1.     Mi trovi su: Homepage #4383956
    Con la Svizzera 1-1 come nel 1982

    Comincia con un pareggio la marcia di avvicinamento dell'Italia ai Mondiali. A Ginevra la formazione di Lippi ha pareggiato 1-1 contro la Svizzera, come 24 anni fa prima dei Mondiali di Spagna. Azzurri in vantaggio al 10' grazie a Gilardino, abile a insaccare un preciso assist di Grosso. La reazione dei padroni di casa porta al pareggio di Gygax al 31'. Totti ha giocato tutta la partita. Botta alla caviglia per Grosso.

    L'Italia comincia con un pareggio la marcia di avvicinamento ai Mondiali di Germania. E la mente, dopo l'1-1 con la Svizzera, non può non tornare al 1982, quando pochi giorni prima della fase finale in Spagna gli uomini di Berzot ottennero il medesimo risultato. E tutti sappiamo come poi è andata a finire. Cabala a parte, l'altra nota lieta della serata ginevrina è rappresentata dall'impiego per 90' di Francesco Totti. Il romanista ci ha messo un po' ad entrare in partita e ha fatto vedere le cose migliori nella ripresa, quando Lippi ha lasciato negli spogliatoi Del Piero. Nulla di trascendentale, figuriamoci, ma un ulteriore passo verso la forma migliore, che per forza di cose verrà riacquistata nel corso del torneo. Anche la prestazione di Fabio Cannavaro può far sorridere il ct: in coppia con Materazzi ha lasciato pochi spazi agli avanti elvetici. Ma ci sono anche le note dolenti, poiché gli azzurri hanno palesato una condizione generale ancora approssimativa e sono andati al tiro troppe poche volte. Solo spavento, per fortuna, per Grosso, uscito nella ripresa per una botta alla caviglia. Il terzino non preoccupa più di tanto, ma con Zambrotta ai box per almeno 15 giorni a Lippi è venuto qualche capello bianco in più. Dopo una buona partenza con una certa personalità, concretizzata con il sigillo di Gilardino, l'Italia ha subito un po' la pressione dei padroni di casa, perdendo qualche palla di troppo e risultando un po' troppo vulnerabile sulla fascia destra, con Magnin in versione Speedy Gonzalez che ha fatto ammattire Camoranesi e (soprattutto) Zaccardo. Anche la manovra di centrocampo è apparsa ancora un po' lenta e prevedibile: se poi ci aggiungiamo l'imprecisione sui calci da fermo (due buone chance per Pirlo e Totti), il pari è cosa fatta.

    Un risultato tutto sommato giusto, che ha rispecchiato i valori delle due squadre. L'ingresso di Toni e Iaquinta ha vivacizzato un po' l'attacco, ma i due sono troppo simili e difficilmente potranno coesistere in futuro. Lippi ha fatto uso di tutte e sei le sostituzioni: Oddo, De Rossi, Iaquinta e Toni sono entrati dopo l'intervallo, per Bonera e Perrotta uno spezzone di gara. Tra due giorni c'è l'Ucraina e Lippi sta già pensando alla prossima Italia. Che non sarà troppo diversa da quella vista a Ginevra. La prestazione complessiva ci auguriamo di sì...
  2.     Mi trovi su: Homepage #4383960
    "Col Ghana?Io mi metterei in campo"

    Totti è tornato, non può essere ancora al meglio dopo lo stop di tre mesi per l'infortunio, ma è già pronto a vivere un Mondiale da protagonista. Ha giocato per tutti i 90' del test amichevole contro la Svizzera, senza aver paura neppure dei contrasti più duri, alla faccia degli scettici. E si sente già pronto per l'esordio con il Ghana. "Ho bisogno di giocare il più possibile - ha dichiarato - Io mi metterei in campo".

    Francesco Totti è pronto a rivestire i panni di quel Pablito Rossi che ha fatto impazzire gli italiani nel Mundial '82, trascinando gli azzurri alla conquista del terzo titolo iridato. Certo, il capitano giallorosso visto contro la Svizzera non è ancora al 100%, d'altronde come potrebbe esserlo dopo tre mesi di stop per l'infortunio. Però è sulla via del recupero, a dispetto degli scettici che ritenevano impossibile il recupero lampo dopo una frattura al perone. Ed invece Totti nel match pre-Mondiale di Ginevra ha giocato per tutti i 90', senza risparmiarsi neppure nei contrasti con gli avversari, il primo ostacolo da superare quando si rientra da un infortunio. "Stasera li ho addirittura cercati, e due li ho pure vinti", ha dichiarato entusiasta il romanista che ha anche mostrato qualche buona giocata, alcune ripartenze e, come era prevedibile, anche momenti di pausa.
    Ora c'è l'ultimo match amichevole con l'Ucraina prima dell'inizio dei Mondiale, un'altra occasione per far riprendere il ritmo partita al "Pupone". Ma la soddisfazione per il ritorno in campo dal primo minuto è già evidente. "Ho bisogno di giocare il piu' possibile - ha spiegato Totti dopo la gara con la Svizzera, - purtroppo resta solo una partita, contro l'Ucraina. Sono al 60 per cento, questo lo so. Non sono quello dei giorni migliori. Però avrei firmato per una serata così. All'inizio era prevista una staffetta. Poi Lippi mi ha chiesto se ma la sentivo di restare in campo. Le gambe andavano, ho detto sì". Tra 11 giorni c'è l'esordio con il Ghana, ed a questo punto non è impossibile la sua presenza in campo. "Io mi metterei in campo - ha affermato - la stanchezza c'è, ma fisicamente sono a posto". E se la voglia di Mondiale è già così grande, chissà quante soddisfazioni potrà regalare alla maglia azzurra Totti quando sarà supportato anche dalla forma atletica...
  3. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4383963
    Originally posted by mbrio
    ma dove l'hanno visto il "Totti in forma mondiale"???


    Infatti.... :dunno: non mi è sembrato granchè..... cmq contenti loro a me basta che sia in forma veramente quando servirà...... :O :cool:
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.

  Italia, un pari beneaugurante

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina