1.     Mi trovi su: Homepage #4378023
    questo quel che racconta Repubblica.

    Alemanno mostra la croce celtica
    scontro in tv con Daria Bignardi
    La replica della conduttrice: "Poteva evitare: io aggredita"

    <b>Alemanno mostra la croce celtica<br />scontro in tv con Daria Bignardi</b>

    ROMA - Puntata con polemiche reciproche questa sera a "Le invasioni barbariche", tra il candidato sindaco di Roma per la Cdl Gianni Alemanno e la conduttrice della trasmissione de "La 7" Daria Bignardi.

    Tutto per una croce celtica che l'esponente di An porta sempre con sè al collo e che la giornalista gli aveva chiesto di mostrare e di dire cosa rappresentasse per lui. L'ex ministro si è slacciata la cravatta, si è sbottonato il colletto della camicia e l'ha mostrata.

    "Sì, per me è un simbolo religioso e rappresenta un modo di essere del cristianesimo celtico. Lo porto come simbolo religioso e in ricordo dei miei amici persi". Ma Alemanno ha anche aggiunto: "Lei mi fa una violenza perché certe cose è meglio non metterle in campo". Bignardi ha risposto che bastava che "non me la mostrasse". "No, sembrava che mi volessi vergognare, io non mi tiro indietro".

    L'intervista è proseguita e non ci sono state altre polemiche. Quando Alemanno è uscito dallo studio e la conduttrice ha presentato gli ospiti del nuovo blocco della trasmissione, ha detto: "Mi hanno appena accusata di essere stata violenta, in realtà mi rendo conto di essere stata io aggredita".

    Immediata la risposta dell'ex ministro: ""In una trasmissione in diretta non ritengo che sia corretto chiedere ad una persona di esibire i simboli che porta al collo. La mia croce celtica è un simbolo religioso cristiano e lo porto in ricordo di un mio amico ucciso negli anni Ottanta da avversari politici. Come si può spiegare una cosa del genere in televisione senza creare confusione tra gli ascoltatori, che magari pensano che la croce celtica sia un simbolo politico estremista?"



    ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


    Come montare un caso quando non esiste. Lui ha messo il broncio, lei gli ha chiesto ilperchè, lui ha detto di essersi sentito violentato. lei si è scusata dicendo chenon voleva forzarlo. l'intervista è proseguita con toni cordiali. dopo due domande Alemanno era ancora "avvilito" e lei gli fa "mi faccia un sorriso, veramente mi scuso".. etc.. e Repubblica titola "Lite con la Bignardi in diretta TV"... :rolleyes: chi l'ha vista.. capirà che voglio dire.

    direi: CHE SCHIFO questo modo di fare giornalismo!
    [SIZE=1,8]"Mentre legge i resoconti dei problemi che s’agitano all’estero, se è un buon cittadino conservatore, con un linguaggio indo-europeo, ringrazierà una divinità ebraica di averlo fatto al cento per cento americano." (Studio dell'uomo, Ralph L
  2.     Mi trovi su: Homepage #4378024
    Originally posted by Canemacchina
    questo quel che racconta Repubblica.

    Alemanno mostra la croce celtica
    scontro in tv con Daria Bignardi
    La replica della conduttrice: "Poteva evitare: io aggredita"

    <b>Alemanno mostra la croce celtica<br />scontro in tv con Daria Bignardi</b>

    ROMA - Puntata con polemiche reciproche questa sera a "Le invasioni barbariche", tra il candidato sindaco di Roma per la Cdl Gianni Alemanno e la conduttrice della trasmissione de "La 7" Daria Bignardi.

    Tutto per una croce celtica che l'esponente di An porta sempre con sè al collo e che la giornalista gli aveva chiesto di mostrare e di dire cosa rappresentasse per lui. L'ex ministro si è slacciata la cravatta, si è sbottonato il colletto della camicia e l'ha mostrata.

    "Sì, per me è un simbolo religioso e rappresenta un modo di essere del cristianesimo celtico. Lo porto come simbolo religioso e in ricordo dei miei amici persi". Ma Alemanno ha anche aggiunto: "Lei mi fa una violenza perché certe cose è meglio non metterle in campo". Bignardi ha risposto che bastava che "non me la mostrasse". "No, sembrava che mi volessi vergognare, io non mi tiro indietro".



    L'intervista è proseguita e non ci sono state altre polemiche. Quando Alemanno è uscito dallo studio e la conduttrice ha presentato gli ospiti del nuovo blocco della trasmissione, ha detto: "Mi hanno appena accusata di essere stata violenta, in realtà mi rendo conto di essere stata io aggredita".

    Immediata la risposta dell'ex ministro: ""In una trasmissione in diretta non ritengo che sia corretto chiedere ad una persona di esibire i simboli che porta al collo. La mia croce celtica è un simbolo religioso cristiano e lo porto in ricordo di un mio amico ucciso negli anni Ottanta da avversari politici. Come si può spiegare una cosa del genere in televisione senza creare confusione tra gli ascoltatori, che magari pensano che la croce celtica sia un simbolo politico estremista?"



    ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


    Come montare un caso quando non esiste. Lui ha messo il broncio, lei gli ha chiesto ilperchè, lui ha detto di essersi sentito violentato. lei si è scusata dicendo chenon voleva forzarlo. l'intervista è proseguita con toni cordiali. dopo due domande Alemanno era ancora "avvilito" e lei gli fa "mi faccia un sorriso, veramente mi scuso".. etc.. e Repubblica titola "Lite con la Bignardi in diretta TV"... :rolleyes: chi l'ha vista.. capirà che voglio dire.

    direi: CHE SCHIFO questo modo di fare giornalismo!



    Hai ragione. E' uno schifo. Poi magari uno si va a cercare le puntate su internet pensando di vedere Alemanno che violenta la Bignardi in diretta e invece non è successo niente.:cool:
  3.     Mi trovi su: Homepage #4378025
    Ho visto una bella intervista...e ascoltato belle risposte.
    Alemanno...croce celtica o no...(anch'io ogni 29 aprile Recordo il mio conoscente Camerata proletario Sergio Ramelli)...è mille volte più dalla parte degli sfruttati che il buon Mastellone (solo per citarne uno)...e...se non fosse per la coalizione che lo supporta...sarei incerto...vivessi a Roma...se votare Lui o il salottier Veltroni.
  4.     Mi trovi su: Homepage #4378026
    Originally posted by SUPERPADREPIO
    Ho visto una bella intervista...e ascoltato belle risposte.
    Alemanno...croce celtica o no...(anch'io ogni 29 aprile Recordo il mio conoscente Camerata proletario Sergio Ramelli)...è mille volte più dalla parte degli sfruttati che il buon Mastellone (solo per citarne uno)...e...se non fosse per la coalizione che lo supporta...sarei incerto...vivessi a Roma...se votare Lui o il salottier Veltroni.


    ti quoto.
    [SIZE=1,8]"Mentre legge i resoconti dei problemi che s’agitano all’estero, se è un buon cittadino conservatore, con un linguaggio indo-europeo, ringrazierà una divinità ebraica di averlo fatto al cento per cento americano." (Studio dell'uomo, Ralph L

  Il Giornalismo, Oggi.

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina