1.     Mi trovi su: Homepage #4234329
    Lunedì ad Appiano gentile

    parla il Mister Maqncini

    "Per noi era importante accorciare la classifica, ma avere otto o dieci punti di distacco dalla vetta della classifica non cambia nulla. Siamo comunque indietro e dobbiamo cercare di continuare a fare bene come oggi sperando che i bianconeri rallentino. È chiaro che, chi insegue, spera sempre che chi sta davanti in classifica rallenti un po'. Ma questa è la speranza di tutti, altrimenti diventa difficile recuperare per chiunque. Mancano tante gare alla fine, le cose possono cambiare anche se la Juventus sinora ha un punteggio record e ha tenuto una marcia incredibile. Noi siamo facendo bene, ma con la marcia della Juve sembra che stiamo andando piano. Ma le rimonte si possono fare: io ne ho subita una e ne ho fatta una...", queste le prime parole di Roberto Mancini dopo la vittoria dei nerazzurri contro la Reggina. "L'Inter è sempre stata questa - prosegue Mancini -, abbiamo dovuto fare a meno di J. Zanetti per tre mesi e di Stankovic per cinquanta giorni. Chi li ha sostituiti ha fatto bene, ma questi due giocatori per noi sono importanti e ne abbiamo dovuto fare a meno per tanto tempo. Se l'Inter gioca come oggi tutte le squadre sono abbordabili, ma questo non è sempre possibile e tutte le gare sono dure e difficili. Ora dobbiamo pensare solo all'Empoli che è la prossima gara che ci aspetta, vincere mercoledì è fondamentale". Una domanda sulla prestazione di Luis Figo : "Non è semplice neppure per un grande campione come lui cambiare Campionato e venire a giocare in Italia, anche per lui ci voleva un po' di tempo per inserirsi. Ora Luis, piano piano, inizia a capire che anche sui campi come questo di Reggio Calabria, bisogna essere bravi e veloci, altrimenti diventa più difficile. Poi un campione come lui, quando si adatta, può diventare molto importante". Una domanda sul calciomercato: all'Inter potrebbe servire un altro attaccante con Obafemi Martins che dovrà partire per giocare la Coppa d'Africa? "Vedremo quando Oba dovrà partire e quanto potrebbe stare via - risponde Mancini -. Ora lui sta bene, come tutti gli altri attaccanti. Vedremo se dovremo fare qualcosa, anche perché in quel periodo ci aspettano tante partite importanti. Ieri ho parlato di Antonio Cassano? Ho solo risposto a una domanda e ho detto che, secondo me, è un grande giocatore. Ma non credo di essere l'unico a pensarla in questo modo". Il tecnico nerazzurro ha dedicato la vittoria a Domenico, 38 anni, poliziotto di Reggio Calabria morto drammaticamente in settimana.


    È il turno di Obafemi Martins a commentare la netta vittoria nerazzzurra a Reggio Calabria: "Sono contento per il gol di oggi, ma sono felice soprattutto per la vittoria importante che abbiamo ottenuto". "La rete che ho segnato nel derby settimana scorsa mi ha aiutato a sbloccarmi - prosegue il nigeriano -, per me ha rappresentato una grossa spinta psicologica. Ora mi sento sempre meglio, sto ritrovando la forma migliore, infatti mi riescono cose che facevo fatica a fare qualche settimana fa". Martins, a gennaio, dovrà lasciare l'Inter per giocare la Coppa d'Africa: "Mi dispiace dover andare via, ma la Coppa d'Africa è un appountamento importante per me e per il mio paese, dal quale spero di tornare il più in forma possibile".

    Ivan Ramiro Cordoba racconta il suo gol a SKY: "Per fortuna ero lì vicino alla porta e un rimpallo mi ha fatto arrivare il pallone. Nello spogliatoio scherzavo con Cambiasso: probabilmente, se non ci fossi stato io su quell pallone, sarebbe arrivato lui che è sempre pronto a colpire su quelle palle vaganti in area di rigore". "Dobbiamo credere di poter recuperare sulla Juventus - prosegue il colombiano -, oggi abbiamo guadagnato due punti e per noi è stato importante. Se continuiamo a giocare come abbiamo fatto oggi, potremo recuperare altri punti. L'importante è che l'Inter ci creda sempre e lotti sempre dal primo minuto per vincere la gara. Pensiamo solo a noi stessi e a vincere il più possibile per cercare di raggiungere i bianconeri".

    "Oggi avevamo un'opportunità importante perché ieri sera la Juventus ha perso due punti. Abbiamo avuto l'approccio giusto alla gara, ma dobbiamo averlo in tutte le partite che affrontiamo", questo il commento a caldo di Juan Sebastian Veron premiato migliore in campo SKY dopo la vittoria contro la Reggina. "Oggi era una gara importante su un campo molto molto difficile - prosegue Veron -. Ma tutte le prossime partite che ci aspettano saranno difficili, a cominciare da quella di mercoledì contro l'Empoli. Dovremo giocare sempre con la stessa voglia e determinazione messa in campo questo pomeriggio". L'argentino, all'ingresso in campo di Pizarro, si è spostato sulla sinistra per far spazio in campo al cileno in posizione centrale: "David è un grandissimo giocatore, all'Inter è dura trovare spazio per tutti, ma io mi sacrifico volentieri per un mio compagno e perché la squadra faccia un ulteriore salto di qualità".Dopo l'Empoli ci sarà la pausa per le feste natalizie: "Un po' di riposo ci vuole perché fa bene, anche se è un peccato perché abbiamo trovato quella continuità che ci mancava a inizio stagione. Ma una grande squadra come la nostra non può pensare a queste cose".

  da Appiano gentile

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina