1.     Mi trovi su: Homepage #4327373
    "Non credo che Adriano si risparmi"

    Dopo Capello e Ancelotti accostati alla panchina del Real Madrid, è toccato, questa volta a Roberto Mancini rispondere in merito ad un contatto con la società merengue: "Io contattato dal Real? No - ha sorriso - Anzi, forse una volta...quando ero ragazzino". In seguito ha parlato di Adriano: "Non credo che si risparmi". Sul conflitto tra G14 e Uefa: "Bisogna trovare una via di mezzo. L'indennizzo? Non mi riguarda".

    Prima Fabio Capello, poi Carlo Ancelotti accostati alla panchina del Real Madrid, la domanda, dunque, nasce spontanea: Roberto Mancini è stato mai contattato dalle merengue? La risposta è: "No, mai, anzi si una volta... - tra lo stupore generale - Ma da ragazzino", il tecnico nerazzurro scherza in attesa della gara di sabato pomeriggio contro il Parma. Dunque, pericolo scongiurato, il "Mancio" non andrà a cercarsi grattacapi di sorta, sulla panchina, al momento, più bollente d'Europa, ma penserà esclusivamente ai suoi di grattacapi, in particoalar modo penserà a come riuscire ad agguantare il secondo posto, valido per l'accesso diretto alla Champions: "La gara contro il Parma è molto importante per il secondo posto", ha dichiarato.

    Ma l'attenzione si sposta sul tormentone che ha accompagnato per tutto l'anno la stagione nerazzurra: Adriano e il problema del gol. Il tecnico ha risposto, indirettamente, a Parreira, secondo cui il brasiliano si starebbe risparmiando per il Mondiale: "Non credo che i calciatori si risparmino. Fino a prova contraria sono pagati dai club e non dalle nazionali. Ed inoltre un calciatore che si risparmia rischia di arrivare in Germania non in perfette condizioni, e sinceramente non ho mai visto un giocatore che non dà il massimo".

    Inoltre, Mancio ha anche avuto modo di entrare nella querelle tra Uefa e G-14: "Come in tutte le cose bisognerebbe trovare una via di mezzo. Dare la possibilità ai calciatori di scegliere a volte, senza obbligarli ad andare sempre in nazionale. Alcuni non ce la fanno a sostenere certi ritmi, perciò s'infortunano. L'indennizzo richiesto dai club? Non è un problema che mi riguarda". I pensieri del tecnico sono rivolti altrove, ad iniziare dal Parma.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4327377
    Originally posted by Pezzotto
    Inoltre, Mancio ha anche avuto modo di entrare nella querelle tra Uefa e G-14: "Come in tutte le cose bisognerebbe trovare una via di mezzo. Dare la possibilità ai calciatori di scegliere a volte, senza obbligarli ad andare sempre in nazionale. Alcuni non ce la fanno a sostenere certi ritmi, perciò s'infortunano.
    Gia' le convocazioni in nazionale sono poche, poi facciamo pure in modo che uno puo' rifiutare......ma che scherziamo? Il problema non e' certo la nazionale, ma un campionato a 20 squadre.
  3.     Mi trovi su: Homepage #4327378
    Ex ct azzurro critico sulla proposta di Mancini

    ROMA, 24 MAR - 'Dare la possibilita' a un giocatore di rifiutare la convocazione in nazionale e' pericoloso'. Cosi' l'ex ct azzurro Azeglio Vicini. L'allenatore considera sbagliata la strada indicata dal tecnico dell'Inter, Mancini, per cambiare la regola sulle convocazioni dei giocatori. 'Vestire la maglia della nazionale e' un grande onore e un ritorno economico per i calciatori che ne fanno parte - continua l'ex ct dell'Italia -. Rispetto le opinioni personali, ma mi sembra una strada pericolosa'.

  Mancini: "Real? Si...ma da ragazzo"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina