1. In questo momento stai...  
        Mi trovi su: Homepage #4337480
    LA BANDA. Lui, la compagna e l'amico. Per adesso
    sono tre le persone accusate del sequestro
    Alessi aveva ucciso e diceva 'liberatelo'
    Raimondi è crollato per primo
    dal nostro inviato LUIGI SPEZIA


    L'arrivo di Mario Alessi ieri alla questura di Parma
    PARMA - Lui, la compagna e l'amico. Per ora è questa la banda che ha rapito e ucciso il piccolo Tommy. Mario Alessi, 44 anni, il muratore dinoccolato e freddo, l'uomo che un paio di giorni fa ha avuto il coraggio di dire: "Mi rivolgo ai rapitori, liberatelo".

    Antonella Conserva, la compagna sempre premurosa nei suoi confronti, la donna che ha avuto il coraggio di dire: "Il signor Paolo Onofri, farebbe bene a ripulirsi della sporcizia che lo circonda piuttosto che fare i nomi dei muratori".

    Salvatore Raimondi, 27 anni, rimasto nell'ombra fino a ieri, l'amico fidato, di famiglia siciliana ma nato a Parma, l'uomo temprato nelle rapine che poteva essere la spalla giusta per un'azione che Alessi ha pensato di portare a termine senza complicazioni, ma che con il complice ha trasformato in una tragedia nemmeno due ore dopo.

    La pista dei siciliani, per un rapimento senza capo né coda, finito con la morte del piccolo Tommy. Mario Alessi è l'uomo che ha avuto l'idea del sequestro mentre lavorava come muratore alla cascina degli Onofri a Casalbaroncolo. Dai primissimi giorni è finito nel mirino, usciva dalla Procura con un maglione tirato sulla testa, lasciando intravedere i capelli folti e ondulati.

    Per un mese ha recitato la parte dell'uomo ingiustamente sospettato, trascinato in una storia infamante per una semplice coincidenza: "La mia unica colpa è stata quella di aver lavorato alla ristrutturazione di quella cascina, nient'altro. Io non ho fatto nulla di male. Il signor Onofri mi trattava bene, mi ha sempre pagato, non ho nulla contro di lui".

    Ha recitato da grande attore davanti ai taccuini e alla telecamere, ha fatto interviste televisive pagate non si sa, ma certo lui i soldi li chiedeva, eccome, li ha chiesti a tutti: "Ho bisogno di soldi, non lavoro più da quando la polizia mi segue tutti i giorni. Ho perso del lavoro, come faccio a presentarmi in un cantiere da un geometra se poi mi arriva la polizia e mi porta di nuovo in Questura?". Aveva già ucciso Tommy, ma per dichiarare che non c'entrava nulla prometteva "lo scup" con un sorriso beffardo a chi gli avesse offerto la cifra più alta, fumando l'ennesima, immancabile sigaretta.

    Cacciava via le telecamere dal suo giardino, nella cascina contadina con orto e poi le richiamava per vedere se potesse ricavarne qualcosa. E diceva anche: "Il bambino è il cuore di una famiglia e non si può togliere il cuore ad una famiglia".

    Gli inquirenti lo hanno sospettato perché il suo alibi ha cominciato a traballare qualche minuto dopo che l'aveva affermato. Grazie agli uomini dello Sco è stato scoperto.. La barista di Casaltone l'ha ripetuto in tutte le salse: "Questo signore qui nel mio bar dalle 19 e 30 alle 20 e 15 del 2 marzo non c'è mai stato. Lo so perché in quell'orario nel mio bar non c'è stato nessuno". E lui a ripetere: "L'alibi ce l'ho, verrà chiarito tutto".

    La moglie Antonella Conserva, accusata di essere andata a riprendere Alessi vicino al luogo del rapimento, ha sempre difeso il suo compagno. E si lamentava per il proprio figlio, che ha più o meno l'età di Sebastiano, fratello di Tommaso: "La polizia non ci lascia più vivere, è arrivata di notte due volte e il mio bambino si sveglia in continuazione, ha gli incubi".

    Una coppia unita nel bene e nel male, quando Alessi - che è stato condannato in secondo grado per lo stupro di una ragazza di 22 anni compiuto davanti al fidanzato di lei nel 2000 in Sicilia - è uscito dallo studio della sua avvocatessa Laura Ferraboschi, lei lo abbracciava stretto, come a proteggerlo e comunque a comunicargli che le sarebbe stata sempre accanto.

    La donna è entrata nella vicenda perché accusata di aver aiutato il compagno nel rapimento. Non era presente nella casa del rapimento, ma a quanto risulta ha fatto una telefonata in quei momenti con il suo cellulare: probabilmente sapeva delle intenzioni del compagno. Comunque il suo apporto sarebbe stato importante. E anche quella telefonata dimostra tutta l'approssimazione con la quale il gruppo ha realizzato l'operazione.

    Il personaggio più misterioso finora è Salvatore Raimondi, che è amico di Alessi, precedenti penali per rapina e spaccio, ma anche l'uomo che è crollato per primo davanti all'incalzare delle domande degli investigatori della polizia.

    (2 aprile 2006)
    quando ho pensato di iniziare a capire le donne ho capito che non avevo capito un caxxo
    :azz:
  2. Deus In Macchina  
        Mi trovi su: Homepage #4337482
    Originally posted by DYD_1974
    Io mi domando come si faccia a uccidere un bimbo e avere anche la faccia da culo di dire certe cose.....
    non ci sono aggettivi per descriverlo:(
    ------------------------------------------------
    YOU GOT MUCH COMPLEX THAN THE FIRST MAY CONCERT!
    c'hai più complessi tu ch'er concerto der primo maggio

  Alessi aveva ucciso e diceva 'liberatelo'

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina