1.     Mi trovi su: Homepage #4385277
    Calciopoli: De Santis da Pm Napoli

    Massimo De Santis, che si è recato nella mattinata di lunedì alla Procura di Napoli assieme ai suoi legali, ha presentato un'istanza di incompetenza territoriale. Secondo l'arbitro, indagato nell'inchiesta sullo scandalo che sta travolgendo il calcio italiano, gli atti per l'inchiesta sul calcio devono essere trasferiti da Napoli alla procura di Roma. I legali: "De Santis non è reponsabile dei fatti contestati".

    Mentre la giustizia sportiva sta facendo i primi passi, la Procura di Napoli sta continuando i suoi interrogatori nell'ambito dell'inchiesta ordinaria. Dopo aver sentito alcuni testimoni, come Mazzarri e Ivan Franceschini, è arrivato in Procura anche l'arbitro Massimo De Santis.
    Il fischietto di Tivoli, indagato proprio dai magistrati partenopei, ha fatto una mossa a sorpresa: ha presentato un'istanza di incompetenza territoriale per l'inchiesta. In pratica, De Santis chiede che le indagini sul mondo del calcio siano spostate da Napoli alla Procura di Roma.

    L'avvocato Costantino Cambi ha sottolineato che "l'associazione per delinquere se esiste non è a Napoli ma a Roma. Non abbiamo parlato minimamente del merito, di cui se ne parlerà a suo tempo". I legali del direttore di gara, che è stato escluso dalla Federazione dai Mondiali di Germania, contestano anche la pubblicazione degli atti sui giornali. Intercettazioni ("leggendo i libri acquistati in edicola") che, comunque, "dimostrerebbero l'assoluta non responsabilità di De Santis ai fatti contestati".
    Infine, una nota sulla giustizia sportiva: "Adesso ci dobbiamo concentrare sul processo sportivo - ha concluso l'avvocato dell'arbitro - mercoledì Borrelli ci interrogherà e ci difenderemo. De Santis non ha niente a che vedere con questa situazione, non è responsabile di nulla".

  De Santis: "C'è incompetenza territoriale"

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina