1.     Mi trovi su: Homepage #4349073
    Sky: "Provvedimento demagogico"

    La decisione di anticipare il derby Milan-Inter alle 18.00 di venerdì, presa dal prefetto del capoluogo lombardo per motivi di ordine pubblico, ha suscitato l'immediata reazione delle televisioni che gestiscono i diritti delle gare del campionato di serie A. Sky, attraverso il suo direttore della comunicazione Tullio Camiglieri, considera il provvedimento "demagogico e punitivo" e tale da non risolvere il problema.

    Prima la data, ora l'orario. Il derby della "madonnina" tra Milan ed Inter rischia davvero di non finire di generare polemiche. Se la ribellione della Chiesa sulla decisione di anticipare la gara di campionato al venerdì Santo non aveva sortito gli effetti sperati, tuttavia anche la decisione di spostare alle 18 il calcio d'inizio del derby non ha trovato d'accordo soprattutto le televisioni che gestiscono i diritti delle gare del campionato di Serie A. Vibrata la protesta di Sky che, attraverso il proprio direttore della comunicazione Tullio Camiglieri ha bollato come "demagogico e punitivo" il provvedimento.

    "Apprendiamo con sorpresa che in una città come Milano non si può giocare il derby alle 20.30 - questo il duro commento di Camiglieri - Innanzitutto ci sembra che questo provvedimento punisca soprattutto i tifosi che alle 18 di venerdì lavoreranno e non potranno vedere la partita. Ma punisce anche chi ha investito sul calcio, in particolare Sky e Mediaset che hanno i diritti pay delle partite". Inoltre, il direttore della comunicazione dell'azienda di Murdoch ha inviato una stoccata al questore Paolo Scarpis: "Non ci sembra che questa sia la soluzione ai problemi di ordine pubblico: chi ha intenzione di provocare disordini andrà comunque al derby, gli unici penalizzati saranno, ribadisco, i normali appassionati". Infine per Camiglieri: "sarebbe bene pensare realmente di affrontare il problema della tutela dell'ordine pubblico negli stadi, evitando misure demagogiche e punitive per i tifosi".

    Va ricordato che la decisione di anticipare l'orario d'inizio della gara era giunta dopo un'attenta analisi dei problemi che sarebbero potuti scaturire dopo gli incidenti di Malpensa durante i quali i giocatori dell'Inter furono aggrediti da alcuni pseudo-tifosi. Tuttavia, il Prefetto, i rappresentanti dell'Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, più l'assessore comunale Aldo Brandirali non hanno tenuto conto del patto di non belligeranza ormai vigente da anni tra le due tifoserie e delle rassicurazioni della Digos sull'impossibilità di un replay degli incidenti occorsi all'aeroporto milanese.

  Milan-Inter alle 18: è polemica tv

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina