1.     Mi trovi su: Homepage #4320306
    Bruciati 700.000 euro all'ippodromo

    Non solo campioni d'incassi per quello che guadagnano, ma anche campioni di sperperi. 700.000 euro, in totale, la cifra spesa dai calciatori del Chelsea, nel giorno di riposo, all'ippodromo, per il Cheltenham festival a cui si è recata quasi tutta la squadra londinese. I "blues" capitanati da John Terry hanno approfittato per scommettere pesantemente sui cavalli, con un giocatore che, da solo, ha speso 150.000 euro.

    Squadra dei record dentro il campo, squadra dei record fuori da Stamford Bridge e non perchè ci siano in ballo punti in trasferta ma poichè i "blues" sanno essere unici anche nelle attività extra calcistiche. E se da una parte possono considerarsi campioni di incassi per i lauti ingaggi generosamente concessi dal signor Roman Abramovich, allo stesso modo possono essere considerati campioni di sperperi. Infatti, gli uomini di Mourinho, complice il giorno di riposo concesso loro dal tecnico portoghese, capitanati, come di solito avviene solo sul campo, da John Terry si sono recati all'ippodromo di Celtenham dove hanno speso 700.000 euro in scommesse sui cavalli. Tra i più accaniti scommettitori colpiti da palese "febbre da cavallo" c'erano Frank Lampard, Joe Cole, Glen Johnson, Robert Huth, Arjen Robben, Damien Duff, Paulo Ferreira, Carlo Cudicini, Nuno Maniche e Asier Del Horno. Tra questi, secondo quanto raccontato al "Mirror" da un inserviente dell'ippodromo, ce n'è stato uno che avrebbe scommesso circa 150.000 euro pari ad una settimana di stipendio di un "top player" del Chelsea.

    "Sono andati in fumo molti soldi - ha raccontato un amico dei "blues" - Alcuni di loro hanno perso molto, altri si sono goduti semplicemente la giornata alle corse dal box privato che avevano affittato per l'occasione". Poi ha aggiunto: "Alcuni si sono giocati la camicia e la maggior parte delle scommesse è stata fatta per via telefonica". Dunque, con un campionato ormai praticamente vinto e con la Champions sfumata i calciatori del Chelsea hanno deciso di "darsi all'ippica", eseguendo alla lettera un invito rivoltogli plausibilmente dai tanti tifosi avversari, generando così un paradosso calcistico per dei campioni come loro.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4320307
    Originally posted by Pezzotto
    Bruciati 700.000 euro all'ippodromo

    Non solo campioni d'incassi per quello che guadagnano, ma anche campioni di sperperi. 700.000 euro, in totale, la cifra spesa dai calciatori del Chelsea, nel giorno di riposo, all'ippodromo, per il Cheltenham festival a cui si è recata quasi tutta la squadra londinese. I "blues" capitanati da John Terry hanno approfittato per scommettere pesantemente sui cavalli, con un giocatore che, da solo, ha speso 150.000 euro.

    Squadra dei record dentro il campo, squadra dei record fuori da Stamford Bridge e non perchè ci siano in ballo punti in trasferta ma poichè i "blues" sanno essere unici anche nelle attività extra calcistiche. E se da una parte possono considerarsi campioni di incassi per i lauti ingaggi generosamente concessi dal signor Roman Abramovich, allo stesso modo possono essere considerati campioni di sperperi. Infatti, gli uomini di Mourinho, complice il giorno di riposo concesso loro dal tecnico portoghese, capitanati, come di solito avviene solo sul campo, da John Terry si sono recati all'ippodromo di Celtenham dove hanno speso 700.000 euro in scommesse sui cavalli. Tra i più accaniti scommettitori colpiti da palese "febbre da cavallo" c'erano Frank Lampard, Joe Cole, Glen Johnson, Robert Huth, Arjen Robben, Damien Duff, Paulo Ferreira, Carlo Cudicini, Nuno Maniche e Asier Del Horno. Tra questi, secondo quanto raccontato al "Mirror" da un inserviente dell'ippodromo, ce n'è stato uno che avrebbe scommesso circa 150.000 euro pari ad una settimana di stipendio di un "top player" del Chelsea.

    "Sono andati in fumo molti soldi - ha raccontato un amico dei "blues" - Alcuni di loro hanno perso molto, altri si sono goduti semplicemente la giornata alle corse dal box privato che avevano affittato per l'occasione". Poi ha aggiunto: "Alcuni si sono giocati la camicia e la maggior parte delle scommesse è stata fatta per via telefonica". Dunque, con un campionato ormai praticamente vinto e con la Champions sfumata i calciatori del Chelsea hanno deciso di "darsi all'ippica", eseguendo alla lettera un invito rivoltogli plausibilmente dai tanti tifosi avversari, generando così un paradosso calcistico per dei campioni come loro.


    E' proprio vero che quando hai i soldi non sai come spenderli e li butti :mad:
    DALL'ULTIMA VOLTA IL CALCIO E' CAMBIATO , MA ESSER ULTRAS E' ANCORA REATO.

    Memento Audere Semper

  Chelsea, "febbre" da cavalli

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina