1.     Mi trovi su: Homepage #4327828
    Milano, 25 marzo - Ottavio Bianchi, ex allenatore di Napoli e Inter ha fornito la sua versione sul doping: `E` opportuno parlarne`. L`ex giocatore e poi allenatore e` intervenuto ai microfoni dell`emittente romana RadioIncontro provando a far luce sullo scottante problema doping che sta tenendo banco nel mondo del calcio, ormai da tempo: `Dopo le dichiarazioni di Fabio Capello relative al doping, io e i miei coetanei dobbiamo essere allarmati. Ai miei tempi non esisteva la figura del medico sportivo, il medico di una squadra poteva essere un dentista, o anche un ginecologo`.

    Il tecnico lombardo ha poi aggiunto cercando di trovare una soluzione: `Non c’era dolo nell’assimilare alcuna sostanza, anche perche` il giocatore non aveva la cultura necessaria per capire cosa gli veniva somministrato. A Napoli, per esempio, nello spogliatoio, c’era un tavolo con sopra delle medicine sparse che i giocatori assumevano. Solo i piu` giovani e i piu` coscienziosi non le prendevano, a meno che non avessero subito un infortunio. E in quel periodo l’assunzione di alcuni medicinali, purtroppo, era consentita. Per sensibilizzare l’ambiente e` opportuno parlarne, anche tra gli addetti ai lavori`. Bianchi ha poi riferito di un episodio personale: `Io, per esempio, ho avuto molti infortuni e dopo uno di questi il medico sociale mi diede un antinfiammatorio, che in seguito mi creo` molti problemi fisici. Tempo dopo il mio medico mi disse: ‘Di antinfiammatori si muore, di mal di schiena no`.
  2.     Mi trovi su: Homepage #4327829
    Originally posted by Pezzotto
    Milano, 25 marzo - Ottavio Bianchi, ex allenatore di Napoli e Inter ha fornito la sua versione sul doping: `E` opportuno parlarne`. L`ex giocatore e poi allenatore e` intervenuto ai microfoni dell`emittente romana RadioIncontro provando a far luce sullo scottante problema doping che sta tenendo banco nel mondo del calcio, ormai da tempo: `Dopo le dichiarazioni di Fabio Capello relative al doping, io e i miei coetanei dobbiamo essere allarmati. Ai miei tempi non esisteva la figura del medico sportivo, il medico di una squadra poteva essere un dentista, o anche un ginecologo`.

    Il tecnico lombardo ha poi aggiunto cercando di trovare una soluzione: `Non c’era dolo nell’assimilare alcuna sostanza, anche perche` il giocatore non aveva la cultura necessaria per capire cosa gli veniva somministrato. A Napoli, per esempio, nello spogliatoio, c’era un tavolo con sopra delle medicine sparse che i giocatori assumevano. Solo i piu` giovani e i piu` coscienziosi non le prendevano, a meno che non avessero subito un infortunio. E in quel periodo l’assunzione di alcuni medicinali, purtroppo, era consentita. Per sensibilizzare l’ambiente e` opportuno parlarne, anche tra gli addetti ai lavori`. Bianchi ha poi riferito di un episodio personale: `Io, per esempio, ho avuto molti infortuni e dopo uno di questi il medico sociale mi diede un antinfiammatorio, che in seguito mi creo` molti problemi fisici. Tempo dopo il mio medico mi disse: ‘Di antinfiammatori si muore, di mal di schiena no`.


    effinalmente si comincia a scoperchiare tutto
    come già scritto altre volte
    nessuno verrà indagato o condannato per questo, perchè allora non era riconosciuto doping, ma solo una personcina poco obiettiva può dire che questi non intendevano doparsi, cioè migliorare le loro prestazioni con quelle robe, E QUESTO SOPRATTUTTO PERCHè QUELLE STESSE SOSTANZE NON DICHIARATE DOPANTI ALLORA, ORA LO SONO
    ... ergo si dopavano, nessuno li condannerà ma chi si è aiutato in quel modo ha imbrogliato
    semplicemente quello che ha detto Zeman, un medicinale serve per curare, chi lo usa per altro si stà domando, se non sarà un giudizio della legge almeno deve essere un giudizio morale.

  Farmaci: Ottavio Bianchi allarmato

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina