1.     Mi trovi su: Homepage #4370859
    Il dg "anticipa" la società
    Luciano Moggi è pronto al grande passo. Dopo essere stato investito dalla bufera delle intercettazioni, il dg bianconero è sul punto di rassegnare le proprie dimissioni da direttore generale della Juventus. Il 68enne dirigente sembra intenzionato ad anticipare quando deciderà giovedì il cda del club bianconero. Intanto emerge il "metodo Gea": "Se vuoi giocare in una grande squadra devi firmare per noi".

    Il benservito da parte della famiglia Agnelli è molto più di una semplice ipotesi, ma Luciano Moggi potrebbe togliere d'impiccio la proprietà e rassegnare nella giornata odierna le sue dimissioni dalla carica di dg. Un decisione meditata a lungo, divenuta ora inevitabile visti gli ultimi sviluppi. Secondo indiscrezioni gli inquirenti della Procura di Napoli sarebbero in possesso di documenti sconvolgenti che potrebbero alterare l'esito degli ultimi due campionati. Si sta per chiudere nel peggiore dei modi una storia d'amore nata 12 anni fa e che ha portato nella bacheca juventina sei scudetti, una Champions League, una Coppa Italia, una Coppa Uefa, quattro Supercoppe Italiane e una Coppa Intercontinentale. La Triade, dunque, si spezzerà, ma è tutt'altro che scontato l'addio di Antonio Giraudo. L'amministratore delegato, infatti, con il 3,6% è il terzo azionista della società, dopo l'Ifil e Gheddafi e sta trattando una buonuscita: per le sue azioni vuole 16,5 milioni di euro, oltre 16 volte la somma da lui pagata per i 4,3 milioni di titoli.

    Non se la passa meglio il figlio Alessandro, coinvolto nello scandalo Gea. Secondo la Procura di Roma, che martedì ha iscritto nel registro degli indagati anche Chiara Geronzi e Franco Zavaglia, soci di Moggi Jr, con l'accusa di illecita concorrenza tramite minaccia e violenza, la società di procura sportiva ricorreva a minacce neppure tanto velate per convincere calciatori, allenatori e società a versare lauti compensi. "Vuoi giocare in una grande? Allora devi firmare per la Gea": era questo il ritornello che si sentivano ripetere un po' tutti. Sergio Cragnotti, ex presidente della Lazio, avrebbe versato nel 1997 alla Gea un miliardo delle vecchie lire per Fabio Liverani, il Parma, invece, 50 mila euro per il passaggio di Blasi alla Juventus. Era soprattutto il Perugia, come testimoniato dai fratelli Gaucci, ad avere i maggiori rapporti con la società di Alessandro Moggi.

    (www.tgcom.it)
  2. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #4370862
    Ho la convinzione che senza condanna in sede ordinaria non cambierà molto la situazione, perché se la FIGC non ha fatto nulla in 8 mesi non capisco cosa possa fare, a livello di giustizia sportiva, in futuro. Se Moggi dà le dimissioni secondo me non ci sarà alcun intervento sostanziale in fase di giustizia sportiva: lunga squalifica per Pairetto (già fatto fuori), interdizione magari per Mazzini (già accantonato) ed eventuale squalifica per Moggi, eventualmente dimissionario.
  3.     Mi trovi su: Homepage #4370866
    L'ad chiederà ricca buonuscita

    Dopo le pesanti accuse e le inchieste si spacca il fronte dirigenziale della Juve. Nel cda della Ifil in programma nel pomeriggio verranno chieste spiegazioni alla Triade, ma non uscirà niente di ufficiale. Moggi rassegnerà le dimissioni domenica, dopo il probabile 29° scudetto. Poi toccherà a Bettega. Più articolata la posizione di Giraudo, che possiede il 3,6% del pacchetto azionario: l'ad vuole 16 milioni di buonuscita.

    E' il giorno della resa dei conti in casa Juve. Un capitolo lungo 12 anni, quanto ha "governato" la Triade, si sta per chiudere definitivamente. Nel cda odierno della Ifil la Triade dovrà dare una spiegazione alla famiglia Agnelli, ma la rivoluzione verrà solo ufficializzata dopo la probabile conquista del 29° scudetto. Scontato l'addio di Moggi, che annuncerà domenica le sue dimissioni, lotterà fino alla fine e difenderà il suo operato Antonio Giraudo, il cui allontamento costerà alla proprietà circa 16 milioni di euro. L'attuale ad potrebbe restare fino a giugno, quando scade il suo mandato, come tutor del suo successore, che è già stato individuato: si tratta di Carlo Sant'Albano, attuale ad dell'Ifil, l'uomo che gestisce il patrimonio Agnelli e conosce cinque lingue. Laureato ad Harward, il 42enne dirigente non vive in Italia ma è un grande tifoso della Vecchia Signora. Nell'opera di ristrutturazione avrà un ruolo importante anche Jean Claude Blanc, che sostituirà Romy Gay nell'area Commerciale. Per il ruolo che è stato di Luciano Moggi, invece, sembra esserci un candidato unico: Franco Baldini, ex ds della Roma. Rimane sempre in bilico la posizione di Fabio Capello, attratto da un triennale offertogli da Massimo Moratti e dall'ennesima sfida della carriera: far tornare il sorriso sui volti dei tifosi dell'Inter, vincendo lo scudetto.
  4.     Mi trovi su: Homepage #4370867
    Visita al campo Sisport poche ore prima della riunione cda

    TORINO, 11 MAG - A poche ore dal consiglio di amministrazione della Juventus, il dg Luciano Moggi ha incontrato Capello e la squadra al campo 'Sisport'. La visita di Moggi e' durata circa un'ora. Il cda della Juventus e' convocato alle 16,30 nella sede di corso Galileo Ferraris.
  5.     Mi trovi su: Homepage #4370868
    Originally posted by Pezzotto
    Visita al campo Sisport poche ore prima della riunione cda

    TORINO, 11 MAG - A poche ore dal consiglio di amministrazione della Juventus, il dg Luciano Moggi ha incontrato Capello e la squadra al campo 'Sisport'. La visita di Moggi e' durata circa un'ora. Il cda della Juventus e' convocato alle 16,30 nella sede di corso Galileo Ferraris.
    mi piacerebbe sapere che caxxo si sono detti! :mad:
    :champion:Albo d'oro Superlega (aggiornato 30/5/07) :grazie: [url=http://forum.videogame.it/showthread.php?&postid=903504#post903504]Storico Squadre Superlega (xls aggio

  Juve, Moggi verso le dimissioni

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina