1.     Mi trovi su: Homepage #4215180
    Il capo dell'intelligence Pollari convocato d'urgenza da Gianni Letta
    "La controparte fu avvertita e diede l'assicurazione cheil primo ministro sapeva"
    "Il Sismi e Berlusconi avvertiti
    del rapimento di Abu Omar"
    Fonti Cia al Washington Post. Palazzo Chigi nega


    Il presidene del Consiglio Silvio Berlusconi
    ROMA - "Silvio Berlusconi diede luce verde all'intelligence militare italiana (il Sismi) perché la Cia potesse portare a termine la "consegna straordinaria" di Abu Omar". Con un lungo servizio datato dall'Italia, il Washington Post è tornato ieri sulla vicenda dell'imam sequestrato a Milano, in pieno giorno, da almeno 22 agenti della Cia il 17 febbraio del 2003, interrogato e picchiato nella base aerea Nato di Aviano e quindi consegnato ai servizi egiziani al Cairo.

    L'articolo smonta, ancora una volta, la reiterata difesa con cui, dal giugno scorso, Palazzo Chigi ha più volte negato di aver mai saputo - "né prima, né dopo" - dell'operazione clandestina di Langley. Travolge le parole di Silvio Berlusconi che, non più tardi della settimana scorsa, con a fianco il premier spagnolo Zapatero, aveva addirittura negato che vi siano mai state in territorio italiano operazioni clandestine della Cia.

    Costringe Pollari a raggiungere a tarda sera Gianni Letta a Palazzo Chigi e impone al governo l'ennesima nota notturna, dopo un giorno di imbarazzato silenzio, con cui si mette in mora l'attendibilità delle fonti Cia citate dal quotidiano: "Nè Palazzo Chigi, nè alcuna altra istituzione italiana sono mai stati avvertiti, nè tanto meno informati, del sequestro Abu Omar. Del resto, la stessa fonte dalla quale qualcuno vorrebbe trarre indicazioni, non solo esclude che gli Stati Uniti abbiano informato l'Italia, ma addirittura rivela un preciso piano di depistaggio nei confronti delle autorità italiane".

    A sorreggere l'accusa di consapevole connivenza di Palazzo Chigi e del Sismi nell'operazione Abu Omar, sono diverse "fonti dell'intelligence americana", alcune ancora in servizio, altre non più a Langley, cui il Washington Post assicurato l'anonimato. "In questa storia - dice una di loro - non esistono carte scritte. La regola, nel nostro business, è che se vieni scoperto, devi cavartela da solo". Sta di fatto - osserva il Post - è che da quando la storia è venuta fuori "il governo Berlusconi ha dimostrato un crescente disagio per l'indagine sul sequestro condotta dalla Procura di Milano, fino al punto di spingere il ministro della giustizia Castelli a rifiutare di inoltrare agli Stati Uniti la richiesta di estradizione dei 22 cittadini americani di cui il pubblico ministero ha chiesto la cattura".

    Del resto - scrive ancora il quotidiano - che Berlusconi e il Sismi sapessero non è soltanto un argomento induttivo e a posteriori. È una circostanza accreditata da una qualificata fonte Cia che, oggi, nell'anonimato, aggiunge alcuni particolari a quella che fu la preparazione dell'operazione. "L'allora capo stazione Cia a Roma (Jeff Castelli) era ansioso di poter giocare un ruolo più attivo nelle attività antiterrorismo. Propose dunque una lista di tre nomi, per altrettanti possibili obiettivi in Italia". Se Abu Omar fosse già in quella lista preparata da Jeff Castelli, il Post non è in grado di dire. Sicuramente, a sequestro avvenuto, la Cia cercò di depistare le indagini della polizia indicando che Abu Omar potesse essersi allontanato volontariamente dall'Italia ed essersi nascosto nei Balcani (Repubblica ha dato conto di questa circostanza nel febbraio scorso).

    Altrettanto sicuramente, secondo il Post, secondo quanto riferito dalle sue fonti, "gli uomini Cia in Italia avvertirono prima del sequestro la propria controparte, l'intelligence militare italiana (Sismi) e da questa ottennero l'assicurazione che Berlusconi aveva dato luce verde".

    (7 dicembre 2005)



    1) o Berlusconi è un mentecatto a cui piace farsi camminare sulla faccia dagli Usa
    2) o Berlusconi non sapeva nulla e allora è ancora peggio perchè significa che i nostri servizi segreti ancora tanto puliti non sono..
    3) la terza ipotesi è che non sapevano nemmeno i nostri servizi segreti. ma sono il vanto dell'occidente e non credo proprio che non sapessero nulla.
    [SIZE=1,8]"Mentre legge i resoconti dei problemi che s’agitano all’estero, se è un buon cittadino conservatore, con un linguaggio indo-europeo, ringrazierà una divinità ebraica di averlo fatto al cento per cento americano." (Studio dell'uomo, Ralph L
  2.     Mi trovi su: Homepage #4215181
    Sequestri Cia, Berlusconi insiste
    "Lo ripeto, non sapevamo nulla"

    ROMA - Nuovo intervento del presidente del Consiglio dopo le rivelazioni dagli Usa del Washington Post sul sequestro dell'imam Avu Omar a Milano nel febbraio 2003. E nuova smentita: "Mi chiedo: se neppure le smentite ufficiali vengono raccolte oppure finiscono nascoste sotto una montagna di falsità, cosa dobbiamo fare per far capire che con il sequestro di Abu Omar non c'entriamo per nulla?".

    "Non esiste - continua il Cavaliere -. e lo ripeto per l'ennesima volta, alcun coinvolgimento del governo in vicende delle quali nè io, nè i miei ministri, nè i miei sottosegretari, nè alcuna istituzione italiana sono stati mai nè avvisati nè informati da chicchessia. Smentisco nel modo più assoluto ogni falsa ricostruzione e respingo con sdegno ogni tentativo di falsare la verità".

    (7 dicembre 2005)



    questa la replcia di Berlusconi secondo www.repubblica.it (anche l'altro era di repubblica)
    [SIZE=1,8]"Mentre legge i resoconti dei problemi che s’agitano all’estero, se è un buon cittadino conservatore, con un linguaggio indo-europeo, ringrazierà una divinità ebraica di averlo fatto al cento per cento americano." (Studio dell'uomo, Ralph L
  3.     Mi trovi su: Homepage #4215182
    Originally posted by Canemacchina
    1) o Berlusconi è un mentecatto a cui piace farsi camminare sulla faccia dagli Usa
    2) o Berlusconi non sapeva nulla e allora è ancora peggio perchè significa che i nostri servizi segreti ancora tanto puliti non sono..
    3) la terza ipotesi è che non sapevano nemmeno i nostri servizi segreti. ma sono il vanto dell'occidente e non credo proprio che non sapessero nulla.


    se con mentecatto intendi uno che non rifiuta la propria collaborazione con gli usa, per salvare il popolo italiano dai terroristi allora sì, è un mentecatto :cool:
    se non intendi quello è più consono chiamarlo leccapiedi, buffone, falso :asd: :asd:

  le cose sono 2...

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina