1.     Mi trovi su: Homepage #4323178
    Maradona-Vryzas, nessuno come De Rossi

    Dopo la confessione di De Rossi, che ha ammesso di aver segnato con la mano aiutando l'arbitro che aveva già convalidato la rete, tornano alla memoria importanti precedenti nei quali, diversamente dal giallorosso, i calciatori non sono stati altrettanto onesti. A partire da Maradona e dalla sua celebre "mano di Dio", fino a Guglielminpietro e Vryzas, passando per la Bundesliga e al ricorso alla squalifica tramite prova tv.

    Quando la mano è truffaldina o meglio, quando alla furbizia della trance agonistica, non si accompagna un gesto di lealtà sportiva. L'onestà di Daniele De Rossi, che ha confessato all'arbitro di aver segnato con la mano aiutandolo così a decidere di annullare il gol prima convalidato, a memoria d'uomo è il primo caso di confessione spontanea nel nostro campionato. Certo in passato ci sono stati casi analoghi, a cominciare dal leccese Giacomazzi che dopo l'assegnazione di un rigore ammise di non esser stato toccato facendo tornare l'arbitro sulla sua decisione. Ma che un giocatore faccia annulare una propria rete per un fallo di mani, non è cosa da tutti i giorni.
    Al contrario, gesti furbi e sleali se ne ricordano diversi, a cominciare dalla celebre "mano di Dio", con la quale Diego Armando Maradona stese l'Inghilterra a Messico '86 scatenando le ire degli inglesi. A distanza di tanti anni, solo le moviole hanno svelato quel tocco che lo stesso Maradona ha sì ammesso pubblicamente ma ha anche giustificato, senza dare sfoggio di particolare lealtà sportiva.

    Come dimenticare però Zizi Vryzas? Era il 19 gennaio 2003 e in un Perugia-Inter, conclusosi 4-1 per gli umbri, il greco mise a segno la rete del 2-0 con un colpo di mano da calcio d'angolo. I nerazzurri protestarono vivacemente ma l'arbitro, all'epoca Bertini, non si accorse di nulla e il calciatore se ne guardò bene dal confessare. Stesso campionato, squadre diverse. L'argentino Guly, in un Bologna-Udinese vinto per 2-0 dai felsinei del 21 settembre, segnò con la mano l'1-0 su tiro di Signori: Tombolini non vide nulla e l'argentino zitto zitto ad esultare. Andando un po' più indietro, anche Del Piero si è macchiato di un episodio analogo, anche se un po' diverso: il 28 settembre 2002, in un Juve-Parma, il capitano al 96' segnò il definitivo 2-2 dopo aver stoppato la palla di mano. Cassarà non si accorse di nulla come del resto, per par condicio, di nulla lo scorso 12 febbraio si accorse ancora una volta Tombolini quando, in Reggina-Milan, non segnalò l'evidente tocco di mani di Inzaghi nel rimpallo con Pelizzoli che portò all'1-1 dei rossoneri.
    Ma attraversando le Alpi, l'episodio più clamoroso per le conseguenze che derivarono, fu quello accaduto in Bundesliga. Era il 18 ottobre 2004 e il nazionale Oliver Neuville in un Borussia Moenchengladbach-Kaiserslautern segnò di mano l'1-0 per il Borussia scatenando le proteste ospiti. Nesuno si accorse di nulla, tranne la tv. Perchè in Germania si applica la prova tv in casi analoghi e Neuville venne squalificato per due giornate. Un gesto di slealtà giustamente punito, quando invece sarebbe bastata una piccola confessione, come De Rossi insegna.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4323179
    Originally posted by Pezzotto
    Andando un po' più indietro, anche Del Piero si è macchiato di un episodio analogo, anche se un po' diverso: il 28 settembre 2002, in un Juve-Parma, il capitano al 96' segnò il definitivo 2-2 dopo aver stoppato la palla di mano. Cassarà non si accorse di nulla
    non si accorse di nulla:rotfl: :rotfl:
    NON VE SIETE REGOLATI.....TOGLIETE IL BANNED A DON CAPOCCIONE.

    ..."non appartengo a questa schiera, morirò pecora nera"...

  3. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4323180
    Originally posted by Pezzotto
    Come dimenticare però Zizi Vryzas? Era il 19 gennaio 2003 e in un Perugia-Inter, conclusosi 4-1 per gli umbri, il greco mise a segno la rete del 2-0 con un colpo di mano da calcio d'angolo. I nerazzurri protestarono vivacemente ma l'arbitro, all'epoca Bertino, non si accorse di nulla e il calciatore se ne guardò bene dal confessare. Stesso campionato, squadre diverse.


    Massi.....:rolleyes: :rolleyes: :rolleyes: :rolleyes: :rolleyes:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.

  Gol di mano, precedenti scorretti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina