1.     Mi trovi su: Homepage #4326096
    Vi invito a leggere questa intervista a Borsellino che parla di di un'inchiesta aperta a Palermo su Berlusconi, Dell'Utri, Mangano fin dal 1992, inchiesta della quale, oggi, non si sa piu' nulla.

    Ed è questo uno dei motivi per cui Berlusconi odia così tanto la magistratura, anche difronte ad un grande personaggio che ha dato tutto, persino la vita per la giustizia....


    http://digilander.libero.it/kefas10/dossier/Borsellino.pdf (è un PDF)

    :rolleyes:
  2.     Mi trovi su: Homepage #4326097
    Originally posted by Vittore
    Vi invito a leggere questa intervista a Borsellino che parla di di un'inchiesta aperta a Palermo su Berlusconi, Dell'Utri, Mangano fin dal 1992, inchiesta della quale, oggi, non si sa piu' nulla.

    Ed è questo uno dei motivi per cui Berlusconi odia così tanto la magistratura, anche difronte ad un grande personaggio che ha dato tutto, persino la vita per la giustizia....


    http://digilander.libero.it/kefas10/dossier/Borsellino.pdf (è un PDF)

    :rolleyes:


    Scusa perchè dici che oggi, non si sà più nulla?
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  3.     Mi trovi su: Homepage #4326099
    Originally posted by Vittore
    ho riportato ciò che c'è scritto sul documento :cool:


    Cmq secondo me se ne parla ancora, violante ne parla ancora.

    Violante, Veltroni e le "vicinanze" siciliane

    "C'era un giro di mafia vicino al premier… non so se c'e' ancora". Il ritorno di Luciano Violante alle accuse degli anni novanta contro Silvio Berlusconi, in perfetta sintonia con Marco Travaglio, solleva le proteste della Cdl ma, al contempo, allarma la Margherita siciliana. I vertici del partito di Francesco Rutelli, rappresentati dall'ex ministro delle Telecomunicazioni Salvatore Cardinale, come anche alcuni settori non giustizialisti della Quercia siciliana, che fanno capo a Vladimiro Crisafulli, in lista alle politiche fra i "papabili", temono che, come avvenne nel 2001, il presidente dei parlamentari diessini - in lista in Sicilia - faccia perdere voti. Continuare ad accusare il premier e FI di "vicinanza" a Cosa nostra, secondo loro, mette in difficolta' l'intero schieramento di sinistra soprattutto perche' riporta alla luce il fatto che negli ultimi dieci anni sono state decine i diessini, le cooperative rosse e le imprese vicino alla Quercia al centro di inchieste giudiziarie delle procure siciliane.

    Quanto poi alla accusa di "vicinanza", in Sicilia ricordano che perfino Violante e l'allora vicepresidente del Consiglio, Walter Veltroni, sono incorsi in qualche gaffe clamorosa che avrebbe per questo richiesto una maggiore cautela nell'accusare il presidente del Consiglio. E cosi' si ricordano almeno due episodi: quello relativo ai fratelli Potestio che nelle Madonie si schierarono nel '96 a favore di Violante e quello dei fratelli Cavallotti immortalati in alcune foto con Veltroni. Nelle Madonie il costruttore Stefano Potestio - definito dal procuratore della Repubblica di Palermo Pietro Grasso un "mafio-imprenditore" e il cui processo per concorso esterno in associazione mafiosa e' in corso presso la terza sezione penale del tribunale di Palermo - e' stato per anni imprenditore di riferimento di quasi tutte le amministrazioni, che nella zona sono per buona parte di sinistra; nonche' il punto di snodo, secondo la procura, dei rapporti tra mafia, politici e imprese, molte delle quali a struttura cooperativa. Gli enti pubblici appaltanti ripartivano equamente gli affari: una spartizione a cui partecipavano alcune famiglie di Cosa nostra o imprese a esse collegate. Un sistema operativo fin dai tempi in cui imperversava Angelo Siino e che e' andato avanti, secondo gli inquirenti, fino ai giorni nostri.

    Potestio era diventato un punto di riferimento nelle Madonie, dove si candido' nel '96 Luciano Violante. Violante fu sconfitto dall'azzurro Gianfranco Micciche', ma soltanto per una manciata di voti nonostante Potestio si fosse impegnato a fondo organizzando grandi raduni a Petralia Soprana, a Petralia Sottana, a Polizzi Generosa, grossi centri del collegio elettorale. A fianco dell'imprenditore, si fece notare uno dei suoi piu' stretti collaboratori, l'ingegnere Giuseppe Cappuzzo (progettista di moltissime opere pubbliche nei comuni delle Madonie), poi arrestato per associazione mafiosa, morto qualche anno fa.

    Quanto a Veltroni, si ricorda che nel '97 a Piana degli Albanesi, vicino a Palermo, inauguro' l'impianto di metanizzazione, realizzato dall'impresa Comest dei fratelli Cavallotti con i quali fu immortalato nelle foto di rito. Poche settimane dopo la cerimonia, questi ultimi furono arrestati perche' accusati di essere i prestanome del capo di cosa Nostra Bernardo Provenzano. Al processo d'Appello furono condannati per concorso esterno, ma la Cassazione ha ordinato un nuovo processo. Storie passate, anche se ancora tutte da definire processualmente, che insieme a tantissime altre relative alle inchieste giudiziarie sulle coop potrebbero ritornare a galla dopo le accuse di oggi di Violante e che farebbero perdere voti in particolare alla sinistra, o almeno questo temono i non giustizialisti della Margherita che tentano di tenere i toni della campagna elettorale nell'Isola quanto piu' bassi.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  4.     Mi trovi su: Homepage #4326100
    Originally posted by npj
    Cmq secondo me se ne parla ancora, violante ne parla ancora.

    [B]Violante, Veltroni e le "vicinanze" siciliane


    "C'era un giro di mafia vicino al premier… non so se c'e' ancora". Il ritorno di Luciano Violante alle accuse degli anni novanta contro Silvio Berlusconi, in perfetta sintonia con Marco Travaglio, solleva le proteste della Cdl ma, al contempo, allarma la Margherita siciliana. I vertici del partito di Francesco Rutelli, rappresentati dall'ex ministro delle Telecomunicazioni Salvatore Cardinale, come anche alcuni settori non giustizialisti della Quercia siciliana, che fanno capo a Vladimiro Crisafulli, in lista alle politiche fra i "papabili", temono che, come avvenne nel 2001, il presidente dei parlamentari diessini - in lista in Sicilia - faccia perdere voti. Continuare ad accusare il premier e FI di "vicinanza" a Cosa nostra, secondo loro, mette in difficolta' l'intero schieramento di sinistra soprattutto perche' riporta alla luce il fatto che negli ultimi dieci anni sono state decine i diessini, le cooperative rosse e le imprese vicino alla Quercia al centro di inchieste giudiziarie delle procure siciliane.

    Quanto poi alla accusa di "vicinanza", in Sicilia ricordano che perfino Violante e l'allora vicepresidente del Consiglio, Walter Veltroni, sono incorsi in qualche gaffe clamorosa che avrebbe per questo richiesto una maggiore cautela nell'accusare il presidente del Consiglio. E cosi' si ricordano almeno due episodi: quello relativo ai fratelli Potestio che nelle Madonie si schierarono nel '96 a favore di Violante e quello dei fratelli Cavallotti immortalati in alcune foto con Veltroni. Nelle Madonie il costruttore Stefano Potestio - definito dal procuratore della Repubblica di Palermo Pietro Grasso un "mafio-imprenditore" e il cui processo per concorso esterno in associazione mafiosa e' in corso presso la terza sezione penale del tribunale di Palermo - e' stato per anni imprenditore di riferimento di quasi tutte le amministrazioni, che nella zona sono per buona parte di sinistra; nonche' il punto di snodo, secondo la procura, dei rapporti tra mafia, politici e imprese, molte delle quali a struttura cooperativa. Gli enti pubblici appaltanti ripartivano equamente gli affari: una spartizione a cui partecipavano alcune famiglie di Cosa nostra o imprese a esse collegate. Un sistema operativo fin dai tempi in cui imperversava Angelo Siino e che e' andato avanti, secondo gli inquirenti, fino ai giorni nostri.

    Potestio era diventato un punto di riferimento nelle Madonie, dove si candido' nel '96 Luciano Violante. Violante fu sconfitto dall'azzurro Gianfranco Micciche', ma soltanto per una manciata di voti nonostante Potestio si fosse impegnato a fondo organizzando grandi raduni a Petralia Soprana, a Petralia Sottana, a Polizzi Generosa, grossi centri del collegio elettorale. A fianco dell'imprenditore, si fece notare uno dei suoi piu' stretti collaboratori, l'ingegnere Giuseppe Cappuzzo (progettista di moltissime opere pubbliche nei comuni delle Madonie), poi arrestato per associazione mafiosa, morto qualche anno fa.

    Quanto a Veltroni, si ricorda che nel '97 a Piana degli Albanesi, vicino a Palermo, inauguro' l'impianto di metanizzazione, realizzato dall'impresa Comest dei fratelli Cavallotti con i quali fu immortalato nelle foto di rito. Poche settimane dopo la cerimonia, questi ultimi furono arrestati perche' accusati di essere i prestanome del capo di cosa Nostra Bernardo Provenzano. Al processo d'Appello furono condannati per concorso esterno, ma la Cassazione ha ordinato un nuovo processo. Storie passate, anche se ancora tutte da definire processualmente, che insieme a tantissime altre relative alle inchieste giudiziarie sulle coop potrebbero ritornare a galla dopo le accuse di oggi di Violante e che farebbero perdere voti in particolare alla sinistra, o almeno questo temono i non giustizialisti della Margherita che tentano di tenere i toni della campagna elettorale nell'Isola quanto piu' bassi. [/B]



    credo che si riferisse al fatto che non vi è una conclusione della vicenda....magari l'inchiesta è ancora aperta e probabilmente mai si chiuderà.

    Comunque non dimentichiamoci che stiamo parlando dell'attuale presidente del consiglio, e del candidato premier nelle prossime elezioni.....:eek:


    :cool:
  5.     Mi trovi su: Homepage #4326101
    Originally posted by Vittore
    Vi invito a leggere questa intervista a Borsellino che parla di di un'inchiesta aperta a Palermo su Berlusconi, Dell'Utri, Mangano fin dal 1992, inchiesta della quale, oggi, non si sa piu' nulla.

    Ed è questo uno dei motivi per cui Berlusconi odia così tanto la magistratura, anche difronte ad un grande personaggio che ha dato tutto, persino la vita per la giustizia....


    http://digilander.libero.it/kefas10/dossier/Borsellino.pdf (è un PDF)

    :rolleyes:


    questa mi mancava :thepimp:
  6.     Mi trovi su: Homepage #4326104
    Originally posted by Vittore
    credo che si riferisse al fatto che non vi è una conclusione della vicenda....magari l'inchiesta è ancora aperta e probabilmente mai si chiuderà.

    Comunque non dimentichiamoci che stiamo parlando dell'attuale presidente del consiglio, e del candidato premier nelle prossime elezioni.....:eek:


    :cool:


    Di vicende a cui non si è arrivata ad una conclusione e che riguarda l'aspirante premier, ce ne è un'altra, chiedo il permesso a Zan di postarla in un altro 3d, magari richiamo uno vecchio.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  7.     Mi trovi su: Homepage #4326105
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    questa mi mancava :thepimp:


    Su emule ci trovi il filmato. :cool:
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  8.     Mi trovi su: Homepage #4326107
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    Come vuoi, sei liberissimo di fare, non ti ho mai proibito nulla io ;)


    No magari inglobi unisci ecc...
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-
  9.     Mi trovi su: Homepage #4326109
    Originally posted by Zanetti_Capitano
    vabbeh, è successo una volta, e ho anche sbagliato. Se puoi cerca di richiamare un altro 3ad, altrimenti creane uno di nuovo :)


    Non te ne facevo una colpa.
    ...è la natura dell'uomo che spinge a odiare chi sta bene quando è lui a star male...

    [img]http://gif-animate.per-il-mio-sito.com/bandiere_italiane/bandiera-

  Intervista a Borsellino

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina