1.     Mi trovi su: Homepage #4378956
    Cc: "Per aumentare il suo potere"

    Massimo De Santis preparava la successione a Pierluigi Collina, nel ruolo di arbitro italiano più rappresentativo. E' spiegato nel rapporto consegnato alla procura di Napoli dai carabinieri, nel quale si parla del fischietto di Tivoli, coinvolto nello scandalo che sta travolgendo il calcio italiano. Il direttore di gara voleva assicurarsi "un futuro tranquillo" ed aumentare "esponenzialmente" il suo potere.

    Si addensano ombre sempre più grandi sull'operato dell'arbitro di Tivoli, che doveva rappresentare l'Italia ai prossimi Mondiali. Secondo il rapporto dei carabinieri, De Santis è "un leader che ha catalizzato intorno a sè molti addetti ai lavori riuscendo a creare un vero e proprio 'centro di potere' non solo all'interno del gruppo capitolino, ma nell'ambito della Can di A e B, Can C e della Can di D".
    In particolare, si osserva, le Can di C e D, sono una risorsa strategica poichè "proprio le serie minori costituiscono la linfa vitale per l'esistenza del gruppo che De Santis è riuscito ad aggregare ed infatti, lo stesso proprio in queste ultime, ricerca i nuovi affiliati, in modo tale da contare sempre su un congruo numero di arbitri a lui collegati, opportunamente allevati sin dai livelli inferiori".

    Per i carabinieri, facevano parte della "combriccola" di De Santis arbitri ed assistenti come Luca Palanca, Enrico Ceniccola, Marco Alessandroni, Paolo Ricci, Maurizio Ciampi, Sergio De Santis e Manfredi Martino, collaboratore dei designatori Bergamo e Pairetto. L'influenza di De Santis nel sistema arbitrale si concretizza "nell'opera di affiliazione, che si estrinseca principalmente nell'esercitare pressioni sugli osservatori degli incontri per far lievitare il voto della prestazione agli arbitri a lui collegati, al fine di farli progredire agevolmente nelle graduatorie dell' Aia, fino a giungere ai primi posti".
    Così, De Santis "ottiene per gli arbitri delle serie minori la promozione nelle serie maggiori e per quelli già facenti parte di quest''ultima, la promozione nella fascia A, che consente loro di arbitrare gli incontri più significativi ed entrare nel giro degli arbitri internazionali con tutti i profitti derivanti sia in termini di visibilità che in termini di guadagni".
  2.     Mi trovi su: Homepage #4378957
    ricordo la sua ultima intervista, dopo il primo interrogatorio ..
    Io andrò ai mondiali, Me Lo sono guadagnato !!! (eidentemente riteneva di esserselo guadagnato ubdidendo a Moggi)

    ------------------------------------------------------------------------

    cmq il perchè tanti di questi scendono a patti lo stanno spiegando da giorni in TV: il RIMBORSO per un arbitraggio in serie A è intorno ai 5000 € a partita, è fin troppo ovvio che arbitrando spesso, uno si arricchisce; e non sgarrare con Moggi voleva dire arbitrare spesso ...


    non posso che chiedermi a quanto possa ammontare il RIMBORSO per una partita di Champions o del Mondiale

  De Santis, un futuro da "Collina"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina