1. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4309966
    Verso la Grande Guerra

    Gli anni trenta iniziano con un Vicenza più sicuro dei propri mezzi e con un equilibrio societario stabile, con la squadra impegnata nel campionato di Prima Divisione, l'attuale serie C1.
    E' il Vicenza di Spinato, dei fratelli Griggio, di Dal Maschio, tutti giocatori d'ottimo livello, infatti, al terzo assalto ci sarà la promozione in serie B (1932-33), raggiunta dopo aver dominato il campionato come testimoniano i cinque punti di vantaggio sulla seconda classificata.
    Il Vicenza in serie B, già allora campionato ostico, ha vita dura nei primi due anni di partecipazione. Nel 1935 la Federazione riforma i campionati prevedendo di portare in due anni la serie A a girone unico di 16 squadre, la B anch'essa a girone unico di 18 o 20 squadre e la serie C divisa in tre gironi di 14 squadre ciascuno. I biancorossi ne beneficiano evitando così il rischio serie C.
    Il Vicenza disputa così, per il secondo anno consecutivo, il campionato di serie B, ma pur piazzandosi meglio dell'anno precedente la discesa in serie C è inevitabile.
    La stagione 1935-36 è importante poiché il Vicenza cambia nuovamente impianto sportivo, con spogliatoi e tribune in muratura, sorto in riva al Bacchiglione più o meno dove sorgeva il vecchio campo usato fino al 1915 (impianto che con i dovuti "aggiornamenti" è tuttora utilizzabile).
    L'inaugurazione del nuovo campo di gioco avviene in pompa magna l'otto settembre 1935 e la partita vede opposte il Vicenza e la compagine ungherese dello Saroksar. In quel match esordisce un altro Menti, forse il più famoso, Romeo, destinato ad una radiosa carriera nel Vicenza e Fiorentina prima e nel Grande Torino poi stroncata dalla tragedia di Superga, e proprio a lui lo stadio sarà poi dedicato.
    Il Vicenza disputa complessivamente cinque campionati in Serie C sempre da protagonista fino alla stagione 1939-40 quando vince il suo girone con otto punti di vantaggio sulla seconda, e dominando il girone di finale contro Macerata, Varese e Mater Roma.
    La squadra è sicuramente ben impostata se bastano due soli campionati di serie B per spiccare il volo e passare alla serie maggiore rinverdendo i fasti dei primi anni di attività.
    Questo Vicenza è composto di ottimi giocatori tra i quali spiccano Santagiuliana, Marchetti, Quaresima e Camolese, destinati a lasciare un'indelebile impronta nel calcio vicentino per molti anni. Il primo campionato tra le grandi si conclude con un dignitoso 12° posto con la salvezza conquistata all'ultima giornata grazie ad un memorabile 6-2 rifilato alla Juventus a Torino.
    Purtroppo la tragedia bellica incombe e anche per gli atleti biancorossi giunge il richiamo alle armi con il consueto triste contributo di vite.
    L'attività sportiva prosegue a singhiozzo ed a livello locale. Il Vicenza si trova a disputare uno strano campionato Veneto a carattere strettamente provinciale di sole otto squadre, con partite giocate tra il 9 gennaio e il 2 aprile 1944.
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.

  Verso la Grande Guerra (1930-1945)

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina