1.     Mi trovi su: Homepage #4215097
    L'odio dell'avversario è nel DNA dei comunisti, oggi come ieri

    di Vincenzo Merlo - 2 dicembre 2005

    «Non odiano soltanto Berlusconi, ma detestano tutti coloro che non stanno dalla loro parte. Pensano che noi che non siamo di sinistra siamo ottusi, infingardi, egoisti, profittatori, il peggio dell'Italia. Se comprate l'Unità almeno una volta al mese, guardate l'odio che c'è dentro». Così Silvio Berlusconi a Messina, lo scorso 25 novembre. La fondatezza dell'affermazione è sotto gli occhi di tutti. Il fatto che una certa sinistra italiana, dall'alto della propria «superiorità morale e intellettuale», ritenga di poter insultare a piacimento gli avversari politici, quasi fossero persone inferiori meritevoli unicamente di disprezzo, non è vezzo solo di oggi, ma rappresenta anzi una costante nella storia del nostro Paese.

    All'indomani dell'esclusione delle sinistre dal Governo De Gasperi, nel 1947, Palmiro Togliatti ispirò un editoriale su L'Unità, titolato «Quanto sono cretini!». I «cretini» erano i democristiani e gli alleati occidentali che diffidavano della falce e martello...Sempre il Migliore, all'indomani delle decisive elezioni del 1948, così commentava la sconfitta del Fronte Popolare per opera della Dc di De Gasperi: «Hanno vinto i preti, le vecchie e i deficienti». Proprio così: per i comunisti, l'avversario politico è sempre stato, invariabilmente, una sorta di «minus habens», un deficiente incapace di comprendere il verbo infallibile di lor signori, quelli col «ditino alzato», gli unici depositari della verità assoluta...Per rimanere al secondo dopoguerra, Alcide De Gasperi veniva sistematicamente dileggiato dalle folle rosse, che sui muri scrivevano: «Vattene via, odiato cancelliere».

    Ogni leader avversario del Partito Comunista italiano è stato sempre ingiuriato, demonizzato, irriso. Giuseppe Saragat, fondatore di un modello socialdemocratico contrapposto a quello comunista, venne tacciato di essere alcolizzato; per un altro cavallo di razza democristiano, Amintore Fanfani, si coniò il neologismo «fanfascismo». Nelle piazze rosse, negli anni '70, s'incitava: «Il Pci cambierà questa sporca società!». E ancora: «Democrazia Cristiana non hai capito niente, la classe operaia è classe dirigente». Erano, quelli, gli anni della lotta al «regime» democristiano, gli anni del «Fascisti, borghesi, ancora pochi mesi». In questo clima si consumò, tra il 1977 e il 1978, il dramma delle dimissioni del Presidente della Repubblica Giovanni Leone, ingiustamente accusato di corruzione da una ben orchestrata campagna politica e di stampa (ricordate le copertine dei settimanali di sinistra?). In anni più recenti è da manuale dell'odio politico più sordo e volgare il trattamento riservato a Bettino Craxi e a Giulio Andreotti, il primo tratteggiato come bandito e traditore dei lavoratori, il secondo evocato nientemeno come «capo della mafia». Quale il comune denominatore di questi «delinquenti», additati sprezzantemente alla gogna e al pubblico ludibrio? Non stare dalla parte dei «rossi», gli unici «illuminati» in grado, col ditino alzato, di stabilire il giusto e l'ingiusto, il bene e il male.

    Il crollo del comunismo aveva indotto a sperare che anche nel nostro Paese si sarebbe approdati ad un ripensamento critico degli errori storici, delle valutazioni sbagliate, delle criminalizzazioni personali che quella ideologia inevitabilmente recava. Macchè! Lungi dal pentirsi di essere stati dalla parte sbagliata per tutta la vita, questi signori, con faccia tosta invereconda, hanno ripreso a pontificare e ad assegnare «patenti» di dignità morale, intellettuale e politica come se nulla fosse successo, con arroganza semmai ancora più accentuata. L'avversario politico non è un competitore con cui confrontarsi, ma rimane, sempre e comunque, un nemico da distruggere.

    Prima del voto del 1994 Massimo D'Alema si augurò di vedere Berlusconi mendicare in Piazza Duomo; all'indomani di quelle elezioni, vinte a sorpresa dal centrodestra, Dario Fo ebbe a definire gli italiani «imbecil gente». Quello che capita a Silvio Berlusconi, da undici anni bersaglio principale dell'odio comunista, è sotto gli occhi di tutti. Domani toccherà ad un altro. I compagni si dimostrano sempre uguali a loro stessi. Oggi come ieri. E oggi come ieri dobbiamo fermarli.

    Vincenzo Merlo

    Articolo di parte di www.ragionpolitica.it ma ho pensato di postarlo.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  2. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4215098
    Tutto ciò mi rattrista.......significa che il Berlusca è comunista........:cry: :cry: :cry: è terribile, tutte le mie certezze crollano..... :cry: :cry: :cry:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.
  3.     Mi trovi su: Homepage #4215100
    questo tanto per confermare la mia ipotesi, e cioè che a te non piace discutere per arrivare a conoscere di più .. ti piace solo provocare, per innescare la eventuale reazione, magari, come ho già avuto modo di scrivere, solo perchè sei alla inconscia ricerca di qualcosa che confermi o giustifichi le tue scelte passate e odierne ..

    andando a scavare ovunque, troverai articoli su chiunque e che dicono qualsiasi cosa ..

    dai, dimostra al mondo intero che ti guarda e legge, tutta la tua grande obiettività; va a cercare i tanti articoli o documentazioni riguardanti le tante attività sospette del Berlusca o tutti i suoi processi che si sono risolti SOLO con la prescrizione; cerca qualcosa sul terrorismo di destra, organizzato e alimentato da quella stessa DC citata in quell'articolo e che è stata la vera causa scatenante del terrorismo rosso; cerca qualcosa su tutte le guerre ed i dittatori che i GRANDI PADRI della Democrazia americani hanno seminato, soprattutto in sudamerica e in mediooriente; oppure cerca qualcosa sull'affarone economico che una guerra come quella irachena può essere per gli stessi che l'hanno organizzata

    Stupiscici.
  4.     Mi trovi su: Homepage #4215102
    Originally posted by common
    questo tanto per confermare la mia ipotesi, e cioè che a te non piace discutere per arrivare a conoscere di più .. ti piace solo provocare, per innescare la eventuale reazione, magari, come ho già avuto modo di scrivere, solo perchè sei alla inconscia ricerca di qualcosa che confermi o giustifichi le tue scelte passate e odierne ..

    andando a scavare ovunque, troverai articoli su chiunque e che dicono qualsiasi cosa ..

    dai, dimostra al mondo intero che ti guarda e legge, tutta la tua grande obiettività; va a cercare i tanti articoli o documentazioni riguardanti le tante attività sospette del Berlusca o tutti i suoi processi che si sono risolti SOLO con la prescrizione; cerca qualcosa sul terrorismo di destra, organizzato e alimentato da quella stessa DC citata in quell'articolo e che è stata la vera causa scatenante del terrorismo rosso; cerca qualcosa su tutte le guerre ed i dittatori che i GRANDI PADRI della Democrazia americani hanno seminato, soprattutto in sudamerica e in mediooriente; oppure cerca qualcosa sull'affarone economico che una guerra come quella irachena può essere per gli stessi che l'hanno organizzata

    Stupiscici.


    Non sono l'unico a dover dimostrare obiettività a quanto pare....
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  5.     Mi trovi su: Homepage #4215103
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    in un forum l'unica arma che abbiamo per capire una persona è quello che lei scrive. Se paragoniamo il forum al Paese Npj è ormai diventato il nostro Emilio Fede :asd: :asd:


    Prendendo spunto per un commento simpatico, sarei un Emilio Fede cerca di fare televisione su RaiTre allora.;)
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  6.     Mi trovi su: Homepage #4215106
    Siamo già in campagna elettorale.
    Da qui a primavera articoli così ne usciranno 100 al giorno.
    Se ne potrebbero riportare altrettanti di segno opposto
    ma non è il caso a meno che non si voglia aprire una sezione
    apposita di forum dedicati a provocazioni politiche;)
  7. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4215107
    Originally posted by turclau
    Siamo già in campagna elettorale.
    Da qui a primavera articoli così ne usciranno 100 al giorno.
    Se ne potrebbero riportare altrettanti di segno opposto
    ma non è il caso a meno che non si voglia aprire una sezione
    apposita di forum dedicati a provocazioni politiche;)


    Sono d'accordo. Un conto sono articoli su argomenti di trattazione di attualità (come fu per Falluja per esempio), un conto sono articoli di altri riportati su generiche situazioni politiche. Secondo me servono solo a litigare... ;)
  8.     Mi trovi su: Homepage #4215109
    Originally posted by npj
    Non sono l'unico a dover dimostrare obiettività a quanto pare....


    nonono .. qua non ho parlato di obiettività .. non ho proprio commentato quello che hai scritto ... ho solo cercato le reali motivazioni per cui posti questa roba .. (ma lungi da me intimarti di non farlo .. )

    la mia obiettività non è in discussione .. io sono di parte (ideologica, MAI PER CONVENIENZA), ma chi vorrebbe liquidare questo mio essere di parte per pensare che AUTOMATICAMENTE c'è una verità contrapposta alla mia è un perfetto imbecille, nonchè ignorante (discorso a carattere generale, non riferito a te).

    E la tua risposta è una ulteriore conferma di quello che scrivevo prima, non sei ancora certo delle scelte fatte e cerchi in ogni modo di trovare motivazioni ulteriori (è un comportamento stereotipato che ormai ho visto centinaia di volte)
  9.     Mi trovi su: Homepage #4215111
    ora dico come la penso.

    se vogliamo rivangare i libri di storia politica italiana del dopoguerra. bè.. poco c'è da criticare il Pci da Berlinguer in avanti. gli affari sporchi di Leone, caso lockheed, la P2, il golpe Borghese, e altri ben 4 tentativi di golpe falliti di cui non si parla, fanfascismo (forse c'era un motivo.), le stragi insolute, il caso mattei.. possiamo continuare. ma per scheletri nell'armadio non so chi sta peggio. ricordiamo pure l'assoluzione di Andreotti di qualche anno fa per l'accusa di essere mandante di un omicidio di mafia di un giornalista.. non ricordo le parole ma in sostanza non era stato il mandante ma aveva avuto rapporti con la mafia non condannabili perchè ormai prescritti in quanto passati almeno già 30 anni.

    ora a prescindere dalle vicende storiche che alla Dc lasciano poco respiro, come al Pci prima di Berlinguer, da intendersi. l'odio per l'avversario non solo da una parte è stato sfoggiato. vogliamo ricercare i manifesti delle elezioni del 1948 dove si vedono carriarmati rossi inseguire bambini? dai npj.. se devi postare un articolo sulla situazione storicopolitica almeno prendine uno, non dico obiettivo. ma non così palesemente fazioso. è come se io venga qui a scrivere le lodi del comunismo italiano dal 1921 ad oggi. senza adombrare critiche.. su...

    un'altra cosa, l'ultima: imbecil gente. ieri hai quotato un post di maxubs dove diceva che non bisogna seguire il volgo ecc ecc.. in netta contraddizione con quel che hai postato ora.

    ora però non dire che questa cosa non la condividi.. ecc ecc.. hai detto che è di parte.. se non la condividi bisogna che commenti. se no dai facile adito a pensare che la pensi così. palesemente.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-

  L'odio dell'avversario è nel DNA dei comunisti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina