1.     Mi trovi su: Homepage #4342739
    Fonte goal.com

    L'opinione: chiedete a Paolo cosa ne pensa!

    Il Brescia, ma non solo, vittima della sindrome da esonero televisivo. E il campionato si riapre.

    Non sono gol (ce ne sono stati di bellissimi), rigori, parate ed espulsioni a meritare la copertina del punto cadetto della settimana. No. Stavolta vogliamo partire da lui, dall'ultras bresciano Paolo, un nome comparso sulle curve, sulle tribune, nelle menti e nei cuori di tanti sostenitori di ogni latitudine italica nei mesi precedenti a questo sabato di campionato appena trascorso. Paolo è tornato in curva, ha salutato tutti, si è rimesso a tifare il suo Brescia e al momento di guardare il prato verde, probabilmente, si sarà posto due quesiti.

    Il primo: ma la gente, tutta la gente italica, di quel che mi è successo, cosa ne sa? Chi e come l'ha informata? Cosa si è saputo di quel pomeriggio di Verona-Brescia? Perchè c'erano tutti quei messaggi a me dedicati in ogni dove e per me non è stato speso uno e dico uno speciale televisivo? Non ho lottato anche io tra la vita e la morte come la sfortunata tifosa della Sampdoria colpita ad Ascoli? Perchè nessuno (o quasi) mi ha intervistato? Perchè dovunque, tra la gente che frequenta gli stadi, si chiedevano verità sul mio caso? Probabilmente si sarà sorpreso, probabilmente no, ma una cosa è certa. Il fatto di vederlo tornare in curva, Paolo di Brescia, non può che rendere felici tutti, ma davvero tutti. Indipendentemente da chi ha avuto colpe gravi, da chi le colpe le ha scaricate e da chi ha voluto chiaramente fare in modo che non si desse la possibilità di farsi un opinione su quello che è successo. Perchè abbiamo voglia (tutti, crediamo) che ci venga tolto l'anello dal naso e perchè ci rendiamo conto che, comunque si guardi qualsiasi avvenimento, nulla accade senza un motivo. Nulla.

    Il secondo: ma che ci fa, il mio Brescia, così disposto in campo? Cosa è successo? Non che mi interessi molto, per me il Brescia è "il Bresa" sia in serie A con Roby Baggio in campo, sia in Eccellenza (sperando di non doverlo mai raccontare, chiaro). Ma perchè non c'è più il mister Maran? Ma non eravamo quarti in classifica? Ah, è stato avvicendato per fare spazio a Zeman. Ma il boemo non è quello dagli schemi consolidati e quindi studiati e ristudiati nelle lunghe sedute di allenamento? E che lunghe sedute di allenamento puoi fare ad un mese e mezzo dalla fine del campionato? Mah, forza Brescia sempre e comunque, ma questa proprio non la capisco.

    E' un gioco, sia chiaro, Paolo condividerà solo una piccolissima parte di quanto da noi ipotizzato sul suo pensiero. Ma l'importante è quello di essersi resi conto di due cose, in questo weekend. La prima, ovvero che quel ragazzo, per molti, è uno sconosciuto e per quello che "si dice" sia successo quel pomeriggio di Verona-Brescia, non dovrebbe esserlo. La seconda è che dall'anno prossimo in molti ci penseranno su diverse volte prima di esonerare un tecnico solo per dare un nove colonne ai giornali. Perchè Crotone, Cesena e Torino siano d'esempio a Brescia, Modena e Bologna. Perchè il calcio si chiama calcio, il fantacalcio si chiama fantacalcio. Allora brave Atalanta e Catania nonostante il punto su sei disponibili, ma occhio. Perchè il Mantova caracollante si riavvicina e non ha nessuna voglia di mollare l'osso. E bentornato Paolo.

    Daniele Perticari

  L'opinione: chiedete a Paolo cosa ne pensa!

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina