Iraq?


    No, non sono sono state provate. Ma ci sono le prove che prima c'erano e non ci sono prove sufficienti che siano state smantellate.

    In più non per le armi di distruzioni di massa c'è un altro passo dell'articolo che dice:

    "Poco importa che le armi convenzionali con cui Saddam aveva violato quindici o sedici risoluzioni dell’Onu in realtà siano state trovate oppure che le armi di sterminio in precedenza Saddam le avesse usate."

    Che rende l'idea dell'indifferenza ai problemi legati all'iraq.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-

  Armi di distruzioni di massa in iraq.

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina