1.     Mi trovi su: Homepage #4215626
    25 ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI JOHN LENNON, UNA NUOVA ONDATA DI RICORDI

    ROMA - Una nuova ondata di ricordi ed emozioni. I fans pronti a invadere ancora una volta Central Park a New York. Yoko, Paul, Cynthia, Julian, Sean e gli altri protagonisti e comparse del dramma ancora una volta sotto i riflettori, mentre Mark Chapman racconta in tv perche' sparo'. A 25 anni dalla notte che cambio' la storia della musica, l'omicidio di John Lennon torna a riproporre i suoi interrogativi e a farsi interrogare sulle proprie conseguenze.

    Nnei giorni scorsi, gli americani hanno potuto ascoltare in tv la voce del killer di Lennon che in carcere spiegava il suo gesto: la rete NBC ha ottenuto ore e ore di registrazioni fatte da Chapman e ne ha presentata una sintesi. ''Niente avrebbe potuto fermarmi quella sera, mi sentivo come un treno lanciato in corsa che niente puo' bloccare'', ha raccontato l'assassino.

    L'eco dei colpi di pistola di Chapman tornera' a farsi sentire la sera dell'8 dicembre, quando il popolo di John e dei Beatles dara' vita all'ennesimo maxi-raduno a Strawberry Fields, il giardino all'interno di Central Park creato a due passi dal marciapiede dove Lennon fu assassinato. L'America e' gia' immersa nel clima da commemorazione, con il settimanale Newsweek che e' tornato a scandagliare le emozioni delle donne di John, Yoko Ono e l'ex moglie Cynthia.

    ''Questo e' ormai quasi un dramma shakespeariano'', ha detto Yoko, parlando dell'eredita' di Lennon e dei 25 anni di ricordi, incomprensioni e litigi che hanno seguito la sua morte.

    ''Ognuno di noi ha qualcosa per cui sentirsi totalmente infelice riguardo al modo in cui e' stato inserito in questo dramma. Ho un'enorme solidarieta' per tutti, veramente''. Compreso Paul McCartney, l'altra faccia dei Beatles, che con la Ono ha sempre avuto un rapporto burrascoso. ''La mia idea - ha detto la compagna del cantante scomparso - e' che probabilmente e' molto difficile essere Paul McCartney. C'e' un certo tipo di insicurezza che hanno le persone famose e lui ne ha piu' di altre persone, probabilmente perche' e' piu' famoso''.

    Newsweek e' andato ad analizzare le ferite che ancora sanguinano 25 anni dopo l'omicidio. E ne ha trovate molte. Tra queste, i ricordi di come Cynthia Lennon si senti' tagliata fuori dai funerali e il braccio di ferro a distanza con il quale due musicisti, Sean e Julian Lennon (i figli avuti da John uno con Yoko e l'altro con Cynthia), si battono l'uno contro l'altro ed entrambi contro il peso del cognome che portano. Il trentenne Sean e il quarantaduenne Julian non hanno piu' presentato un album da quando, sette anni fa, si trovarono a lanciare le loro opere prime lo stesso giorno, accusandosi a vicenda di aver cercato di rubare la scena. Entrambe le mamme hanno detto a Newsweek che i figli sono ''al lavoro'', ma non si sa quando produrranno di nuovo qualcosa.

    Come era avvenuto per il 10mo e il 20mo anniversario, anche la commemorazione del quarto di secolo dall'assassinio e' gia' diventata sui media americani l'occasione per tornare a ricostruire il film di quella sera di inizio dicembre a Manhattan. John e Yoko stavano tornando a casa, nel loro appartamento al Dakota Building, l'edificio in stile gotico sul West Side di Central Park dove la vedova vive ancora oggi.

    Lennon aveva compiuto 40 anni da un mese ed aveva appena finito di incidere il primo album in cinque anni. Tornando dallo studio di registrazione, Lennon scese dalla limousine e si avvio' verso l'ingresso del Dakota, impaziente di vedere il figlio Sean, 5 anni.

    Chapman, che nei nastri appena proposti dalla Nbc torna a raccontare la sua misteriosa infatuazione per 'Il giovane Holden' di J.D.Salinger e l'ispirazione che avrebbe trovato nel romanzo, si avvicino' al suo idolo, lo chiamo' per nome e gli sparo'. Lennon si trascino' annaspando sulla porta del palazzo, lasciandosi dietro una scia di sangue e mormorando: ''Mi hanno sparato''. Il portiere corse all'esterno, vide il killer gettare l'arma e gli grido': ''Lo sai cosa hai fatto? Hai appena sparato a John Lennon''.

    Mark Chapman lo sapeva benissimo, era in agguato da ore proprio per questo, per rispondere a una voce interiore - ha raccontato - che continuava a dirgli 'Fallo, fallo!'. La preparazione di quel gesto era stata lunga, nella sua mente malata. Un giorno, seduto a gambe incrociate sul tappeto di casa, Chapman prese l'album dei Beatles 'Sgt Pepper', apri' davanti a se' 'Il giovane Holden' e a quel punto qualcosa scatto' in lui: ''Ricordo di essermi detto: 'E se lo uccidessi?'. Ricordo di aver pensato che forse avrei trovato la mia identita' nell'uccisione di John Lennon''.

  John lennon.

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina