1. I'm only happy when it rains  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #4385607
    :eek: :eek: :eek: :eek: :eek:

    Canada, messa a punto dai matematici dell'università di Moncton
    "Si suona come una chitarra, ma ha suoni più ricchi e più esotici"
    Dal Canada arriva la "tritarra"
    uno strumento con le corde a Y
    di LUIGI BIGNAMI
    Dal Canada arriva la "tritarra"<br />uno strumento con le corde a Y

    ROMA - Al cuore di molti strumenti musicali, dalla chitarra al violino ad esempio, vi è sempre un semplice componente: una corda che viene stesa e accordata tra due punti precisi. Che sia corta o molto lunga, il suo compito in ogni caso è quello di creare delle vibrazioni che, grazie ad una cassa di risonanza, raggiungono l'orecchio dell'uomo all'interno del quale si producono i suoni piacevoli della musica.

    Nonostante la lunga storia dietro gli strumenti musicali a corda a nessuno era venuto in mente ciò che ha creato un gruppo di matematici canadesi: uno strumento musicale dove la corda che vibra ha una forma a "Y" e possiede 3 punti di ancoraggio.

    Cosa aggiunge questo alla musicalità di una corda strofinata o pizzicata che ha soli due punti di ancoraggio? "Il segmento in più aggiunge un'esotica sonorità, un sovratono che una singola corda non riesce a produrre", ha spiegato Samuel Gaudet dell'Università di Moncton, di New Brunswick, che insieme ad alcuni colleghi ha messo a punto il nuovo strumento musicale. Ciò che ne è uscito è stato chiamato "tritarra". Viene suonata proprio come un chitarra, ma anziché possedere sei semplici corde tese tra due punti, ne possiede sei stese tra tre punti. Le dita comunque, producono i suoni schiacciando la corda lungo il tratto più lungo.

    Quando si pizzica la corda di una chitarra convenzionale le cui corde sono tese solo tra due punti estremi si genera un suono con una frequenza fondamentale più una serie di armoniche. Queste armoniche sono due, tre o altri multipli della frequenza del suono fondamentale. Le armoniche nel loro insieme sono responsabili del timbro di un suono, ossia della sua qualità.

    "La tritarra, invece, genera non solo le classiche armoniche, ma anche un sovrasuono non armonico", spiega Gaudet. Se si ascolta il suono infatti, sembra di percepire la percussione di uno strumento simile ad una campana o ad un gong. L'effetto è legato proprio alla presenza di tale sovrasuono. In base al modo come ciascuna nota della tritarra viene suonato si può produrre uno o più sovrasuoni non armonici. "In questo modo lo strumento offre una ricchezza di sonorità che una chitarra è ben lontana dal produrre", ha detto Gaudet.

    Tutti d'accordo dunque, nell'introdurre questo nuovo strumento nelle band o nelle orchestre? Non proprio. Bernard Richardson, fisico e specialista del suono della Cardiff University del Galles commenta: " E' vero che la tritarra offre un suono molto più ricco di qualsiasi altro strumento a corde, ma non necessariamente possiamo dire che sia migliore. Alla mie orecchie infatti, giunge come una campana o un cimbalo un po' stonati".

    "La musica è molto soggettiva - risponde Gaudet- e non respingo il parere di Richardson. Tuttavia il suono della tritarra mi offre ispirazione e questo è molto".
    Il nuovo strumento è stato presentato per la prima volta al recente meeting della Acoustical Society of America.
    Comincio a credere che non conta quanto tu ami qualcuno: forse quello che conta è quello che riesci a essere quando sei con qualcuno.

  La tritarra....

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina