1.     Mi trovi su: Homepage #4266105
    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Sport/2006/01_Gennaio/21/perrone.shtml

    Ancora sospetti sulla finale di Champions '93 «Battemmo il Milan, ma eravamo dopati» Eydelie, mediano del Marsiglia: «Prendemmo farmaci, mi sentivo diverso» STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU' LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO

    Fabio Capello oggi allenatore della Juve . All'epoca era l'allenatore del Milan (Newpress)
    Raymond « la Science » spostava le tazze sul tavolo e spiegava con quale tattica, con quali movimenti dei giocatori aveva annientato l'invincibile Milan berlusconiano. All'hotel Bachmair sul Tegernsee, appena fuori Monaco di Baviera, che ospitava il Marsiglia, era quasi l'alba. Raymond Goethals, uno dei santoni del calcio mondiale (la scienza, appunto), si godeva il trionfo. Basile Boli, l'homme du match, imitava Aretha Franklin. Chissà che cosa starà pensando Goethals, ovunque sia, ora che un'altra ombra — non è la prima e non sarà l'ultima — offusca uno dei suoi capolavori strategici. Riposi in pace, perché questa partita pace non l'avrà mai. Olympique Marsiglia-Milan 1-0 (gol di Boli, 44' p.t.), finale di Coppa dei Campioni, 26 maggio 1993, Monaco di Baviera, Olympiastadion, diventerà, fatte le debite proporzioni, come uno dei grandi misteri tra cronaca e storia: l'affondamento del Titanic, l'assassinio di Kennedy, la famosa foto dei Beatles ad Abbey Road, il suicidio di Tenco. Un avvenimento a più voci, prospettive, sospetti.
    L'ultimo incrocio con la cronaca riguarda le confessioni di Jean-Jacques Eydelie, ex centrocampista dell'OM. Intervistato dall'Équipe magazine, Eydelie ha fatto alcune anticipazioni del libro che uscirà il primo marzo. Ecco quella, clamorosa, che riguarda Marsiglia-Milan. «In tutti i club in cui ho giocato, Bastia a parte, ho visto praticare il doping. La finale di Coppa dei Campioni del 1993 è stata, per quello che mi riguarda, l'unica occasione in cui ho accettato di farlo anch'io. Ci fu una seduta obbligatoria di iniezioni. Solo Rudi Voeller si rifiutò. Durante la partita mi sono sentito diverso, il mio fisico rispondeva in modo differente allo sforzo». Si racconta che Rudi Voeller li abbia «scoraggiati» in tre lingue.
    Il Milan ha subito incaricato l'avvocato Leandro Cantamessa di valutare gli aspetti legali della faccenda. Difficile immaginare a cosa porterà la «valutazione», attorno a quella partita e al caso Marsiglia c'è un groviglio. Tutto comincia il 20 maggio '93 a Valenciennes, dove la squadra di Bernard Tapie ipoteca (1-0, gol di Boksic) il quinto titolo francese consecutivo. Due giorni dopo, sabato 22, il gruppo sale a Notre Dame de la Garde, la Chiesa che domina (154 metri) e protegge Marsiglia, per chiedere la grazia di battere il Milan. Goethals giocava con i fanti e pure con i Santi. Però un fantaccino aveva rotto le file. Jacques Glassmann denuncia i compagni del Valenciennes. Gli daranno una medaglia, scriveranno un libro su di lui, ma finirà a correre dietro a un pallone all'isola della Reunion, in mezzo all'Oceano Indiano. Lui, almeno, parlò subito. Jean Pierre Papin ci mise due anni, prima di rivelare: «Due giocatori del Milan vendettero la Coppa. Il Marsiglia comprò la finale, io avvertii anche Berlusconi». Accuse precipitate in un'assenza di riscontri, ma ora Eydelie conferma: «Imbrogliare era diventata una seconda natura per il Marsiglia. Quasi tutti i giocatori, negli anni, hanno partecipato all'aggiustamento di partite». Soldi ma anche donne. Marie-Christine Robert, moglie di uno dei corrotti, ricevette da Eydelie una busta con i 250 mila franchi nel parcheggio di un hotel. Christine Eydelie, invece, testimoniò che il marito li aveva ricevuti dal direttore sportivo del Marsiglia, Pierre Vernès, poi finito in carcere. Vi transitò anche Bernard Tapie, l'anti-Berlusconi. Socialista, decisionista, da qualche mese, in Francia, è al centro di un caso di revisionismo: secondo una corrente di pensiero, fu un complotto a perderlo. Di pressioni su Eydelie — in cambio di sconti di pena — si parlò anche allora. Nel frattempo Tapie si è riciclato come attore, con un certo successo. Anche se la sua parte migliore è stata in questo film. Marsiglia-Milan, il mistero senza fine.
    Roberto Perrone
    21 gennaio 2006


    sarà fatta giustizia? come si regola la giustizia sportiva in questi casi?
    [SIZE=1,8]"Mentre legge i resoconti dei problemi che s’agitano all’estero, se è un buon cittadino conservatore, con un linguaggio indo-europeo, ringrazierà una divinità ebraica di averlo fatto al cento per cento americano." (Studio dell'uomo, Ralph L
  2.     Mi trovi su: Homepage #4266107
    Originally posted by Giovanni1982
    Non mi sembra che quando si è scoperto che in Italia i controlli antidoping non venivano fatti qualcuno abbia chiesto i trofei indietro.:cool:


    non è proprio la stessa cosa. cmq dubito anche ioche si possa tornare in dietro. anche perchè sarebbe la parola sua contro quella degli altri eventualmente.
    [SIZE=1,8]"Mentre legge i resoconti dei problemi che s’agitano all’estero, se è un buon cittadino conservatore, con un linguaggio indo-europeo, ringrazierà una divinità ebraica di averlo fatto al cento per cento americano." (Studio dell'uomo, Ralph L
  3.     Mi trovi su: Homepage #4266108
    Originally posted by Canemacchina
    non è proprio la stessa cosa. cmq dubito anche ioche si possa tornare in dietro. anche perchè sarebbe la parola sua contro quella degli altri eventualmente.


    Perchè no? Il doping dei giocatori del Marsiglia è da provare, come hai appena detto, gli INESISTENTI controlli del centro antidoping sono una cosa provata.:cool:
    Fai tu.:cool:
  4.     Mi trovi su: Homepage #4266111
    Originally posted by massituo
    vi immedesimate vero?:cool: :asd: :asd:
    gli si svuoterebbe la bacheca:asd: :asd:
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te
  5.     Mi trovi su: Homepage #4266116
    Originally posted by Giovanni1982
    Bla bla bla...:cool:
    Si sente solo quello che ci fa comodo.:cool:
    si dice anche quello che ci fa comodo è il mondo moderno :cool:
    solo due cose sono infinite l'universo e la stupidita' delle persone
    A. Einstein


    [SIZE=1][I]Il mago fece un gesto e scomparve la fame, fece un altro gesto e scomparve l'ingiustizia, poi un altro ancora e te
  6. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4266118
    Originally posted by Giovanni1982
    Bla bla bla...:cool:
    Si sente solo quello che ci fa comodo.:cool:


    E' una dichiarazione dei magistrati durante il processo alla giuve per doping??? :rolleyes: :asd: :asd: :asd:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.

  «Battemmo il Milan, ma eravamo dopati»

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina